La verità sul seitan: ecco quello che ci nascondono

Sostituire la carne: con il seitan si può

Il seitan è oramai famoso in tutto il mondo, in quanto si tratta di un alimento che può sostituire adeguatamente la carne, per via dell’elevato apporto di proteine che offre.

Ottimo per i vegetariani, i vegani e per tutti coloro che amano provare cibi nuovi, si tratta di un impasto che si ricava dal glutine, con la quale vengono preparati burger, polpette, ragù vegetale e molto altro. Non piace a tutti, ma è amato da molti e consumato in ogni parte del mondo.

Tuttavia, quello che dovrebbe fermarci un attimo dal consumarne troppo è il fatto che, anche se viene condito con soia e talvolta con verdure, si tratta di un vero e proprio concentrato di glutine.

Il suggerimento degli esperti è di consumarlo insieme ai legumi per assimilare anche gli altri aminoacidi di cui il nostro organismo ha bisogno, ma ci consigliano anche di non esagerare con le dosi e con le porzioni settimanali… Perché?

Seitan: il problema è decisamente il glutine

Per quanto sia buono e utile per vegani e vegetariani, ultimamente gli esperti in nutrizione (e non solo) stanno riflettendo molto su questo sostituto della carne, proprio perché si tratta di un impasto di glutine puro, ovvero la proteina vegetale presente nel frumento.

Certamente, non si tratta di un alimento adatto per i celiaci, ma la verità è che dovremmo stare tutti molto attenti, in quanto è stato riscontrato che il glutine può provocare problemi di salute a chiunque.

Infatti, è utile sapere che questa proteina presente in grandissime quantità all’interno del seitan, può causare disagi lievi, ma anche malattie più gravi, come tiroiditi e diverse patologie autoimmuni.

In questo caso, si tratta di un problema relativo solamente alla proteina del frumento: nel glutine sono presenti alcuni aminoacidi che il nostro corpo non ha la capacità di assimilare nel modo giusto, provocando spesso importanti e negative conseguenze.

Inoltre, è opportuno considerare che, grazie a diverse ricerche, è stato riscontrato che molte persone che hanno smesso di consumare glutine hanno presentato sollievi da malattie, artriti in regressione e molti altri ottimi risultati.

Pertanto, questa proteina può rivelarsi un problema per tutti e questo sostituto della carne ne è talmente ricco che prestare attenzione a quantità e frequenza di consumo è estremamente fondamentale per salvaguardare la nostra salute.

Dal consumo di seitan alla sensibilità al glutine

Ad ogni modo, c’è anche un’altra questione da considerare: come accade molte volte, quando si eccede con il consumo di un determinato alimento, il nostro organismo tende a non digerirlo più così tanto facilmente, in quanto perde la “tolleranza” nei confronti di esso. Questo capita solitamente con i cibi che mangiamo con più frequenza.

Questo significa che, se si eccede con il consumo di seitan e quindi di farina di frumento e glutine, aumentano notevolmente le possibilità di diventare inconsciamente intolleranti a questa proteina, sviluppando così dei danni all’interno del nostro organismo e iniziando a riscontrare diversi sintomi dopo il consumo.

In pratica, sostituire la carne va bene, ma farlo troppo spesso con questo alimento può rivelarsi un errore.

Quindi cosa dovremmo fare? La risposta è molto semplice: per quanto riguarda l’alimentazione, variare e usare il nostro buon senso è sempre un’ottima soluzione.

 

Condividi!

2 commenti a “La verità sul seitan: ecco quello che ci nascondono

  1. Ely

    Ma pensa te. E chi l’avrebbe mai detto.. sei una fonte di scoperte, Tizi. Io non l’ho mai acquistato ma ora che lo so, se qualcuno dovesse comprarlo lo avviserei! Grazie per la tua informazione sempre puntuale, interessante e gradita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *