Colazione nordica, una colazione davvero particolare

colazione nordica
Commenti: 0 - Stampa

Colazione nordica, un diverso approccio al primo pasto della giornata

Conoscete la colazione nordica? Scommetto di no, a meno che non abbiate vissuto per un certo periodo di tempo nelle penisola scandinava. D’altronde la cucina scandinava è molto diversa da quella mediterranea, e tutto ciò al netto delle influenze che, a partire dal Medioevo, i popoli nordici hanno esercitato alle nostre latitudini. Basti pensare che alcuni degli alimenti attualmente più diffusi provengono dai paesi scandinavi. Il riferimento è ovviamente allo stoccafisso e al baccalà. La gastronomia scandinava si basa su alcuni principi basilari, che si declinano in tutti i pasti della giornata. Per esempio, vi è una leggera preferenza per i piatti freddi, dovuta alla storica difficoltà che quelle popolazioni nutrivano nel mantenere caldi i cibi. Nondimeno, vi è una straordinaria abbondanza di cibi proteici e ricchi di carboidrati.

La presenza di verdura e frutta è attestata, ma è più scarsa rispetto alla cucina mediterranea. Nella cucina si abbonda di pesce, e in particolare il merluzzo e le aringhe. Anche le carni rosse di grossa taglia non possono mancare. La carne di renna, che da noi è quasi sconosciuta, è tra gli alimenti fondanti di molte popolazioni scandinave. Per quanto concerne la colazione si abbonda in quanto è il pasto più importante della giornata in tutti i sensi. Buona parte del fabbisogno calorico giornaliero si soddisfa proprio appena alzati, prima di intraprendere le attività della giornata. Pane, pesce e uova sono le classi di alimenti più consumati a colazione.

Il primo pasto della giornata in Svezia

Qui di seguito troverete un piccolo ma esaustivo excursus sulla colazione nordica. Parleremo delle tradizioni dei paesi della penisola scandinava, ovvero Svezia, Norvegia e Islanda. Includeremo anche l’Islanda e la Danimarca, accomunati culturalmente agli altri paesi benché parte di aree geografiche diverse. Partiamo proprio dalla Svezia. Il pane è un elemento fondante della colazione svedese. Si consuma spesso il pane “tradizionale”, realizzato con la segale. Un pane certamente povero, ma incredibilmente nutriente in quanto ricco non solo di carboidrati ma anche di proteine e fibre. Il pane è in genere condito con il burro, anche se non mancano i formaggi a media stagionatura e il prosciutto affumicato.pane nero danese

Il latte è abbastanza consumato, ma a colazione si preferisce il filmjolk, una bevanda densa che assomigli allo yogurt. Di importazione anglosassone, ma ormai nella maggior parte delle usanze svedesi, vi è il porridge, arricchito sovente con marmellata e cannella. La prima colazione svedese prevede anche il consumo di uova sode.

La colazione in Norvegia

Quella norvegese è una colazione tipica nordica tra le più interessanti. Per certi versi assomiglia a quella svedese, d’altronde i paesi sono contigui e si sono spesso influenzati a vicenda. Troviamo dunque le fette di pane di segale, le uova sode e i salumi, spesso affumicati. Al netto di ciò, si segnala una straordinaria abbondanza di pesce. Per quanto possa sembrare strano al palato di un mediterraneo, in Norvegia si inizia la giornata con del pesce azzurro, merluzzo e aringhe in primis, conservato sott’aceto e affumicato. Ovviamente a colazione si consumano grandi dosi di salmone affumicato. Non c’è di cui stupirsi, infatti la Norvegia è conosciuta soprattutto per il salmone.

Può sembrare un approccio sui generis, ma il salmone garantisce tanta energia e fa bene alla salute. I pesci azzurri, infatti, oltre ad apportare tantissime proteine forniscono acidi grassi che proteggono il cuore e la circolazione (acidi grassi omega tre). Un’altra pietra miliare della cucina norvegese è il brunost, un formaggio caprino e vaccino dal suggestivo colore marrone. E’ realizzato con una quantità di serio superiore alla norma, che gli conferisce un sapore caramellato.

La colazione in Danimarca

Quella danese è una delle colazioni meno nordiche. E’ infatti frutto delle influenze provenienti dalla vicina Germania e dai paesi baltici. Sicché troviamo una spiccata abbondanza di pesce, ma anche di carne. Si predilige il salmone al merluzzo e abbondano i salumi, i wurstel e le uova. Le uova vengono consumate sode o più raramente strapazzate. Proprio in virtù delle influenze mitteleuropee, la colazione danese è anche molto dolce. I carboidrati vengono forniti da tutta una serie di paste sfoglie e impasti flagranti che sono più inclini alla sensibilità dei popoli mediterranei.

Molto utilizzato è il burro, di qualità superiore rispetto al burro che si trova in genere alle nostre latitudini. Questa è una netta influenza della cucina tedesca, che fa ampio uso di questo alimento non solo per il consumo a crudo, ma anche per la cottura (in sostituzione dell’olio). Sempre nell’ambito delle colazioni dolce, abbondano le confetture e le creme.

La colazione in Finlandia

Anche quella finlandese è una cucina nordica “mista”, che si fregia delle influenze di altre gastronomie. Il riferimento è in particolare alla cucina russa e soprattutto alla cucina dei lapponi. In linea di massima ritroviamo il caro vecchio pane di segale, che come avrete capito rappresenta un leitmotiv della cucina nordica. Esso viene accompagnate con il latte, il miele e la confettura se si opta per una colazione dolce. Discorso radicalmente diverso per le colazioni salate. In questo caso si va sul semplice, ma anche sull’efficace. Troviamo, infatti, un’ampia varietà di salumi e formaggi, spesso poco stagionati e simili al brunost norvegese.

Caso più unico che raro per le cucine scandinave, a colazione si consuma anche il riso. Infatti la Carelia, storica regione finlandese, ospita alcune tra le più estese e proficue colture di riso dell’Europa settentrionale. In genere, va detto, la colazione finlandese, al pari di quella danese, è piuttosto “anglosassone”. D’altronde non mancano i succhi di frutta e le uova strapazzate. Un elemento di diversità è lo yogurt, che viene consumato nelle varie declinazioni locali.

Cosa mangiano la mattina in Islanda?

La colazione islandese è la colazione nordica più completa, in quanto frutto delle influenze di tutti i paesi della penisola scandinava. Sicché ritroviamo, ancora una volta, il pane di segale, nonché il pesce azzurro affumicato, il salmone, i formaggi e lo yogurt.  l’Islanda vanta una grande tradizione in fatto di yogurt, per giunta molto peculiare. L’ormai famoso Skyr, per esempio, proviene proprio dall’Islanda. Va detto che dal punto di vista tecnico si tratta di un formaggio, vista la presenza del siero del latte, ma per il resto è identico a uno yogurt bianco neutro leggermente acido.

La colazione dolce non è molto attestata in Islanda, ma si può trovare sulle tavole qualche particolare tipo di frutta fresca, se non addirittura le confetture. In Islanda a colazione si consumano anche le zuppe, principalmente di avena. Il burro spalmabile è una presenza ricorrente e, per quanto possa sembrare strano, anche le verdure. Cetrioli e pomodori sono consumati anche e soprattutto a colazione.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Merenda per i ragazzi

La merenda per i ragazzi, ecco le soluzioni...

La merenda pomeridiana non è solo un piacere. La merenda è da sempre considerata un piacere. Per gli adulti può arricchire un momento di pausa dal lavoro o, se fatta molto tardi, sancire la fine...

frigorifero

Il frigorifero, come conservare bene i cibi e...

Come conservare gli alimenti freschi in frigorifero. Per ottenere una buona conservazione degli alimenti freschi in frigorifero, occorre riporli negli scomparti o ripiani più adatti, tenendo...

pancakes di avocado

Tutto sul pancake, curiosità storiche e varianti

Il pancake, un dolce americano dalle origini greche I pancake sono un po’ il simbolo della cucina americana. D’altronde affollano da sempre film e serie TV, e sono entrati anche...

Colazione iperproteica

Colazione iperproteica, una alternativa al cappuccino

Cosa si intende per colazione iperproteica? Avete mai sentito parlare di colazione iperproteica? Se non conoscete il significato, sappiate che è esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia una...

Cucina cilena

Cucina cilena, ricette e curiosità di una tradizione...

Un approfondimento sulla cucina cilena Oggi vorrei introdurvi alla cucina cilena, una cucina che spesso non riceve gli onori che merita in quanto è offuscata da altre tradizioni gastronomiche,...

festa del papa

Festa del papà con un menu perfetto

Una ricorrenza da celebrare in allegria La Festa del Papà è una ricorrenza carica di significati, è l’occasione per dichiarare l’affetto che si prova per il proprio padre, ma anche per...

17-02-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti