bg header
logo_print

Colazione da re, pranzo da principe, cena da povero

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Colazione da re
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 35 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.3/5 (3 Recensioni)

Il detto “Colazione da re, pranzo da principe, cena da povero” è uno di quei detti che, con molta probabilità, avremo sentito almeno una volta nella vita. Trasmesso di generazione in generazione, questo antico adagio non è solo un consiglio della nonna, ma racchiude in sé una profonda verità sul ritmo naturale del nostro corpo e su come dovremmo nutrirlo.

Mentre la frenesia della vita moderna ci spinge spesso a sottovalutare l’importanza della colazione, relegandola a un caffè preso al volo o a un pasto affrettato, la saggezza popolare ci ricorda l’essenzialità di questo primo pasto della giornata. Dopo il lungo digiuno notturno, il corpo ha bisogno di energie per affrontare la giornata, e la colazione diventa la chiave per avviare il nostro metabolismo.

Ma non si tratta solo di una questione di energia. Gli studi medici più recenti stanno iniziando a confermare ciò che la saggezza popolare ha sempre sostenuto. Una colazione nutriente e bilanciata porta con sé una serie di benefici sorprendenti. Ad esempio, chi inizia la giornata con una colazione sostanziosa ha minori probabilità di sviluppare malattie come il diabete mellito tipo 2. E non è tutto. La salute del cuore, il controllo del peso e persino il nostro stato d’animo possono essere influenzati positivamente da una colazione equilibrata.

Tuttavia, nonostante queste evidenze, molti di noi continuano a trascurare l’importanza di questo momento. Forse perché siamo sempre di corsa o forse perché abbiamo semplicemente perso l’abitudine. Ma è tempo di riconsiderare.

Immaginiamoci un momento in cui possiamo sederci, anche solo per qualche minuto, gustando una tazza di tè o caffè, magari accompagnata da cereali, frutta fresca o una fetta di pane integrale. Non solo stiamo nutrendo il nostro corpo, ma stiamo anche concedendo alla nostra mente un momento di pausa e riflessione prima di tuffarci nelle attività della giornata.

La colazione non è solo un pasto, ma un momento di cura per noi stessi. Un momento che può fare la differenza nella nostra salute, nel nostro benessere e, perché no, anche nel nostro umore. Ascoltiamo quindi il consiglio dei nostri antenati e rendiamo la colazione il pasto cardine della nostra giornata.

Ricetta Colazione da re

Preparazione Colazione da re

Spremete il limone ed aggiungete al succo le mele sbucciate e tagliate a dadini.

Sbattete le uova, aggiungete farina, olio, zucchero e lievito e continuate a mescolare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. A questo punto incorporate il succo di limone con le mele, la cannella ed aggiungete a filo l’acqua mentre continuate a lavorare il composto.

Prendete una teglia da plumcake e passate del burro chiarificato o dell’olio sulle pareti in modo da non far attaccare il dolce in fase di cottura.

Versate l’impasto ed infornate a 180°C per 35 minuti.

Una volta freddo togliete dalla teglia e spolverizzate con lo zucchero a velo.

Ingredienti Colazione da re

  • 250 gr. di farina di riso
  • 3 uova
  • 100 gr. di olio di riso
  • 60 gr. di zucchero
  • 100 ml  di acqua
  • 2 mele
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 limone spremuto
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • burro chiarificato o olio per la teglia
  • zucchero a velo

Il rituale del risveglio include spesso il piacere di gustare una colazione da re e deliziosa. Un profumato plumcake può rappresentare l’inizio perfetto per una giornata ricca di energie. Ma, al di là del puro piacere gastronomico, la colazione assume un significato ancora più profondo per la nostra salute e il nostro benessere fisico.

Quando ci svegliamo, il nostro corpo ha trascorso diverse ore in digiuno. Questo fa sì che il livello di zuccheri nel sangue sia piuttosto basso. Senza un adeguato apporto di glucosio al mattino, si innesca una reazione a catena che può influire sul nostro comportamento alimentare per l’intera giornata. L’assenza di energia può farci sentire più affamati di quanto normalmente saremmo, predisponendo il corpo a due scenari non ottimali.

Nel primo scenario, potremmo arrivare a pranzo con una fame insaziabile, mangiando porzioni eccessive. Il risultato? Una digestione pesante, un senso di stanchezza nel pomeriggio e una riduzione delle nostre capacità di concentrazione e prestazione. Nel secondo scenario, potremmo cercare di compensare con vari spuntini durante la mattina, il che influenzerà il nostro appetito a pranzo e potrebbe portarci a mangiare troppo a cena. Questo comportamento, se ripetuto, può portare all’aumento di peso a lungo termine.

Un altro aspetto da non sottovalutare è la tentazione degli snack ad alto indice glicemico, spesso scelti per placare la fame. Questi, se consumati frequentemente, possono causare picchi di zucchero nel sangue, obbligando il nostro corpo a produrre insulina in quantità eccessive. A lungo andare, questo meccanismo può portare il nostro corpo a sviluppare una resistenza all’insulina, predisponendoci al rischio di diabete di tipo 2.

La morale della storia? Non sottovalutiamo mai la colazione. Questo pasto non solo ci dà l’energia per affrontare la giornata, ma ha un impatto profondo sulla nostra salute a lungo termine. Pertanto, facciamoci tentare da quel plumcake, ma assicuriamoci anche di bilanciare la nostra colazione con altri nutrienti essenziali per dare al nostro corpo tutto ciò di cui ha bisogno.

