L’ aceto di lamponi , per rendere gustose le insalate

Aceto di lamponi

L’aceto di lamponi , per rendere gustose le insalate.Siete vegani o semplicemente amanti della cucina equilibrata e state pensando ad una soluzione per condire in modo gustoso le vostre insalate di e/o di verdura? Potrebbe essere un’idea la preparazione dell’Aceto di Lamponi, per cogliere di sorpresa i propri ospiti a pranzo o a cena, durante le giornate di festività oppure per un picnic all’aperto, creando delle pietanze leggere, salutari senza perdere il gusto.

Malgrado non vi siano dei riferimenti storici ben precisi sulla nascita dell’Aceto di Lamponi, bisogna dire che l’aceto in generale è un ingrediente molto usato per la preparazione di cibi fin dai tempi dell’antica Roma. Il suo utilizzo si è protratto nel tempo dal Medioevo sino ai giorni nostri. Le esigenze dei consumatori sono cambiate e vi è sempre più la tendenza a diversificare i sapori a seconda della tipologia di pietanza che si intende preparare.

L’Aceto di Lamponi è un prodotto preparato dalle aziende dell’area che si estende dal Piemonte (in particolar modo Val d’Aosta) fino ad arrivare al Sud – Tirolo.  Si trova facilmente nei supermercati, ma per chi vuole prepararlo da sé, magari personalizzando un po’ il suo composto, è possibile farlo, in quanto gli ingredienti per la sua realizzazione sono facilmente reperibili. Altrettanto semplice è la sua creazione, di cui adesso vi parliamo.

Proprietà nutritive e preparazione dell’Aceto di Lamponi

Il lampone è un frutto che nasce in Asia, Europa e America del Nord. Nel nostro paese viene coltivato in particolar modo nell’area settentrionale. Le sue proprietà nutrizionali, ovviamente, si trasmettono sul aceto, conferendo un apporto piuttosto copioso di vitamina C, generando, in questo modo, degli effetti digestivi, energetici e disintossicanti.

Può essere d’aiuto nel caso in cui dovessero insorgere delle malattie esantematiche, tipo la varicella, alleviando notevolmente il prurito sulla pelle. Il lampone, inoltre, per le donne che si trovano nell’ultima fase della gravidanza, può essere un valido aiuto per la tonificazione dei muscoli dell’utero. Sembra essere molto d’aiuto anche in presenza di diarrea.

Ovviamente, per essere efficace, tale espediente naturale deve essere usato per la preparazione di un infuso. Il lampone, ai giorni nostri, viene usato anche per la realizzazione dell’aceto, ultimamente molto in auge per degli abbinamenti con insalate, verdure, frutta, ma anche per creare delle preziosi marmellate e sciroppi utili per impreziosire qualsiasi secondo piatto. Adesso indichiamo gli ingredienti e le fasi più importanti per la sua semplice preparazione:

Ingredienti per 1 bottiglia

  • 150 gr lamponi freschi
  • 650 ml aceto di mele
  • qualche fogliolina menta fresca

Preparazione

Come prima cosa, bisogna sterilizzare il barattolo che dovrà fare da contenitore, insieme al suo coperchio, facendolo bollire per una mezz’oretta nell’acqua calda. Poi, va asciugato con un panno pulito e capovolto. Dopo aver tolto i lamponi dall’acqua corrente e asciugati per bene, occorre adagiarli sulla carta assorbente da cucina e introdurli all’interno del barattolo di vetro.

Poi, bisogna lavare le foglioline di menta. Quest’ultime devono essere fatte bollire per qualche minuto insieme all’aceto di mele. Dopo aver spento,  il tutto deve essere fatto intiepidire prima di versarlo sui lamponi. Una volta raffreddatosi, il composto deve essere fatto riposare in un luogo fresco, al buio per circa 30 giorni. Il vaso che lo contiene deve essere agitato per almeno una volta al giorno.

Dopo un mese, bisogna filtrare il tutto con un colino dalla maglia fine e versare il liquido che ne esce fuori all’interno di una bottiglia pulita e ben sterilizzata da chiudere in modo ermetico e conservare in un luogo fresco.

3/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pesto di aglio orsino

Pesto di aglio orsino, un’ottima variante da gustare

Usi e differenze del pesto di aglio orsino Oggi vi propongo il pesto di aglio orsino, un pesto diverso dal solito, sebbene vi siano dei punti in comune per quanto concerne il procedimento. Le...

Kasundi

Kasundi, una salsa indiana speziata al punto giusto

Il kasundi, l’intingolo indiano dalla sensibilità mediterranea Il kasundi è una salsa della cucina indiana. In realtà, con questo termine si indica un insieme di salse. Come ogni ricetta...

Burro al dragoncello

Burro al dragoncello, un’alternativa aromatica

Burro al dragoncello, un condimento per tanti usi Il burro al dragoncello è un’alternativa gradevole al burro classico. Fa parte della categoria dei burri aromatizzati, che apre scenari...

Aceto al dragoncello

Aceto al dragoncello, un sostituto dell’aceto di vino

Le differenze tra l’aceto al dragoncello e l’aceto di vino L’aceto al dragoncello è una gradevole alternativa al classico aceto di vino. E’ una preparazione semplice, che gioca sulla...

Pesto al dragoncello

Pesto al dragoncello, un condimento squisito

Pesto al dragoncello, una gradevole alternativa Il pesto al dragoncello è un’alternativa molto suggestiva rispetto al pesto alla genovese, realizzato con il basilico. Ovviamente gli utilizzi sono...

pesto di melissa

Pesto di melissa, un’alternativa al pesto genovese

Le differenza tra il pesto di melissa e il pesto classico Il pesto di melissa è una gradevole alternativa al pesto classico, quello realizzato con il basilico. La differenza principale, ma certo...

10-04-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti