Ginseng, la radice dalle mille proprietà benefiche

Ginseng, la radice dalle mille proprietà benefiche. A questa radice biforcuta sono riconosciuti innumerevoli benefici, alcuni di essi rimangono nell’ambito della tradizione popolare (soprattutto cinese), altri, invece, sono riconosciuti dalla medicina occidentale, perché frutto di studi e ricerche. Tanto che, oggi, è uno dei rimedi a base di erbe più popolari al mondo.

Tra le sue mille proprietà, riconosciute e non, si ritiene che sia in grado di donare energia (anche a chi è debilitato), di diminuire i livelli di zucchero e colesterolo nel sangue, di ridurre lo stress, di favorire il rilassamento e di trattare la disfunzione erettile.

Ovviamente, non sempre le ricerche portano a risultati univoci, così le proprietà terapeutiche del ginseng sono spesso messe in discussione da scienziati e medici.

Ginseng, la radice dalle mille proprietà benefiche

Ma vediamo nel dettaglio alcune delle più note proprietà del ginseng.

Stimola le funzioni fisiche e mentali. Può aiutare a stimolare l’attività fisica e mentale quando è richiesto un maggiore sforzo o per le persone che sono deboli e stanche a causa di stress e malattia. In alcuni studi è stato dimostrato che è utile nei soggetti che lamentano esaurimento psicofisico perché aumenta la capacità psicologica e riduce la stanchezza agendo come tonico generale. A causa degli effetti di miglioramento della memoria e della concentrazione, si sta studiando un collegamento tra le proprietà del ginseng e un possibile trattamento del morbo di Alzheimer, ma le ricerche sono ancora lontane da una conclusione.

Cura la disfunzione erettile. Gli uomini possono ricorrere al ginseng per il trattamento della disfunzione erettile. Diversi studi supportano l’uso per via orale per trattare l’impotenza maschile. In particolare, uno studio coreano del 2002 ha rivelato che il 60% degli uomini oggetto dello studio che hanno preso il ginseng, ha notato un miglioramento dei sintomi.

Attiva il sistema immunitario. Diversi studi dimostrano l’efficacia di questa radice nella proliferazione dei linfociti. È stato dimostrato, inoltre, che è utile per aumentare la capacità delle difese immunitarie contro gli agenti tossici come il virus dell’influenza e raffreddore e migliorare gli effetti del vaccino influenzale. È, poi, molto utile per gli anziani e pazienti con capacità immunitaria depressa.

Combatte l’invecchiamento a causa del suo effetto benefico sul sistema immunitario e la memoria, il ginseng è in grado di migliorare la qualità di vita degli anziani. Inoltre, potrebbe avere un ruolo nella riduzione della perdita di neuroni cerebrali dovuti all’avanzamento dell’età.

E’ generalmente considerato sicuro, tuttavia può avere effetti indesiderati come mal di testa, elevata frequenza cardiaca, nausea, irrequietezza, disturbi del sonno.  Inoltre, i medici consigliano di non prendere il ginseng insieme con alcuni medicinali come una classe di antidepressivi chiamati inibitori della monoamino-ossidasi (MAO) e alcuni farmaci per il cuore e la coagulazione del sangue.

Per questo e anche per evitare un pericoloso sovradosaggio, è sempre meglio consultare il medico prima di intraprendere qualsiasi terapia a base di ginseng.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *