Anatra ripiena al forno, il piatto per le grandi occasioni

anatra ripiena al forno
Stampa

L’ anatra ripiena al forno è un piatto importante, uno di quelli che si fa nelle grandi occasioni. Suscita sempre stupore e curiosità tra i commensali e, di sicuro, fa sempre una bella figura (se riesce bene) in tavola. Diciamolo tranquillamente, chi preparare l’anatra al forno acquisisce immediatamente lo status di bravo cuoco.

Quindi, se volete ricevere riconoscimenti e qualche punto in più come chef, seguite la ricetta che trovate in fondo alla pagina. Ma prima, leggete qualcosa in più sull’anatra che, non si sa mai, vi fanno qualche domanda.

Anatra ripiena al forno, un secondo per le grandi occasioni

L’anatra ripiena al forno è un secondo piatto piuttosto classico, che in passato veniva proposto durante le grandi occasioni, vista la prelibatezza delle sue carni. Oggi è alla portata di tutti, per quanto la carne di anatra sia meno reperibile di tante altre. Vale proprio la pena di preparare l’anatra al forno, anche perché la ricetta, oltre ad essere incredibilmente gustosa, è relativamente semplice da preparare. Si tratta, infatti, di creare una farcitura e riempire un’anatra ben pulita da 1 kg. Ovviamente, dovrete fare molta attenzione alla fase di “chiusura”, in quanto vi è il rischio che la carne si apra in fase di cottura. La ricetta può essere l’occasione per gustare la carne di anatra, che non è certamente tra le più consumate.

A seconda della tipologia di anatra (domestica o selvatica) può essere più o meno simile al tacchino, per quanto si caratterizzi sempre da un sentore leggermente e gradevolmente aspro. Alcuni la considerano come una via di mezzo tra la carne bianca e la carne nera. Per quanto concerne la consistenza, è generalmente molto tenera, tuttavia la carne di anatra domestica lo è un po’ di più. I valori nutrizionali della carne di anatra sono eccellenti. E’ innanzitutto una buona fonte di proteine, che costituiscono circa il 22%. I grassi sono presenti, ma non in misura eccessiva (ogni etto ne contiene 8 grammi). Molto rilevante è l’apporto di sali minerali, con esplicito riferimento al potassio, al fosforo e al ferro. Infine, contiene molte vitamine del gruppo B e una quantità non irrilevante di vitamina A. L’apporto calorico della carne d’anatra è piuttosto ridotto, pari a 160 kcal per 100 grammi.

Una farcitura davvero squisita

Uno dei punti di forza dell’anatra ripiena al forno è la farcitura, che è veramente ricca di sapore. D’altronde, la lista degli ingredienti è abbastanza lunga. Nello specifico, la farcitura si prepara con il pane raffermo ammollato nel latte, le uova e i funghi. Non mancano alimenti di carne, e in particolare la polpa di maiale e i fegatini di pollo. Per quanto concerne di condimenti, vanno impiegati il sale, il pepe e un po’ di marsala.

Per realizzare la farcitura è necessario riunire tutti questi ingredienti in una ciotola e amalgamare con cura. Il consiglio è di seguire fedelmente la ricetta, soprattutto in riferimento alle dosi. Premiare un alimento piuttosto che un altro, infatti, potrebbe causare uno sbilanciamento sotto il profilo organolettico e rendere la farcitura meno stabile.

Anatra ripiena al forno

Il ruolo degli alcolici

La ricetta dell’anatra ripiena al forno prevede l’impiego del marsala, un vino dolce siciliano. Esso interviene nella fase di preparazione della farcitura, dunque funge da ingrediente vero e proprio. Nello specifico, contribuisce ad una migliore amalgama e conferisce maggiore dolcezza al composto.

Dell’anatra bisogna sapere che è una delle carni maggiormente utilizzate nel mondo, in Italia un po’ meno. Nella cucina cinese popolare, ad esempio, predomina l’anatra alla pechinese, ma anche più a Ovest, negli Stati Uniti, l’anatra è molto apprezzata, un dato riporta che nel 2004 sono state consumate la bellezza di 26 milioni di anatre nel Paese.

Nonostante l’anatra sia classificata come pollame, la sua carne è considerata rossa, il colore, infatti, è più scuro di quella del pollo e del tacchino; per questo, la carne dell’anatra deve essere cotta un po’ al sangue come quella del manzo. Dell’anatra si mangiano soprattutto il petto e le cosce, più scure e grasse.

Dovete sapere, poi, che dell’anatra si utilizzano in cucina anche le interiora, reni e cuore; il fegato è una vera prelibatezza, anche se troppo spesso, i metodi per ricavarlo sono brutali per l’animale. A volte, il fegato d’anatra è utilizzato al posto del fegato d’oca per il foie gras.

Per quanto riguarda l’aspetto nutrizionale, la carne dell’anatra si avvicina parecchio a quella del pollo e del pollame in generale. Magra, poco calorica, facilmente digeribile. 100 g di anatra corrispondono a circa 130 calorie, ovviamente il valore sale in funzione del tipo di ricetta che avete seguito.

Allora, adesso che sapete molte più cose sull’anatra siete pronti a cucinarla e fare la vostra bella figura?

Anatra ripiena al forno , il piatto per le grandi occasioni

Ingredienti per 6-8 persone:

  • 1 anatra pulita del peso di 1 kg,
  • 1 dl. di marsala,
  • 100 gr. di carne di manzo,
  • 100 gr. di mortadella,
  • 40 gr. di fegatini di pollo,
  • 30 gr. di olive nere denocciolate,
  • 30 gr. di funghi secchi,
  • 200 gr. di cavolo nero,
  • 2 patate,
  • 1 uovo,
  • q. b. di mollica di pane raffermo consentito,
  • 1 bicchiere di latte intero consentito,
  • 3 cucchiai di olio d’oliva extravergine,
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dell’anatra ripiena al forno iniziate immergendo i funghi per 10 minuti nell’acqua. Dopodiché sgocciolateli, strizzateli e realizzate un trito usando un semplice coltello. Ripetete il procedimento con il pane raffermo, ma ammollatelo nel latte anziché nell’acqua.

Lavate e sbollentate per 10 minuti il cavolo nero in abbondante acqua salata. Scolate e strizzate bene. Tagliate a striscioline.Lessate le patate per circa 5 minuti in abbondante acqua salata e tagliate a piccoli dadini.

Poi realizzate un trito con la carne di manzo, la mortadella e i fegatini. Ora prendete una ciotola e mettete il trito di carne, poi aggiungete le olive denocciolate, l’uovo, il marsala, il pane raffermo ammollato, i funghi, il cavolo, le patate, un po’ di sale e un po’ di pepe. Mescolate il tutto e amalgamatelo per bene.

Riempite l’anatra con il composto così ottenuto. Poi cucite l’apertura con dello spago da cucina. Posizionate l’anatra farcita in una teglia già unta di olio e regolate con un po’ di sale. Cuocete nel forno (preriscaldato a 180 gradi) per 1 ora e 45 minuti circa. Mentre l’anatra cuoce, bagnatela di tanto in tanto con un po’ di marsala e con il suo stesso sugo. Quando la cottura è giunta al termine, sfornate l’anatra, eliminate lo spago, tagliate a fette e servite su un ampio vassoio.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


28-02-2014
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti