bg header
logo_print

Zuppa di salmone e patate, un primo piatto saporito

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Zuppa di salmone con carote e patate
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 30 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Cosa portiamo a tavola? Si a frutta, ortaggi e pesce

Con la zuppa di salmone con carote e patate portiamo in tavola un piatto salutare. Le carote sono tra gli ortaggi più consumati in assoluto, alimenti spesso presenti nelle dispense degli italiani. Sono conosciute fin dall’antichità, e in Italia da almeno un paio di millenni. Va detto che la carota tipica, ovvero quella arancione, è una “invenzione” più o meno recente. E’ frutto infatti di un processo di selezione indotto, iniziato nei Paesi Bassi intorno al XVI secolo, che l’ha portata non solo ad acquisire il caratteristico colore arancione, ma anche a maturare alcune caratteristiche nutrizionali importanti. In questo paragrafo parlerò delle carote considerate “normali”, ovvero quelle arancioni, mentre nel prossimo tratterò le altre varianti, che sono meno diffuse ma comunque degne di menzione.

Le carote arancioni sono ortaggi preziosi. A prescindere dal gusto, che può piacere o non piacere (ma in genere piace) presentano caratteristiche nutrizionali notevoli. Il riferimento è in particolare all’apporto di vitamine, che è straordinario. Le carote contengono grandi quantità di vitamina C (che rafforza il sistema immunitario), B, E e soprattutto vitamina A. Proprio la presenza abbondantissima della vitamina A ha alimentato la diceria, vera in parte, secondo cui le carote fanno bene alla vista. Questo ortaggio è anche ricchissimo di sali minerali, e in particolare di potassio, fosforo, calcio, magnesio, selenio, ferro, zinco e rame.

Ricetta zuppa di salmone

Preparazione zuppa di salmone

  • Tritate il salmone grossolanamente. Pelate le patate e tagliatele a pezzetti.
  • Mondate, lavate e tritate l’aneto. Lavate e togliete la parte dura dei porri e della carote quindi affettate finemente.
  • Fate scaldare l’olio in una pentola alta 10 cm, aggiungete porri e carota e cuocete per qualche minuto a fuoco medio, aggiungete le patate e il brodo.
  • Lasciate cuocere per una diecina di minuti con coperchio.
  • Frullate il tutto con un frullatore ad immersione fino ad ottenere un composto omogeneo.
  • Aggiungete il latte, l’aneto, il succo di limone e il salmone, mescolando accuratamente.
  • Aggiustate di sale e pepe e proseguite la cottura qualche minuto.
  • Spegnete e servite la zuppa quando ancora calda.

Ingredienti zuppa di salmone

  • 1 kg. di patate
  • 200 gr. di salmone affumicato
  • 1 lt. di brodo vegetale
  • 800 gr. di latte consentito
  • 2 porri
  • 1 carota
  • 1 cucchiaio aneto
  • succo di mezzo limone
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale.

Degli ingredienti salutari per la zuppa di salmone

Un’altra caratteristica fondamentale delle carote, presenti nella zuppa di salmone, è l’ottima quantità di betacarotene, una sostanza davvero interessante. Il betacarotene è un precursore della vitamina A a carattere antiossidante, capace di stimolare la crescita cellulare. Insieme alla luteina e alla zeaxantina esercita una funzione di equilibrio dei meccanismi intestinali, produce un’azione depurativa, contribuisce ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo, protegge la vista e si rivela utile per prevenire le malattie acute dell’apparato digerente (ad esempio le coliti).

L’osservanza di canoni di attenzione, vigilanza nella scelta degli alimenti che portiamo a tavola è irrinunciabile ed inizia a rendersi imperativa anche nei confronti dei più piccoli.

Ecco, in questo scenario, si fanno sempre più avanti alcuni alimenti quali frutta, ortaggi, verdure e pesce, alimenti questi che, più di tutti, sono in grado di preservare il nostro organismo da malattie cardiovascolari, degenerazione cellulare ed ossidazione.

Dunque, perché non realizzare un piatto che veda quali protagonisti indiscussi tutti questi ingredienti? La zuppa di carote, salmone e patate è, ad esempio, in grado di apportare tutti i benefici di questi ortaggi supersalutari ad essi unendo le straordinarie proprietà del salmone, noto per essere uno dei principali alleati della salute del nostro cuore.

Zuppa di salmone con carote e patate

Salmone: ecco quali sono i suoi reali benefici

Dire che il salmone fa bene è assolutamente riduttivo: il fatto è che la cultura del regolare consumo di questo prezioso pesce non è dai noi diffusa come dovrebbe.

Se solo conoscessimo a fondo tutti i reali benefici di questo prezioso pesce finiremmo, ogni giorno, col  presentarlo sulle nostre tavole.

E’ ormai risaputo, il salmone è una delle fonti più ricche di Omega 3, acidi grassi polinsaturi questi preziosissimi per la nostra salute. Quello che però non è a tutti noto è che, stando ad alcune ricerche,  basterebbe consumare anche un solo grammo di questa sostanza ogni giorno per ridurre addirittura del 45% il rischio d’infarto al quale, soprattutto a cagione del nostro stile di vita, sempre più caratterizzato da stress e sedentarietà, tutti noi siamo inevitabilmente sottoposti.

Inoltre il consumo di Omega 3 è particolarmente consigliato per le donne in gravidanza, in quanto in grado di favorire un sano sviluppo del nascituro.

Le patate più adatte per la zuppa di salmone

La zuppa di salmone con carote e patate si basa su ingredienti semplici e genuini. Dalla preparazione si evince dunque quanto le patate siano importanti per la buona riuscita della ricetta. Vale la pena quindi chiedersi quali patate utilizzare, anche alla luce del fatto che in giro vi sono varietà molto diverse. La scelta è spesso tra le patate a pasta gialla e le patate bianche farinose. Le patate a pasta gialla sono consistenti e corpose in quanto a sapore, invece le patate bianche farinose sono più morbide e più cedevoli, dunque la scelta andrebbe indirizzata verso queste ultime. Le patate a pasta bianca sono perfette anche per la preparazione del purè e di altri composti a base di patate.

A prescindere dalla varietà, le patate spiccano per il loro eccellente potere nutrizionale. Sono ricche di carboidrati, a tal punto da poter sostituire in tutto o in parte i cereali nelle diete più equilibrate. Sono anche ricche di vitamine e sali minerali, nonché di amido, che torna utile quando bisogna preparare dei composti. A dispetto di quanto crede l’immaginario collettivo, le patate non sono nemmeno così caloriche: un etto di patate apporta tra le 80 e le 90 kcal.

Quale latte utilizzare nella zuppa di salmone?

La lista degli ingredienti della zuppa di salmone con carote e patate include anche il latte. Il latte va aggiunto una volta che la vellutata di patate è pronta, quindi insieme al salmone fresco e agli aromi. Quale tipo di latte utilizzare? In generale la scelta è tra il latte parzialmente scremato e quello intero. Il latte parzialmente scremato è meno calorico ma ha un sapore più delicato, che potrebbe cedere il passo agli altri ingredienti. Di contro, il latte intero è più grasso, più forte e intenso.

La scelta quindi sta a voi. Se intendete privilegiare il sapore del latte, anche a dispetto della portata calorica del piatto, optate per il latte intero. In caso contrario optate per il latte parzialmente scremato. Ovviamente se soffrite di intolleranza al lattosio utilizzate un latte delattosato. Il sapore non cambia granché, ma è solo un po’ più dolce. La maggiore dolcezza è dovuta alle peculiarità del processo di delattosamento, che consiste nella scomposizione del lattosio in glucosio e galattosio, due zuccheri semplici facilmente digeribili.

Il latte va aggiunto insieme ad alcuni aromi, tra cui l’aneto. L’aneto è un’erba aromatica molto diffusa nella macchia mediterranea e quindi molto utilizzata dalla cucina italiana. Il suo sapore è dolce e ad alcuni potrebbe ricordare l’anice. Ad altri ricorda invece la menta. La sua funzione è quella di aromatizzare, ma anche bilanciare un piatto che gioca su sapori molto diversi tra di loro.

Il contributo del brodo vegetale nella zuppa di salmone

Il brodo vegetale gioca un ruolo importante nella zuppa di salmone, in quanto punta a favorire la cottura delle patate. Ovviamente incide anche dal punto di vista organolettico, in quanto trasmette i suoi sentori all’ortaggio e viene coinvolto nel successivo passaggio al frullatore. Proprio per questo è fondamentale utilizzare un brodo vegetale di qualità. Per questo motivo vi consiglio di resistere alla tentazione del classico dado. E’ vero, consente di risparmiare tempo e fatica, ma il risultato è piuttosto ordinario, oltre che più sapido di quanto auspicato.

Insomma è meglio preparate il brodo in casa. A tal proposito sul sito trovare una ricetta per un brodo leggero e genuino. Come vedrete si tratta di scegliere con cura gli ingredienti, dosarli nel modo giusto e cuocere per tutto il tempo necessario. Ovviamente se soffrite di sensibilità al nichel o di allergia operate tutte le sostituzioni del caso: le verdure da brodo sono solitamente piene di questa sostanza.

FAQ sulla zuppa di salmone

Quanto salmone si può mangiare?

Il salmone contiene un po’ di colesterolo e una percentuale non irrisoria di grassi, dunque non dovrebbe essere consumato ogni giorno (al netto delle sue proprietà benefiche). Dovrebbe essere integrato nella dieta al massimo due volte a settimana.

A cosa fa bene il salmone?

Il salmone fa bene al sistema immunitario in quanto è ricco di vitamina D. Fa bene anche al cuore in quanto contiene tanti acidi grassi omega tre. Per il resto è un pesce nutriente poiché ricco di proteine e oligoelementi.

Quali alimenti stanno bene con il salmone?

Il salmone è un pesce versatile che può essere abbinato a una vasta gamma di ingredienti, prevalentemente vegetali. Vanno bene soprattutto le verdure e gli ortaggi dal sapore non eccessivo, che lasciano spazio al sapore grasso ma tutto sommato delicato del salmone.

Ricette con salmone ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gnocchi con fave e prosciutto

Gnocchi con fave e prosciutto, un primo dal...

Le mille proprietà delle fave Le fave sono dunque tra i protagonisti di questa ricetta a base di gnocchi. Il loro impiego è creativo e va oltre quelli che sono i canoni tradizionali, infatti non...

Timballo di crespelle con ricotta

Timballo di crespelle con ricotta, un primo piatto...

Timballo di crespelle: una sfiziosa ricetta a base di crespelle classiche Tra le peculiarità di questo timballo di crespelle, o timballo di crepes che dir si voglia, spiccano proprio le crespelle....

Pasta al pesto di bruscandoli (

Pasta al pesto di bruscandoli, un primo dall’aroma...

Parliamo del pesto di bruscandoli Vale la pena parlare dei bruscandoli, che sono l’elemento principale di questa pasta al pesto. A differenza di tante tipologie di pesto, i bruscandoli...