Tribulus: tutte le potenzialità di questa pianta

Tante spine e altrettante proprietà: ecco il Tribulus

Il Tribulus è una pianta fuori dal comune, sia per quanto riguarda il suo aspetto che per le sue potenzialità. Infatti, è quasi completamente ricoperta di spine taglienti e robuste e produce dei frutti dalla strana forma.

Nonostante questo, si tratta di un vegetale che vanta anche di tantissime proprietà benefiche per la salute e che contiene sostanze in grado di favorire il benessere generale dell’organismo.

In pratica, stiamo parlando di un perfetto rimedio naturale in cui i frutti, le foglie e la radice di questa pianta sono i protagonisti.

È stato usato fin dall’antichità e, attualmente, le ricerche scientifiche hanno confermato molte delle sue qualità già sfruttate da centinaia di anni per curare il corpo e favorire una valida prevenzione dalle malattie.

Dall’anemia al colesterolo, andiamo a scoprire quali sono tutte le potenzialità di questa pianta curativa e i modi migliori per usufruirne.

Tribulus: tutto quello che può fare per la nostra salute

Da anni, questo vegetale è utilizzato soprattutto per alleviare i disturbi e le patologie renali, in quanto si presenta come un efficace diuretico.

Tuttavia, numerose ricerche hanno dimostrato che può effettivamente rivelarsi un rimedio naturale utile persino per mantenere la pelle sana e guarirla da dermatite atopica e psoriasi; per risolvere i problemi sessuali maschili (come la disfunzione erettile) e aumentare la libido; per proteggere il cuore e il sistema circolatorio.

Il Tribulus è una pianta davvero multifunzionale e, infatti, in alcune parti del mondo la usano anche per tenere sotto controllo la pressione, per migliorare le funzioni gastrointestinali e la salute dell’apparato digestivo, per alleviare il mal di gola e per prevenire il cancro.

Infine, è opportuno considerare che ci sono anche tanti professionisti che consigliano un trattamento a base di questa pianta per migliorare le prestazioni atletiche e per curare patologie come la gonorrea, l’epatite, la sindrome da stanchezza cronica e numerose altre tipologie di infiammazioni e disturbi.

In più, alcune ricerche suggeriscono che un estratto di questo vegetale assunto per via orale potrebbe ridurre i sintomi dell’angina.

Tutte le caratteristiche degli integratori a base di Tribulus e alcuni consigli

Il mercato offre diversi tipi di integratori a base di questa pianta, anche perché mangiare i suoi frutti è considerato pericoloso.

Le ricerche hanno riscontrato che questi prodotti sono sicuri, ma che i trattamenti dovrebbero durare solo per un breve periodo di tempo, ovvero per un massimo di 8 settimane.

Gli studiosi non hanno ancora accertato se un trattamento a lungo termine può rivelarsi sicuro per tutti oppure no.

Ad ogni modo, è utile ricordare che gli estratti di Tribulus non sono consigliati a coloro che soffrono di problemi o particolari patologie alla prostata, e dovrebbero prestare molta attenzione anche tutte le persone colpite da diabete e coloro che hanno la necessità di effettuare un intervento chirurgico al più presto (il consumo di questa pianta può causare ipoglicemia o comunque abbassare troppo i livelli di zuccheri nel sangue).

Infine, è importante sapere che il dosaggio appropriato dipende da diversi fattori e pertanto è fondamentale seguire le indicazioni presenti sulle etichette dei prodotti e/o consultare un professionista prima di iniziare con il trattamento.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *