bg header
logo_print

Gnocchetti di soia con crema alle nocciole, un primo unico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Gnocchetti di soia con crema alle nocciole e chips
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 2 persone
Stampa
5/5 (6 Recensioni)

Gnocchetti di soia con crema alle nocciole, un primo davvero goloso

Gnocchetti di soia, crema alle nocciole e chips.  Ecco la dimostrazione di come dei semplicissimi gnocchetti a base di acqua, farina di soia e farina di riso, si possono trasformare creando un goloso ed intrigante primo piatto.

Gli gnocchi vengono avvolti dal sapore amaro/zuccherino dell’olio alla liquirizia e serviti su una crema di nocciole. La rapa rossa dona al piatto una nota di croccantezza.

Ricetta gnocchetti di soia

Preparazione gnocchetti di soia

Preparate l’olio alla liquirizia un paio di giorni prima: grattugiate il bastoncino di liquirizia nell’olio. Disponete l’olio con la liquirizia in un barattolo e lasciatelo riposare per un paio di giorni prima di utilizzarlo.

Preparare le chips di rape il giorno prima: affettate sottilmente le rape e disponete le fette su una teglia ricoperta di carta forno. Salatele leggermente e fatele cuocere le rape nel forno già caldo a 50°C per circa 4/6 ore. Togliere le chips dal forno e farle raffreddare.

Fate bollire l’acqua in una casseruola ed aggiungete il sale. Aggiungete la farina di soia e la farina di riso ed iniziate a mescolare. Aggiungete infine il tuorlo.

Mescolate fino ad incorporare gli ingredienti ed impastate infine con le mani fino ad ottenere un panetto compatto. Con il panetto ancora tiepido, formate dei piccoli gnocchetti ed utilizzando i rebbi di una forchetta formate le classiche righe/scanalature. Disponete gli gnocchetti su un vassoio.

Per la crema di nocciole mettere nel mixer le nocciole tostate. Azionatelo fino a ridurre in crema le nocciole. Ci vorranno circa 5 minuti. Mettete l’amido in una bacinella e scioglietelo in 2/3 cucchiai di lette di soia ed aggiungete circa 20 gr di crema alle nocciole.

Fate bollire il restante latte di soia ed incorporate l’amido sciolto, il sale ed un pizzico di pepe. Mescolate con una frusta in modo da incorporare bene tutti gli ingredienti.

Cuocere i gnocchetti in abbondante acqua salata. Saranno cotti quando saliranno in superficie. Scolateli e conditeli con un filo di olio alla liquirizia.  Disponete sul piatto la crema di nocciole, gli gnocchi e qualche chips di rapa. Servite il piatto.

gli gnocchi di soia:

  • 250 gr acqua,
  • 80 gr farina di soia,
  • 170 gr farina di riso,
  • 1 tuorlo,
  • sale

la crema alle nocciole:

  • 150 gr nocciole tostate,
  • 80 gr latte di soia,
  • 1 cucchiaino amido di riso,
  • sale e pepe

l’olio alla liquirizia:

  • 150 gr olio di oliva,
  • 1 bastoncino di liquirizia

le chips di rapa rossa

  • 1 Rapa rossa,
  • sale

Gnocchetti di soia con crema alle nocciole, un primo delicato

Vi presento gli gnocchetti di soia con crema alle nocciole, un primo piatto fuori dall’ordinario ma che si ispira alla tradizione. Ci tengo a precisare che la ricetta non è mia, ma reca la firma di Elisabetta Origgi.

L’ha elaborata per il contest “Le intolleranze? Le cuciniamo”, che ho indetto per lanciare un messaggio: la buona cucina e la creatività sono le migliori risorse per gestire le intolleranze senza troppa fatica e soprattutto senza rinunciare ai piaceri della buona tavola. Si tratta di una gara vera e propria, dunque porgo a Elisabetta e alle altre concorrenti i migliori auguri.

Tornando alla ricetta, questa spicca per il carattere gourmet, ben rappresentato dai condimenti che valorizzano gli gnocchetti: una delicata crema di nocciole e un aromatico olio alla liquirizia. Il tutto viene poi guarnito da croccanti chips di rape rosse.

Nonostante queste peculiarità, gli gnocchetti con crema di nocciole si fanno apprezzare anche dai palati più tradizionali.

Le speciali farine di questi gnocchetti

Gli gnocchetti di soia con crema di nocciole e liquirizia sono apprezzabili da tutti ma sono pensati soprattutto per i celiaci. Il motivo è semplice: anziché la classica farina doppio zero, la lista degli ingredienti comprende la farina di soia e la farina di riso. La farina di soia propone un sapore leguminoso, ma abbastanza simile alla celebre salsa. La farina di riso spicca invece per delicatezza, tale da valorizzare gli altri ingredienti.

L’assenza di glutine non è l’unico pregio di queste due farine. Infatti, vantano un ottimo spessore nutrizionale. La farina di soia è molto proteica e abbonda di acidi grassi omega tre, che giovano al sistema cardiovascolare.

La farina di riso è invece povera di grassi, quindi leggermente meno calorica rispetto alle altre. In compenso è ricca di sali minerali e amido, molto utile quando lo scopo è di preparare un qualsivoglia impasto.

Una crema elegante e leggera per gli gnocchetti di soia

Tra i punti di forza di questi gnocchetti spicca la salsa che funge da condimento. È tecnicamente una crema alle nocciole riadattata per i piatti salati. Il procedimento non è difficile, ma solo un po’ laborioso. Si tratta infatti di bollire un po’ di latte di soia e valorizzarlo con una miscela di altro latte di soia, amido e crema di nocciola. Quest’ultima si ottiene frullando le nocciole tostate per qualche minuto.

La crema così realizzata si fa apprezzare per la texture densa, per il colore brillante e per il gusto composito. Il merito va anche e soprattutto alle nocciole, che tra le altre cose vantano un ottimo spessore nutrizionale.

Certo, le nocciole sono caloriche come qualsiasi altra frutta secca, ma ciò è dovuto al ricco contenuto di omega tre, che fanno bene al cuore e prevengono le infiammazioni. Abbondano anche di vitamina E, che funge da antiossidante ma anche da catalizzatore per il sistema immunitario.

Come preparare l’olio alla liquirizia

Gli gnocchetti di soia con crema alla nocciole sono arricchiti con l’olio alla liquirizia. Questo gioca un ruolo importante in quanto non viene impiegato per il classico giro a crudo, prima del servizio, insaporendo così gli gnocchi appena cotti. L’idea è molto interessante, in quanto unisce il sentore classico dell’olio con l’aroma avvolgente della liquirizia.

Preparare l’olio alla liquirizia è molto semplice, infatti basta grattugiare un bastoncino in un barattolo di olio. Il tutto va poi fatto riposare per un paio di giorni, in modo che l’olio assorba il massimo dell’aroma.

Questo procedimento, per quanto all’apparenza ordinario, permette alla liquirizia di trasferire all’olio parte dei suoi principi nutrizionali. Il riferimento è soprattutto agli antiossidanti, sostanze che regolano i meccanismi di rigenerazione cellulare e rendono meno probabile l’insorgenza del cancro.

Come guarnire gli gnocchetti di soia

Gli gnocchetti di soia con crema alle nocciole si presentano molto bene sul piano estetico. Colori ora tenui ed ora più brillanti si alternano per garantire al piatto un’immagine creativa e allo stesso tempo gourmet. A incidere, però, è soprattutto il croccante velo di chips rosse che viene aggiunto a fine preparazione.

Queste chips conferiscono agli gnocchetti una certa varietà a livello di texture, senza compromettere l’equilibrio della ricetta. Come preparare le chips di rape? È tutto molto semplice. Basta tagliare le rape a fette, salarle leggermente e cuocerle a bassa temperatura per qualche ora al forno.

Nonostante questa lunga fase di cottura, le chips conservano le loro proprietà nutrizionali. Il riferimento è soprattutto alle antocianine, sostanze responsabili del colore rosso-viola e capaci di esercitare una discreta funzione antiossidante. Infine, troviamo la consueta abbondanza di vitamina C e sali minerali tipica degli alimenti di origine vegetale.

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di Elisabetta Origgi

Gnocchetti di soia crema alle nocciole e chips

Ricette gnocchi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (6 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...

Cous cous con vongole e zucchine

Cous cous con vongole e zucchine, un piatto...

Uno sguardo alle vongole Tra i protagonisti di questo cous cous spiccano le vongole, tra i molluschi più apprezzati in quanto capaci di trasmettere delle note ittiche in un contesto di generale...

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...