Bagna Cauda rivisitata, non smetteresti mai di mangiarla

Bagna Cauda rivisitata
Commenti: 4 - Stampa

Gusto e tradizione: la Bagna Cauda rivisitata

Oggi abbiamo avuto un ospite gradito, il fratello di mio genero Michele, che ha un ristorante nelle Langhe e per farmi felice mi ha cucinato una delle mie salse preferire: la Bagna Cauda. Tradizionale e molto diffusa in Piemonte, viene preparata soprattutto nei mesi freddi dell’anno. A questo piatto è dedicato il Bagna Cauda Day.

Si tratta infatti di una salsa da servire molto calda e gustata come una sorta di intingolo, con la quale potete condire numerose verdure come i peperoni e i finocchi. Prima di condividere con voi questa ricetta, voglio raccontarvi qualcosa in più a riguardo…

Una pietanza ricca di storia e di sapore

Questa particolare salsa ha un’interessante storia alle spalle, ma ha soprattutto una funzione sociale: essa viene infatti riposta in un unico recipiente, tradizionalmente in terracotta, al centro della tavola per essere condivisa tra parenti e amici. Ha origini medievali e, nel corso del tempo, sono nate numerose varianti, quasi tutte accomunate dall’utilizzo dell’olio di oliva e delle acciughe.

Come abbiamo detto, questa salsa si è rapidamente diffusa in tutto il Piemonte fin dalla sua nascita e pertanto vale la pena di conoscerla. Tuttavia, la semplice preparazione che vi proporrò in questo post è una variante adatta nel caso di intolleranze al lattosio.

La nostra Bagna Cauda o Bagna caoda rivisitata viene preparata infatti con latte senza lattosio, utili per avere un condimento più leggero e sicuro per tutti, ma al contempo denso e gustoso.

Come vedrete dalla lista completa degli ingredienti, questa pietanza è semplice ma ricca di nutrienti e sostanze benefiche per l’organismo. Le acciughe sono fonte di omega 3, acidi grassi capaci di mantenere sotto controllo il colesterolo. L’aglio, in cui abbondano minerali e vitamina C, protegge il sistema circolatorio e ha effetto antiossidante e antibatterico.

Bagna Cauda

Abbiniamo la Bagna Cauda nel modo giusto!

Scegliete tra le vostre verdure preferite, le più fresche e le più gustose e sperimentate fino a trovare la combinazione che vi piace di più. Le verdure con le quali questa salsa verrà consumata arricchiranno il vostro pasto di vitamine con proprietà benefiche per vista, pelle, apparato cardiocircolatorio e sistema nervoso.

Insomma, che dire di più? La nostra Bagna Cauda rivisitata è sana, semplice e veloce da cucinare e delizierà il palato dei vostri ospiti! In questo caso, vi propongo altri due interessanti ingredienti per questo pasto, i peperoni e i finocchi: si rivela un abbinamento perfetto… Provatelo al più presto e fatemi sapere cosa ne pensate!

La bagna cauda tradizionale prevedere come verdure fresche crude da abbinare: Cardi gobbi di Nizza, topinambur, cuori di cavolo bianco, indivia e scarola, peperoni freschi e sotto graspa, cipollotti crudi inquartati e immersi nel vino rosso . Mentre come verdure cotte:  barbabietole rosse, patate lesse , cipolle al forno, zucca fritta, peperoni arrostini.

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di acciughe sotto sale
  • 50 gr. di burro chiarificato
  • 4 spicchi d ‘aglio
  • 2 cucchiai di latte intero consentito
  • 2 bicchieri di olio extravergine d’oliva
  • 2 peperoni carnosi
  • un finocchio di media grandezza
  • succo di limone

Preparazione

Dissalate le acciughe, spinatele, lavatele e pestatele in un mortaio. Sbucciate e tritate le teste d ‘aglio , raccoglietelo in una ciotola, copritelo con il latte, lasciatelo marinare per circa 2 ore. Mondate i finocchi delle coste più dure; private le coste più tenere dei filamenti, tagliatele a pezzi insieme ai cuori.

Metteteli in una terrina con acqua fredda acidulata con succo di limone. Pulite, lavate i peperoni, privateli del gambo, dei semi, tagliateli a pezzi. Fate sciogliere il burro e l’olio a calore moderato in un tegame di terracotta o di smalto, incorporatevi le acciughe dissalate e pestate.

Unitevi il trito d’aglio sgocciolato, lasciate cuocere sempre a calore basso per 20 minuti, mescolate di tanto in tanto. Ricordatevi se avete a tavola un celiaco di non mescolare con il cucchiaio di legno.

Servite in tavola, mettendo nel centro un tegame di coccio o il classico fujot , sopra disponeteci il tegame con la salsa calda . AI centro mettete ci anche la terrina con i pezzi di finocchi e di peperoni.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

4 commenti su “Bagna Cauda rivisitata, non smetteresti mai di mangiarla

  • Dom 8 Nov 2020 | Andrea Pellegribo ha detto:

    Non ho capito alcune cose.
    Perché fare la bagna caoda senza lattosio quando basta non mettere panna e burro..
    Ma soprattutto perché mettere la panna nella bc?
    Come fa l’aglio a “marinare” nell’aglio?
    Perché pestare le acciughe?
    Perché fare acqua e limone per i finocchi?
    Prima dei finocchi consiglierei : cardi, topinambur, Verza e barbabietole, vere principesse della bagna cauda.
    Perché l’olio evo? Con tanta fatica si ottiene la spremitura a freddo proprio per mantenere tutte le proprietà delle olive, con la temperatura di cottura della bagna cauda basta un olio di oliva normale.

    • Dom 8 Nov 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Andrea è una bagnacauda rivisitate come la prepara la mia consuocera che è di Ceva.La ringrazio per i suoi consigli e la prossima volta seguiro le sue istruzioni per vedere la differenza.

    • Dom 29 Nov 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Sig. Andrea questa è una ricetta che mi è stata data da una persona cuneese che ha un ristorante. L’abbiamo cucinata ed era buonissima. Nel titolo se nota è scritto RIVISITATA

      I finocchi si mettono in acqua e limone per non farli annerire. La ringrazio per i suoi consigli

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Salsa verde per bollito

Salsa verde per bollito, un condimento rustico e...

Salsa verde per bollito, gli utilizzi in cucina La salsa verde per bollito di carne è un condimento presente in molti paesi e che indica un insieme di preparazioni, più che una ricetta in...

Passata di pomodoro

Passata di pomodoro per intolleranti al nichel

La passata di pomodoro, il simbolo della cucina italiana La passata di pomodoro è un po’ il simbolo della cucina italiana. E’ l’intingolo perfetto per gusto, impatto visivo, leggerezza e...

Salsa al mango

Salsa al mango, un intingolo perfetto per ogni...

Come si consuma il salsa al mango? La salsa al mango per accompagnare i vostri piatti. Certo diversa dal solito, anche perché gioca sull’agrodolce e propone, accanto ai sentori forti della salsa...

Dressing con fiori di camomilla

Dressing alla camomilla, una salsina multiuso

Dressing alla camomilla , un condimento originale Il dressing alla camomilla è un salsina molto particolare, che si caratterizza per un sapore tra l’aromatico, il salato e il dolciastro. In un...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-02-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti