Insalata di polpo finocchi e arancia

Insalata di polpo finocchi e arancia
Stampa

State cercando una pietanza perfetta? L’insalata di polpo, finocchi e arancia è una scelta da non sottovalutare

L’insalata di polpo, finocchi e arancia è un piatto leggero, semplice e delizioso. Ideale in qualunque situazione e ottimo per le festività e le occasioni speciali. Infatti, può essere preparata con poco sforzo, ma permette sempre di fare un figurone con gli ospiti, anche con i più esigenti. Si tratta di una pietanza ricca di sapore e nutrimento, benefici e soddisfazione.

Perciò, se volete offrire una fantastica esperienza culinaria a tutti coloro che si siederanno a tavola con voi e ricevere numerosi complimenti, questo piatto è davvero la soluzione giusta. Inoltre, potrete offrire un pasto colmo di minerali, vitamine e antiossidanti, e perfetto anche per coloro che desiderano tenere sotto controllo la linea. Con questo intento, andiamo a scoprire nel dettaglio le caratteristiche di questa speciale insalata, gli ingredienti e le modalità di preparazione.

Insalata di polpo, finocchi e arancia: tutte le peculiarità di questo piatto

Il polpo è un mollusco prelibato e caratterizzato da innumerevoli proprietà organolettiche, ma anche nutritive. Da sempre, si rivela un pasto apprezzato da grandi e piccoli, e viene cucinato e proposto in vari modi, offrendo sempre un gusto unico che altri molluschi non possono offrire.

È il protagonista di molte insalate di mare, ma quella che vi stiamo proponendo è decisamente capace di offrire un retrogusto speciale proprio grazie agli altri ingredienti: i finocchi e l’arancia.

Ad ogni modo, questo mollusco è sicuramente il protagonista dell’insalata di polpo, finocchi e arancia. Pertanto, è utile conoscerlo un po’ più nel dettaglio anche da un punto di vista nutrizionale. A questo proposito, dovreste sapere che si tratta di un alimento che contiene pochissimi grassi, ma una cospicua dose di potassio, calcio e fosforo. Il potassio si rivela un valido alleato nella regolarizzazione della pressione sanguigna, mentre gli altri due minerali sono ottimi per promuovere la salute di ossa e denti.

Il polipo propone anche un notevole apporto di vitamina A (utile per favorire il benessere degli occhi, delle ossa e della pelle) e di vitamina B1 (perfetta soprattutto per ottimizzare il funzionamento del sistema nervoso). Questo mollusco ipocalorico propone inoltre una buona dose di proteine, che ci aiutano a sentirci sazi e donano all’organismo un importante contributo per quanto riguarda lo sviluppo dei muscoli e lo svolgimento di vari processi metabolici.

Gli altri ingredienti principali dell’insalata di polipo, finocchi e arancia

In pratica, il polpo è un alimento da non sottovalutare ed è capace di donare sostanza e valore nutritivo a questa pietanza. Tuttavia, dobbiamo è utile dire che anche i finocchi e l’arancia fanno la loro parte e non solo per quanto riguarda il sapore. Infatti, grazie a questi altri due ingredienti principali, potrete avvalervi di un’esperienza culinaria a 5 stelle e di ulteriori benefici e nutrienti per il vostro organismo: entrambi sono vegetali ricchissimi di antiossidanti, minerali e vitamine.

Pertanto, questa insalata di polpo, finocchi e arancia può fornire al nostro corpo un ulteriore protezione dalle malattie e dai danni dei radicali liberi; favorire il rallentamento del naturale processo di invecchiamento cellulare; promuovere la salute della pelle; rinforzare il sistema immunitario; e regalarci importanti effetti idratanti, depurativi, diuretici e disintossicanti. Insomma, si tratta proprio di un piatto fatto di bontà, ma anche di salute!

Ed ecco la ricetta per questa insalata!

Ingredienti per 4 persone

  • 1 polpo di circa 1 Kg
  • 1 cipolla bianca
  • 1 gambo di sedano
  • 1 carota
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco
  • 2 foglie di alloro
  • 3 bacche di ginepro
  • 2 arance
  • 1 melagrana
  • 1 finocchio
  • 2 cucchiai di olio extravvergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Pulite accuratamente il polpo. Lavate accuratemente carote e sedano e riducetele a dadini. Sbucciate la cipolla e tagliatela a spicchi. In una pentola capiente con dell’acqua riunite le verdure, l’alloro, il ginepro, l’aceto e il sale.

Fate bollire e appena inizia a bollire tenendo il polpo dalla testa, immergete e togliete i suoi tentacoli dall’acqua bollente per 3 o 4 volte, affinché si arriccino e si ammorbidiscano

Dopo questa delicata ma indispensabile operazione immergete completamente il polpo e, abbassate il fuoco al minimo. Coprite la pentola e lasciate cuocere per circa 40 minuti. Verificate la cottura prima di spegnere il fuoco

Una volta cotto estraete il polpo dalla pentola, e ponetelo su di un tagliere, dove lo farete a pezzetti.

Mettete il polpo tagliato a tocchetti in una padella antiaderente con un paio di cucchiai di olio e fatelo saltare leggermente. Aggiungete il succo di una arancia e fatelo evaporare, poi anche qualche spicchio di arancia e spegnete il fuoco.

Nel frattempo in una ciotola affettate finemente il finocchio con una mandolina. Quando il polipo si sarà raffreddato, condite con olio, sale e pepe. Poi, impiattate, incorporate i chicchi di melagrana e servite.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


23-12-2016
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti