Crostata con confettura di sambuco, un dessert speciale

Crostata con confettura di sambuco
Commenti: 0 - Stampa

Crostata con confettura di sambuco, un’ottima alternativa

La crostata con confettura di sambuco, lo si evince dal nome, non è una crostata come le altre. La peculiarità risiede proprio nella farcitura, una confettura realizzata con un ingrediente che non fa parte dell’alimentazione di tutti i giorni, ossia le bacche di sambuco. Una confettura dal sapore marcatamente aromatico, che sa valorizzare i dolci e “rendere” molto anche a livello di texture. Per quanto riguarda la base si procede con una normale pasta frolla. A tal proposito, avete a disposizione due possibilità. Potete realizzarla in casa, e dunque dilettarvi in uno degli impasti principi della pasticceria occidentale, oppure potete acquistarla già pronta, risparmiando tempo e fatica.

Il consiglio è di preferire questa seconda alternativa, a patto però di scegliere un prodotto di qualità. Tra l’altro, le basi pronte hanno in dotazione una carta forno “perfetta” per dimensioni e forma. Una comodità in più, che facilita ulteriormente la preparazione di questa crostata. Per il resto, si segnala la presenza di una decorazione bella da vedere e buona al palato, formata dalla granella di nocciole.

Come preparare la confettura di sambuco?

L’ingrediente principale di questa crostata è ovviamente la confettura di sambuco. Al supermercato di confetture del genere non se ne trovano, dunque dovrete procedere con la preparazione in prima persona. Non vi preoccupate, il procedimento è solo leggermente diverso dalle altre confettura, ma non pone in essere difficoltà di sorta. Nello specifico le bacche vanno lavate accuratamente, successivamente vanno scaldate (ma non cotte) e passate con un passaverdure, in modo da ricavare una specie di polpa. Questa va filtrata e messa a cuocere abbondantemente con il limone e lo zucchero.

La cottura dovrebbe durare un’ora, un lasso di tempo durante il quale sarete chiamati a mescolare spesso. La confettura così ottenuta va fatta raffreddare e potrà così essere impiegata. Per quanto riguarda la conservazione, essa va affidata necessariamente a dei barattoli sterilizzati in modo da prevenire una dannosa proliferazione batterica. La confettura di bacche si presenta con una texture molto liscia, dovuta principalmente alla fase preliminare (riscaldamento, passata e filtraggio). Dunque, può essere applicata senza facilmente sulla pasta frolla.

Le proprietà delle bacche di sambuco

In merito alla ricetta della crostata con confettura di sambuco vale la pena spendere qualche parola sulla bacche di sambuco. Si tratta dei frutti del sambuco, una pianta dalle mille proprietà, protagonista a livello gastronomico ed anche erboristico – medicinale. Il sambuco spicca per la  sua versatilità, dal momento che si utilizzano sostanzialmente tutte le sue componenti, foglie comprese. Per quanto concerne le bacche, va rilevato un sapore molto peculiare, tra l’amarognolo e l’aromatico. Tuttavia, si fa apprezzare da tutti i palati, soprattutto quando viene utilizzato in preparazioni dolciarie, come in questo caso. Le bacche di sambuco sono eccellenti anche sotto il profilo nutrizionale. Il riferimento è ovviamente alla vitamina C, abbondante come in pochi alimenti. La vitamina C esercita una funzione antiossidante, dunque è un anti-tumorale e impatta positivamente sul sistema immunitario. Le bacche di sambuco contengono anche tanta vitamina A, che fa bene agli occhi e non solo.

Crostata con confettura di sambuco

Si ha una certa abbondanza anche di sali minerali. Tra questi spicca il potassio, che regola la pressione sanguigna e aiuta a risolvere i casi di ipotensione. Le bacche di sambuco contengono molti carboidrati, una caratteristica rara tra gli alimenti vegetali non cerealicoli e non afferente alla categoria dei tuberi. Allo stesso modo sono ricche di acqua e fibre, proprio per questo vantano proprietà sia disintossicanti che digestive, anzi possono essere considerate moderatamente lassative. Un altro pregio del sambuco è l’assenza di nichel, una buona notizia per chi soffre di intolleranze alimentari riguardante questa sostanza. Fate comunque molta attenzione in fase di raccolta in quanto alcune piante di sambuco sono velenose. Il problema è che sono anche poco riconoscibili. Tuttavia, quando le bacche sono rivolte verso l’alto è probabile che la pianta sia velenosa.

Una decorazione gustosa e bella da vedere

La decorazione della crostata con confettura di sambuco è affidata alla granella di nocciole. In questo caso, anziché tostare la nocciola separatamente e poi apporla sul dolce, va aggiunta quando mancano pochi minuti al completamento della fase di cottura. In questo modo la granella acquisisce una certa croccantezza senza doverla tostare a parte. La presenza della nocciole conferisce gusto alla crostata e la completa al meglio. Ciò che pochi sanno, però, è che la nocciola può dire la sua non solo dal punto di vista organolettico, ma anche nutrizionale.

Esatto, a suo modo, le nocciole fanno bene alla salute. Certo sono caloriche, infatti siamo sulle 600 kcal per 100 grammi, ma i grassi contenuti sono essenzialmente “buoni” in quanto giovano alla salute dell’apparato cardiocircolatorio. Le nocciole spiccano anche per il contenuto di vitamine. Su tutte si segnala la vitamina E, che tra le altre cose esercita una funzione antiossidante e di prevenzione su alcune forme tumorali. Le nocciole, anche sotto forma di granella, sono ricche di fibre, dunque aiutano la digestione. Infine, si segnala un grande apporto di sali minerali, come il calcio, il magnesio e il fosforo.

Ecco la ricetta della crostata con confettura di sambuco:

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di confettura di bacche di sambuco,
  • 1 base di pasta frolla consentita,
  • 1 cucchiaio di latte intero,
  • q. b. di granella di nocciole.

Preparazione:

Per la preparazione della crostata con confettura di sambuco iniziate stendendo il rotolo di pasta frolla, con carta da forno, in uno stampo da crostata da 22 cm. Ovviamente potete utilizzare la carta da forno presente nella confezione. Poi rimuovete la pasta in eccesso e mettetela da parte. Ora distribuite la confettura sulla base di pasta frolla, livellandola con il dorso di un cucchiaio.

Con la pasta frolla in eccesso create delle stelline da apporre sulla farcitura, così come vedete in foto. Date una spennellata di latte su tutta la superficie della frolla. Infine, cuocete la crostata nel forno preriscaldato a 180 gradi per 25 minuti. Tuttavia, 5 minuti prima del termine della cottura, decorate con la granella di nocciole. Quando è pronta, fate intiepidire la crostata, prelevatela dallo stampo, e fatela raffreddare su una gratella prima di servire.

5/5 (504 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-06-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti