Salsiccette di tacchino con foglie di papavero selvatico

Salsiccette di tacchino con foglie di papavero selvatico
Commenti: 0 - Stampa

Oggi con la ricetta delle salsiccette di tacchino con foglie di papavero selvatico vi parlo di 5 semplici regole per una buona digestione. Secondo i miei nutrizionisti per star bene a tavola e migliorare la qualità di vita bastano veramente pochi e semplici accorgimenti da mettere in pratica quotidianamente mentre siamo a tavola.

  • Mangiare con calma masticando bene: Questa è la regola d’oro per la buona digestione che c’è insegnata fin da bambini.  La digestione, infatti, inizia dalla bocca, non dallo stomaco. Quando mastichiamo produciamo saliva la quale contiene degli enzimi necessari per la digestione. Quindi, se il cibo non è ben inumidito dalla saliva, non è ben digerito e assorbito nelle fasi successive della digestione. Alcuni addirittura consigliano di appoggiare forchetta o cucchiaio sul piatto dopo ogni boccone, masticare almeno 30 volte, deglutire, e solo dopo fare il boccone successivo. Forse, questo è eccessivo, il giusto sta nel trovare una via di mezzo, non fare pasti interminabili e neanche ripulire il piatto in mezzo minuto.
  • Mangiare solo quando si ha fame: Altra regola d’oro per scongiurare la digestione lenta è: se non avete fame, non mangiate. Non è vero che bisogna mangiare per forza sempre alla stessa ora e che i pasti devono essere solo tre e basta. Anzi, piccoli e salutari spuntini quando ci viene fame aiutano a digerire meglio. Ha ragione la medicina cinese, è meglio non ingerire altro cibo mentre quello vecchio è ancora in circolazione. In effetti, il senso di fame ci viene solo quando il cibo è stato completamento digerito e assorbito dall’organismo, solo a quel punto il corpo ci dice che ha bisogno di cibo.

Salsiccette di tacchino con foglie di papavero selvatico

  • Dormire e fare un’adeguata attività sportiva aiuta a digerire meglio: Si sa che dormire e limitare il più possibile la sedentarietà aiuta la nostra salute e quindi a vivere meglio, non c’è da stupirsi, quindi, se sono due condizioni fondamentali anche per una corretta digestione. Fare esercizio fisico, così come dormire nelle giuste quantità, aiuta a mettere in moto e a far funzionare bene tutto il nostro corpo, anche il sistema digerente.
  • Non mangiare quando si è emotivamente instabili: Se siete in preda a dolore, paura, tristezza, preoccupazione, rabbia, aspettate di calmarvi prima di mangiare. Queste emozioni, infatti, influenzano il funzionamento del sistema digerente. Mangiare quando si è emotivamente sensibili potrebbe rallentare la digestione. Quindi, mangiare quando si è rilassati e di buon umore è il modo migliore per favorire la digestione. Inoltre, per gli stessi motivi, è sconsigliato mangiare mentre si lavora, si guarda la TV o siamo occupati in qualsiasi altra azione.
  • Non mangiare cibo troppo caldo o troppo freddo: Gli enzimi della digestione si attivano solo alla temperatura del nostro corpo. Quindi, se ingeriamo cibi e liquidi troppo caldi o troppo freddi saranno digeriti solo quando raggiungeranno la temperatura giusta. Questo vale soprattutto per i cibi freddi che, come sappiamo, rallentano o bloccano la digestione.

Ed ecco la ricetta delle Salsiccette di tacchino con foglie di papavero selvatico

Ingredienti per 4 persone

  • 300 gr salsiccette di tacchino
  • 400 gr foglie di papavero
  • 1 scalogno
  • 1/2 bicchiere sidro
  • 2 cucchiai miele d’acacia
  • 1 rametto rosmarino oppure 1 cucchiaio di rosmarino essiccato

Preparazione:

In una pentolino fate bollire il sidro con due cucchiai con il miele e il rosmarino. Lavate le foglie di papavero e fatele sbollentare. Una volta raffreddate strizzatele e tagliatele a pezzetti

Fate cuocere in una padella antiaderente le salsiccette senza nessun condimento ma solo col suo grasso naturale, quello che è già presente nella carne, senza aggiungerne altro. Appena avrà rilasciato un pochino di grasso, aggiungete lo scalogno affettato sottilmente e le foglie di papavero.

Sfumate con il sidro e proseguite la cottura. Servite irrorando con la riduzione al miele

5/5 (424 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petti di quaglia con uva rosata

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo...

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo dagli abbinamenti suggestivi I petti di quaglia con uva rosata sono un secondo che rompe gli schemi e stupisce sia per il gusto che per la raffinatezza...

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è una ricetta simbolo della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-10-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti