Farina di chufa: una soluzione ottima per i celiaci

farina di chufa
Commenti: 2 - Stampa

Farina di chufa: una soluzione ottima per i celiaci. La celiachia non rappresenta più un ostacolo davanti al quale disperarsi. Oggi, per fortuna, tanti brand sono sensibili alle problematiche di chi soffre di malassorbimento del glutine.

Esiste anche un altro lato interessante della cucina gluten free, che riguarda la possibilità di esplorare le tantissime soluzioni naturali che permettono di dimenticare il problema del glutine.

Una di queste è senza dubbio la farina di chufa, che viene ricavata da un tubero consumato fin dall’antichità.

Alla scoperta delle caratteristiche della farina di chufa

Sembra strano solo a pensarci ma è così: la chufa, nonostante sia presente sulle nostre tavola anche sotto forma di farina perfetta per i celiaci, è un tubero consumato fin dai remoti tempi dell’antico Egitto.

Oggi è diffuso anche in Spagna e in Italia è noto con il nome di babbagigi o zigolo. Caratterizzata da un sapore tendente al dolce, la chufa viene utilizzata anche per preparare una bevanda davvero particolare.

Di cosa si tratta? Dell’Horcata, un latte vegetale che ha un sapore che ricorda molto quello della nocciola.

Tra le proprietà dell’Horcata è possibile includere l’alto contenuto di sali minerali – molto importante è il potassio, che favorisce la circolazione ematica – e di vitamina del gruppo E del gruppo C, contraddistinte da un alto valore antiossidante.

Viva l’Horcata, una bevanda vegetale priva di lattosio e glutine

La chufa rappresenta una soluzione speciale per chi ha esigenze alimentari particolari non solo per la possibilità di ricavare la farina senza glutine, ma anche per quella di preparare l’Horcata, un latte che, per il fatto di essere vegetale, è privo di lattosio e quindi perfetto per chi ha carenze di enzima lattasi.

L’Horcata è una bevanda che può essere preparata senza problemi anche a casa e che, per via del suo sapore dolce e particolarmente piacevole, non ha la necessità di essere zuccherata.

E’ infatti dolce di base e lo è pur avendo una quantità non eccessiva di zuccheri. Rappresenta invece un’ottima fonte naturale d’insulina, il che la rende congeniale anche per l’alimentazione di chi soffre di diabete.

Eccellente quando si tratta di abbassare i trigliceridi e di tenere sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo, la chufa è davvero un tubero miracoloso, che permette di creare delle meraviglie in cucina venendo incontro in maniera perfetta alle esigenze di intolleranti al lattosio e celiaci, che possono gustare una farina e una bevanda a dir poco speciali.

Ma non è l’unico utilizzo per la chufa, si possono preparare dolci e creme. Stay tuned!!

A tavola con i biscottini con farina di chufa e gocce di cioccolato

Avete mai assaggiato i biscottini con farina di chufa e gocce di cioccolato? Perfetti per la colazione, la merenda e il dessert, questi dolcetti sono adatti anche agli intolleranti al lattosio e al glutine, in quanto contengono ingredienti praticamente privi di questi allergeni: il burro chiarificato e, per l’appunto, la farina di chufa… Alimenti genuini e leggeri per una pietanza deliziosa e capace di conquistare tutti! Queste sono decisamente le principali caratteristiche di questa ricetta.

Facile da preparare e ricca di nutrimento e gusto, questa pietanza è unica nel suo genere, proprio grazie alla speciale farina utilizzata che, con il suo gradevole sapore, la sua versatilità e la sua consistenza, permette di portare in tavola tanti dessert magnifici, proprio come accade per i biscottini con farina di chufa e gocce di cioccolato. Detto questo, non ci resta che andare a conoscere qualche dettaglio nascosto: i benefici degli ingredienti principali di questa ricetta. Pronti per restare sorpresi?

Da un tubero alle nostre cucine…

La farina di chufa viene ricavata dall’omonimo tubero (il cui nome latino è Cyperus esculentus), molto noto in Spagna, e si presenta come un alimento dotato di notevoli proprietà nutrizionali. Carico di vitamina C ed E, questo ingrediente base per la preparazione dei biscottini con farina di chufa e gocce di cioccolato è conosciuto anche con il nome di zigolo dolce, mandorla di terra o babbagigi e si rivela un valido alleato contro il colesterolo e i trigliceridi, ma anche nella prevenzione dell’arteriosclerosi.

biscottini con farina di chufa

Promuove la corretta digestione e può aumentare il nostro senso di sazietà; è ricco di minerali come magnesio, potassio, ferro, fosforo e calcio; ed è un alimento capace di regolare le funzioni intestinali e di stimolare le difese immunitarie. In pratica, grazie al noto tubero, possiamo assaporare dei deliziosi e benefici biscottini con farina di chufa e gocce di cioccolato, che potranno donarci un notevole apporto di energia e di tutti quei micronutrienti e macronutrienti che ci servono per star bene.

Ottimi biscottini con farina di chufa a colazione

Sì, sicuramente questo dessert ha tante peculiarità, proprio grazie alla farina di chufa. Tuttavia, non dobbiamo dimenticarci delle potenzialità del cioccolato: diverse ricerche hanno appurato che questo goloso alimento può favorire la produzione degli ormoni associati al benessere e al buonumore. Pertanto, vuol dire che questi biscottini con farina di chufa e gocce di cioccolato sono unici sotto ogni punto di vista e promuovono il sorriso. Se poi contiamo la presenza di tutti gli altri validi ingredienti presenti nella ricetta, non possiamo fare a meno di amarli!

Per questa preparazione, ho preso spunto dal sito Dolce Senza Zucchero, che suggerisce l’utilizzo di ingredienti genuini ed energetici, ricchi di nutrienti e di indimenticabili sfumature di gusto, come ad esempio le nocciole. Per preparare i biscottini con farina di chufa e gocce di cioccolato, useremo anche un uovo, lievito biologico e zucchero di cocco… Riuscite già ad immaginarvi il fantastico sapore di questa pietanza? Andiamo a prepararla!

Ecco la ricetta dei biscottini con farina di chufa e gocce di cioccolato

Ingredienti per 20 biscotti

  • 200 gr di farina di chufa,
  • 40 gr di nocciole,
  • 70 ml di sciroppo di yacon,
  • due cucchiai di gocce di cioccolato fondente,
  • 100 gr di burro chiarificato,
  • una punta di cucchiaino di bicarbonato,
  • 1 uovo,
  • un pizzico di sale

Preparazione

Preriscaldate il forno a 180 gradi. Tirate fuori il burro per fare che si ammorbidisca. Tostate  le nocciole e fate raffreddare prima di sbucciarle e tritarle. Tagliate il burro a pezzetti.

Foderate una teglia da forno con l’apposita carta.  Versate in una terrina tutti gli ingredienti e mescolate accuratamente per far amalgamare bene il tutto.  E’ un impasto via di mezzo tra morbido e compatto

Con le mani create delle palline che adagiate sulla teglia distanziandoli fra di loro. Infornate per circa 20 minuti.

5/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

2 commenti su “Farina di chufa: una soluzione ottima per i celiaci

  • Lun 26 Mar 2018 | Evelina ha detto:

    Dove trovare la farina di chufa evil tubero oltre che su internet? È da tempo che lo cerco per i vari negozi a Roma del biologico,ma non sono riuscita mai a trovarla!
    Trovai solo la crema con chufa e cioccolato.

    • Lun 26 Mar 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve Evelina io l’acquisto online.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Farina di cicerchia

Farina di cicerchia, un ingrediente da rivalutare

Cos’è la farina di cicerchia e quali sono le sue caratteristiche La farina di cicerchia è un ingrediente poco impiegato nella cucina italiana. Il motivo è semplice in quanto ad essere poco...

Mais Rostrato Rosso

Mais Rostrato Rosso di Rovetta, una varietà pregiata

Le origini del mais Rostrato Rosso di Rovetta In questo spazio vorrei parlare del mais Rostrato Rosso di Rovetta, un prodotto tipico della nostra terra e che solo ora, dopo più di un secolo dalla...

farine in casa

Silenzio si macina: come e perché farsi le...

Preparare le farine in casa è sempre una buona idea! Forse non avevate mai pensato di preparare le farine in casa, anche perché al supermercato le troviamo tutte (o quasi) già pronte. Tuttavia,...

farina di mais blu

Farina di mais blu: un benessere psico-fisico  

Scopri perché dovresti mangiare la farina di mais blu La farina di mais blu è un prodotto davvero speciale, non convenzionale, che il mercato ha messo a disposizione a tutti noi consumatori...

Farina di mais bianco

Farina di mais bianco, proprietà e utilizzi in...

Le imperdibili proprietà nutrizionali della farina di mais bianco Farina di mais bianco, proprietà e utilizzi in cucina. Il mais bianco è una vera panacea per chi ama la cucina fai da te sana e...

gofio

Gofio, anche senza glutine: ne avete sentito parlare?

Il gofio senza glutine, un alimento tutto da scoprire Il gofio senza glutine, che per l’esattezza si chiama “Gofio Canario”, è un alimento che la Commissione Europea ha incluso nel suo...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-11-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti