Tutte le sfumature dell’autentica e tradizionale cucina araba

La cucina araba: un mix di sapori speziati e tradizione

La cucina araba nasce da un incrocio tra la cucina tradizionale mediterranea, quella del Medio Oriente e la cucina indiana. Pertanto, presenta sapori unici e diversi, nonché l’influenza di molte culture dalle quali gli arabi hanno preso ispirazione per creare e rielaborare numerose ricette. Spezie, verdure, carne, pesce e tanti altri alimenti sono alla base di questa tradizione culinaria, ma ogni piatto ha un’impronta diversa e ogni singolo gusto è davvero speciale.

La cucina tradizionale araba è un mondo a sé e un’esperienza particolare tutta da assaporare. A questo proposito, andiamo a scoprirne le principali caratteristiche, gli alimenti più utilizzati e i piatti tipici che hanno fatto letteralmente il giro del mondo, conquistando l’attenzione degli chef e il palato di milioni di persone.

Tutte le caratteristiche della tradizionale cucina araba

La tradizione culinaria araba offre tantissime sfumature di sapore e questo è dovuto principalmente al largo utilizzo delle spezie come la cannella, il curry, lo zafferano, i semi di anice, la noce moscata, i chiodi di garofano, il cumino, il pepe nero e la curcuma. Anche le erbe aromatiche come la menta, il timo e l’origano sono molto apprezzate e utilizzate.

Oltre alle spezie e alle erbe aromatiche, la cucina araba dà molta importanza al pane, ai latticini e ai formaggi che possono condire con delicatezza molti piatti, alle verdure e anche alla carne che, a parte quella di maiale, si presenta come uno dei piatti più pregiati da offrire agli ospiti. Anche il riso è un alimento base in tutti i paesi arabi e, solitamente, viene servito accanto alla carne, al pesce o alle verdure stufate.

La tradizionale cucina araba porta in tavola anche tanti legumi e insalate, e utilizza l’olio d’oliva come un elemento importante sia per la cottura che per il condimento. Molto spazio viene lasciato anche alla frutta fresca e secca, tra cui possiamo trovare limoni, melograni, mango, fichi, datteri, mele, arance, albicocche, mandorle e pistacchi.

Per quanto riguarda le bevande, il tè è immancabile e molto amato. Tuttavia, secondo la cultura araba, l’ingrediente fondamentale di ogni cucina è l’ospitalità.

La cucina araba ha conquistato tutto il mondo con i suoi piatti tipici e inconfondibili

Tutti questi ingredienti insostituibili vengono utilizzati per preparare tantissime ricette che, con il passare degli anni, hanno conquistato tantissimi chef in tutto il mondo, nonché i numerosi amanti della buona cucina e dei piatti multietnici. Tra i piatti tipici più conosciuti e amati troviamo sicuramente il cous cous, un alimento buono, salutare e cucinato spesso con le verdure, la carne o il pesce. Anche i falafel hanno conquistato molti palati, presentandosi in tavola in molte varianti.

Tra le altre famose pietanze della cucina araba possiamo trovare anche l’hummus, un piatto molto nutriente e gustoso che, anche in questo caso, viene preparato in tanti modi diversi. Il tabbouleh a base di chicchi di bulgur (una particolare varietà di grano) è un altro dei piatti tipici della tradizione culinaria araba. Ovviamente, alcune ricette richiedono molta fatica e tanti passaggi, ma dobbiamo dire che il gusto di ogni piatto ripaga ogni fatica.

Naturalmente, queste non sono tutte le pietanze tipiche, ma solo le più conosciute. Infatti, ce ne sono tantissime altre e ognuna di esse fa sì che la cucina tradizionale araba regali un’esperienza culinaria unica ogni qualvolta ci si siede a tavola.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *