bg header
logo_print

Brisè d’autunno con castagne e zucca, un’ottima torta salata

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Brise di autunno
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (5 Recensioni)

Brisè d’autunno con castagne e zucca, una torta salata davvero delicata

Oggi vi parlo della brisè di autunno con castagne e zucca.  Parafrasando un vecchio proverbio, non tutte le intolleranze vengono per nuocere, almeno nel mio caso è stato così. Quando anni fa si scoprì l’intolleranza al grano e al lattosio di mia figlia, il primo momento fu di tristezza. Con la mia grande passione per la cucina, cosa avrei cucinato? Ecco la grande opportunità, recuperare in salute, scoprendo grani antichi, proteine vegetali, ortaggi e tuberi dimenticati.

E allora ecco spiegato questa brisè per le intolleranze. Senza uovo, senza glutine, senza lievito e senza lattosio. Ho scelto una brisè perchè a casa mia vanno sempre alla grande. Comode per essere mangiate anche a temperatura ambiente e perciò i miei figli spesso se le portano come pranzo all’università. Con un guscio croccante, integrale, riempito di alimenti sani e di ,biologici, ottime anche il giorno dopo.

Ricetta Brisè d'autunno

Preparazione Brisè d'autunno

Mettere la farina di sorgo, di miglio e la maizena , l’olio e il sale in un mixer. Fate girare bene fino ad ottenere una granella. A questo punto incorporare l’acqua, mescolando , fino ad ottenere una palla molto morbida.

Se non avete il mixer o non volete utilizzarlo, potete fare benissimo questo impasto a mano, seguendo sempre lo stesso procedimento.  Infarinate una tortiera da crostate da 24 cm stendete con le mani l’impasto rialzando leggermente i bordi.

Trasferite nel mixer il tofu, aggiungete gli spinacini crudi e un filo d’acqua frullando finchè diventa una crema spalmabile (la quantità di acqua dipende dal tipo di tofu). Cuocete al forno la zucca una mezz’ora e lessate le castagne in acqua salata con una foglia di alloro sempre per una mezz’oretta.

Sbucciatele, e date un giro di mixer sia alle castagne che alla zucca, controllando di sale e pepe, e mescolando delicatamente poi il tofu.Trasferite il composto nel guscio, spolverate di timo e maggiorana e semi di zucca tostati, e passate in forno a 180 gradi per 45 minuti.

Ingredienti Brisè d'autunno

  • 140 gr farina di sorgo integrale
  • 50 gr maizena
  • 50 gr farina di miglio decorticato bio
  • 70 gr olio di semi di girasole deodorato bio
  • 80 gr acqua
  • 5 gr sale fino himalaya
  • 200 gr tofu naturale no ogm
  • 100 gr polpa di castagna lessata
  • 200 gr polpa di zucca cotta
  • 2 cucchiai semi di zucca tostati
  • 50 gr spinacini crudi
  • 2 pizzichi sale fino himalaya
  • 2 pizzichi timo e di maggiorana secchi tritati.

Brisè d’autunno con castagne e zucca, una magnifica torta salata

Oggi cuciniamo la brisè d’autunno con castagne e zucca, una ricetta molto particolare in quanto reinterpreta il concetto di torta salata in chiave suggestiva, valorizzando alcuni ingredienti tipicamente autunnali, come la castagna e la zucca. Questa brisè conserva comunque una sua cremosità, vista l’abbondante presenza del tofu. La ricetta è alla portata di tutti ma ha alcuni elementi di complessità a partire dall’impasto, che va preparato a mano in quanto frutto di ingredienti sui generis e rari per questo tipo di preparazione. Inoltre la farcitura prevede tanti ingredienti, che richiedono trattamenti specifici: la zucca va cotta al forno, le castagne vanno lessate, mentre i semi di zucca vanno tostati.

Vi consiglio di dare una chance alla brisè d’autunno con castagne e zucca, visto che è apprezzabile da tutti. In termini di gusto gli ingredienti sono ben azzeccati, mentre in termini visivi esprime delle belle tonalità di marrone e di arancione, che fanno tanto atmosfera autunnale. Specifico che la ricetta non è mia, ma è di Daniela Boscariolo, un’apprezzata foodblogger conosciuta per il suo ruolo in Timo e Lenticchie. Daniela partecipa al contest “Le intolleranze? Le cuciniamo” proprio con la brisè d’autunno. Il contest è una competizione in cucina con vincitori e premi, ma è pensato anche come occasione per condividere ricette, esprimere la creatività e dimostrare che le intolleranze si sconfiggono soprattutto a tavola.

Una brisè d’autunno davvero speciale

Vale la pena parlare proprio della brisée, che è il vero elemento di rottura di questa torta salata. I motivi sono due e coinvolgono tanto il procedimento quanto gli ingredienti. In primo luogo l’impasto può essere realizzato direttamente nel mixer, macinando e mescolando tra di loro gli ingredienti. Ovviamente potete procedere anche con il classico impasto a mano se lo preferite. In secondo luogo manca il burro, sostituito qui da una dosa aggiuntiva di olio. Inoltre non si usa la classica farina doppio zero, bensì la farina di sorgo e la farina di miglio. La farina di sorgo garantisce un sapore decisamente rustico, un po’ terroso e un po’ leguminoso. La farina di miglio, invece, conferisce una leggerezza e una delicatezza rara per un impasto di tipo “integrale”.

Perché abbiamo scelto queste farine? Da un lato vi è la volontà di rendere la ricetta accessibile ai celiaci, in quanto sono prive di glutine. Dall’altro vi è la volontà di conferire sapori diversi che si alternano tra il rustico e il delicato. La farina di sorgo e la farina di miglio possono dire molto anche dal punto di vista nutrizionale. Tanto per cominciare apportano fibre, inoltre sono ricche di sali minerali come pochi altri alimenti. Il loro apporto calorico, poi, non desta alcun problema in quanto è simile a quello delle farina tradizionali.

Una farcitura che sa di autunno

Tra i punti di forza di questa brisè d’autunno spicca proprio la farcitura. La maggior parte delle torte salate autunnali prevedono una base in formaggio cremoso, o magari in ricotta, da valorizzare con verdure o ingredienti di origine animale. Qui viene fatta una scelta diversa. Al posto del formaggio cremoso troviamo il tofu, ovvero il cosiddetto formaggio di soia. Questo tipo di formaggio ha un sapore sapido, ma delicato. E’ inoltre ricco di grassi benefici per il cuore e per la circolazione. Completano il tutto la zucca e le castagne, che garantiscono un tocco di dolcezza e sapore, conferendo un colore decisamente autunnale tra il marrone e l’arancione.

Sia la zucca che la castagna vantano ottime proprietà nutrizionali, benché molto diverse. La zucca è apprezzata per l’apporto di vitamina A, che fa bene alla vista e alla pelle, e di betacarotene, che determina anche il colore giallo – arancione dell’ortaggio. E poi la zucca è poco calorica, siamo su circa 26 kcal per 100 grammi. Le castagne eccellono invece per l’apporto di carboidrati, che le rende energetiche. Sono ricche anche di sali minerali come potassio, zolfo, calcio e ferro. Queste sostanze sono utili a regolare la pressione del sangue, al sistema immunitario e alle ossa. Non mancano infine le vitamine, anche se si segnala una predominanza della onnipresente vitamina C.

Come aromatizzare la brisè d’autunno?

La brisè d’autunno, nonostante l’abbondanza di ingredienti, è una torta salata equilibrata. Tale equilibrio coinvolge anche la gestione delle spezie, che è piuttosto prudente. A conti fatti troviamo solo la maggiorana, che ha un sapore simile a quello del prezzemolo ma più delicato a amarognolo. La maggiorana è anche salutare, a tal punto da ricoprire un ruolo importante nella medicina naturale. Come molte altre erbe aromatiche è antinfiammatoria, antibatterica, digestiva e antiossidante.

La guarnizione è garantita anche dai semi di zucca che apportano molti grassi benefici omega 3, un toccasana per i problemi cardiaci. Come effetto collaterale si segnala un apporto calorico sostenuto pari a 500 kcal per 100 grammi. I semi di zucca vanno ovviamente tostati un paio di minuti, il tempo necessario ad ammorbidirli e renderli più croccanti.

Contest Le intolleranze le cuciniamo

Ricetta di Timo e Lenticchie

Ricette dolci ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (5 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al gianduia

Semifreddo al gianduia, un dessert perfetto come fine...

Come rendere il semifreddo con gianduia a prova di intolleranze Il semifreddo al gianduia contiene due derivati del latte: la panna e il mascarpone. Dunque, potrebbe impensierire gli intolleranti al...

Fekkas

Fekkas, dal Marocco dei deliziosi biscotti alle mandorle

Quali farine utilizzare per i biscotti marocchini? La ricetta dei fekkas non dice molto sul tipo di farina, tuttavia nella maggior parte dei casi si usa la farina normale, ossis la farins zero o...

Torta di mele di Hagrid

Torta di mele di Hagrid, una versione in...

Una torta di mele soffice e deliziosa Sono numerose le differenze tra la torta di Hagrid, così come l’ho immaginata io, e la classica torta di mele. Tanto per cominciare le mele non fungono da...