Colazione da re e pensateci ogni giorno

Prima di tutto la colazione deve essere sana, nutriente e soprattutto bisognerebbe consumarla senza fretta in modo da trasmettere al nostro corpo, ma anche alla nostra mente, un senso di tranquillità, non sottoponendolo allo stress sin dal momento del risveglio.

Come primo passo è consigliabile bere a stomaco vuoto un paio di bicchieri d’acqua oppure dell’acqua tiepida con del limone spremuto per risvegliare il nostro organismo, far fronte alla disidratazione notturna e favorire l’eliminazione delle tossine.

In seguito è necessario reintegrare gli zuccheri assumendo carboidrati complessi, come ad esempio fette biscottate, cereali, fiocchi d’avena, biscotti o pane, accompagnati eventualmente da miele o marmellata. Se si riuscisse, sarebbe ottimale consumare anche della frutta fresca per un corretto apporto di energia, vitamine e fibre, ed una manciata di frutta secca, ricca di antiossidanti, capaci di rallentare l’invecchiamento cellulare. Un alimento che sarebbe utile assumere è la cannella (da utilizzare per esempio come condimento per la frutta fresca), migliora infatti il trasporto del glucosio alle cellule e riesce a mantenere alti i livelli energetici nel nostro corpo per un periodo di tempo maggiore.

Come accompagnamento a quanto sopra citato si potrebbero consumare spremute, succhi e frullati di frutta, te verde (ricco di antiossidanti e con elevato potere drenante), latte scremato, parzialmente scremato o di soia. Al contrario di quanto si pensi, bisognerebbe invece evitare il caffè responsabile dell’innalzamento del cortisolo, più conosciuto come ormone dello stress, il quale provoca l’accelerazione del battito cardiaco, l’aumento della pressione sanguigna e di conseguenza un consumo più elevato di energia che porterà il nostro organismo ad attacchi di fame più frequenti che troveranno sfogo nel consumo di alimenti poco salutari.

Se vogliamo pertanto affrontare la vita in modo più salutare ed iniziare la giornata nel modo migliore potremmo puntare la sveglia 10 minuti prima dedicando il tempo e le attenzioni necessarie al pasto cardine della giornata, non accontentandoci di un caffè al volo o di un cappuccino con brioche al bar vicino all’ufficio.

Non perdiamoci la colazione

Cosa mangiare a colazione la mattina? La colazione ideale dovrebbe includere una combinazione di carboidrati complessi, proteine e grassi sani. Alcune opzioni includono cereali integrali, yogurt magro, frutta, frutta secca, uova e pane integrale.

Qual è la colazione giusta da fare? La “colazione giusta” dipende dai bisogni individuali e dalle preferenze personali. Tuttavia, in generale, una colazione equilibrata potrebbe comprendere una porzione di carboidrati complessi come avena o pane integrale, proteine come uova o yogurt, e una fonte di grassi sani come avocado o frutta secca.

Qual è la colazione più sana al mondo? Mentre la definizione di “colazione più sana” può variare da persona a persona e da cultura a cultura, molti nutrizionisti sostengono che la colazione mediterranea sia tra le più sane. Questa potrebbe includere alimenti come frutta fresca, yogurt magro, noci, semi, pane integrale e olio d’oliva.

Perché è importante fare la colazione? La colazione è spesso definita il pasto più importante della giornata perché fornisce al corpo l’energia necessaria per iniziare la giornata. Saltare la colazione può portare a cali di energia, difficoltà di concentrazione e può aumentare la probabilità di mangiare in eccesso più tardi durante la giornata. Inoltre, una colazione equilibrata aiuta a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue e a sostenere il metabolismo.

Idee per la colazione ne abbiamo? Certo che si!

3.3/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

2 commenti su “Colazione da re, pranzo da principe, cena da povero

  • Dom 28 Lug 2019 | Daniela Boni ha detto:

    Sono completamente d’accordo, basta cambiare le proprie abitudini con la convinzione di portare più benessere per sé e per la propia famiglia. All’inizio è difficile poi vedendo i risultati e continuando a stare meglio uno si trova contento e diventa una cosa” normale”.
    Daniela

    • Dom 28 Lug 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Daniela la ringrazio per avermi dimostrato il suo consenso. E’ una filosofia che dovrebbero adottare in molti!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pancakes senza burro

Pancakes senza burro, la colazione per chi ha...

Di cosa sa la farina di grano saraceno La vera protagonista della ricetta dei pancakes senza burro è la farina di grano saraceno. Fa parte dei cosiddetti “grani antichi”, ovvero quei cereali...

Loco moco

Loco moco, una corposa colazione hawaiana

Quale riso utilizzare per il loco moco? Benché non richieda chissà quale impegno, la cottura del riso è importante, d’altronde funge da base per l’intera ricetta. Occorre fare attenzione...

Ymerdrys con frutti di bosco

Ymerdrys con frutti di bosco, il dessert ricco...

Il gusto e le proprietà del pane di segale Il protagonista della ricetta del ymerdrys con frutti di bosco è ovviamente il pane di segale. Esso spicca per i sentori decisamente rustici ma allo...