Pennoni con ragù di anatra, un piatto di pasta speciale

pennoni con ragu di anatra
Commenti: 0 - Stampa

Un primo prelibato? Ecco i pennoni con ragù di anatra

Avete mai assaggiato i pennoni con ragù di anatra? Se non lo avete ancora fatto, ma siete amanti della pasta e dei sughi alla carne, il suggerimento è sicuramente quello di assaggiare al più presto questo gustoso primo piatto. Infatti, la carne di anatra è qualcosa di speciale, sia per il sapore che per la sua consistenza e, pertanto, dona a questo piatto un valore aggiunto da non sottovalutare. Oggi ho portato questo piatto nella mia “schiscetta” in ufficio!!!!

Portarlo in tavola non sarà difficile ma, prima di farlo, ci sono alcune cose che dovreste sapere a riguardo: ecco le principali caratteristiche di questa ricetta…

La carne che fa la differenza…

La maggior parte di noi è abituata al classico ragù di carne ma, in questo caso, è tutta un’altra storia. Infatti, non si tratta della solita macinata: la carne di anatra è molto diversa e, di conseguenza, renderà speciale anche il vostro pasto. La prima cosa che dovreste sapere a riguardo è che con il termine “anatra” s’intendono diverse razze e specie che fanno comunque parte della famiglia degli Anatidi. Pertanto, quando andrete a comprare la carne, cercate di andare da qualcuno di fidato e fatevi consigliare la migliore.

pennoni con ragù di anatra

In generale, dovreste sapere che preparando i pennoni con ragù di anatra, potrete portare in tavola una deliziosa carne magra. Tuttavia, prima di cucinarla, sarà importante togliere la pelle in quanto essa è molto grassa e contiene incisive quantità di colesterolo. Ad ogni modo, è utile considerare anche che questo alimento è altamente proteico e, secondo i nutrizionisti, è adatto persino a coloro che stanno seguendo un regime alimentare dietetico (ma ovviamente è sempre necessario eliminare la pelle).

La carne di anatra è inoltre una ricca fonte di ferro e di potassio, rivelandosi così un cibo perfetto per coloro che soffrono di anemia e per le donne in gravidanza. Inoltre, è utile sapere che questo alimento contiene elevati livelli di vitamina PP e di vitamina A, diventando perciò anche un alimento alleato della salute della pelle, della vista, del sistema nervoso e cardiovascolare, nonché dell’apparato gastrointestinale. L’unica avvertenza consiste nel non consumare questa carne in caso di iperuricemia.

La scelta della pasta per un buon piatto di pennoni con ragù di anatra

Abbiamo parlato della carne di anatra, ma cosa possiamo dire della pasta? Ovviamente, persino quest’ultima va scelta con attenzione, in quanto è anch’essa la protagonista della ricetta. Il suggerimento principale consiste nello sceglierne una di elevata qualità, al fine di godere di un cospicuo apporto di fibre, utili aumentare il senso di sazietà, per migliorare i processi di assorbimento di grassi e zuccheri, per ottimizzare la digestione e regolarizzare l’intestino.

In pratica, un buon piatto di pennoni con ragù di anatra può darci nutrienti in quantità, ma anche tanta soddisfazione e bontà. Perciò, se amate i sughi di carne, il consiglio è di provare al più presto questo ragù. Vi conquisterà e lascerà tutti i vostri ospiti a bocca aperta! Provare per credere… Buon appetito!

Ingredienti per 4 persone

  • 360 gr. di Pennoni integrali La Molisana
  • 300 gr. di petto d’anatra
  • 270 gr. di pomodori pelati  a pezzettoni
  • 1 gambo di sedano
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 200 ml di brodo vegetale
  • 1/2 bicchiere di vino rosso
  • 1 spicchio d’aglio
  • erba aromatiche a piacere (Alloro, timo, salvia etc)
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe in grani

Preparazione

Lavate il sedano e la carota e tritate finemente. pelate lo spicchio di aglio.

Sbucciate e affettate finemente la cipolla.

Pulite il petto d’anatra della pelle e tagliate a dadini. lavate, asciugate e tritate le erbe aromatiche.

In una casseruola, rosolate  il trito di sedano e carota, la cipolla e lo spicchio d’aglio.

Quando il soffritto è ben rosolato aggiungete i dadini d’anatra e proseguite una decina di minuti prima di sfumare con il vino e aggiungere i pomodori.

Regolate di sale, pepe e aromatizzate con le erbe aromatiche tritate.

Bagnate il tutto con il brodo vegetale e lasciate cuocere per circa un’ora a fiamma bassa e con il coperchio.

Cuocete la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolatela e conditela con il ragù d’anatra. Mescolate bene e servite subito.

5/5 (301 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-09-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti