L’alga Clorella per eliminare i metalli pesanti

centrifugato con clorella
Commenti: 0 - Stampa

Viviamo continuamente sotto attacco dei metalli pesanti tossici senza rendercene conto, per questo dobbiamo difenderci. Come? Ancora una volta la natura ci viene in aiuto fornendoci un rimedio naturale e sorprendentemente efficace per eliminare i metalli pesanti dal nostro corpo: l’alga clorella.

Sostanze chimiche, OGM, inquinanti ambientali, l’uso del mercurio negli impianti dentari nonché il consumo di pesce avvelenato come il salmone, sono solo alcuni esempi di come entriamo in contatto attraverso il cibo e l’ambiente dove viviamo con metalli pesanti tossici, ad esempio cadmio, mercurio, arsenico, antinomie e piombo.

L’accumulo di queste sostanze può aumentare drammaticamente il rischio di sviluppare numerose malattie gravi come autismo, il morbo di Alzheimer, cancro, disturbi della tiroide e un’infinità di disturbi immuno-correlati.

Ecco perché è importante in primo luogo evitare il più possibile di assumere tossine e, poi, disintossicare l’organismo. Diversi studi scientifici hanno dimostrato che l’alga Clorella, una microalga unicellulare, è assolutamente adeguata a questo scopo.

L’alga Clorella per disintossicarti dai metalli pesanti

La struttura molecolare unica della Clorella permette di legarsi ed eliminare i metalli pesanti, tra cui il cadmio, mercurio, arsenico, antinomie e il piombo.

La sua peculiarità, che ha suscitato l’interesse dei ricercatori, è, tuttavia, la capacità della Clorella di legarsi esclusivamente ai metalli nocivi e non ai minerali essenziali come calcio, zinco e manganese, quasi come se l’alga sapesse quali sostanze sono utili per l’organismo e quali invece sono da eliminare.

Ma questa piccola alga nasconde dentro di sé numerose altre proprietà; oltre ai suoi poteri disintossicanti, la clorella può aiutare a ridurre il grasso corporeo, il colesterolo e la pressione sanguigna e, inoltre, aiuta a ripulire il sistema escretore (l’apparato che elimina dai fluidi corporei i cataboliti, prodotti di scarto del metabolismo cellulare).

Oltre a tutti questi sorprendenti benefici, non bisogna dimenticare che l’alga clorella è un superfood, tant’è che è utilizzata dalla NASA come fonte di cibo.

L’alga clorella è possibile utilizzarla in cucina

È composta al 50 per cento di proteine, contiene grandi quantità di vitamina C e carotenoidi antiossidanti, ferro, vitamina K e vitamine del complesso B.

La clorella può essere utilizzata per migliorare i livelli di proteine e vitamina B, è quindi, ideale come integratore nelle diete di vegani e vegetariani.

A questo punto vi chiederete dove la trovo e come la utilizzo. La clorella è spesso disponibile in erboristeria sotto forma di compresse, oppure in polvere o liquida.

La polvere può essere impiegata nelle ricette per il pane o biscotti, aiuta a mascherare il gusto, non proprio piacevole; potete anche mescolare la clorella in polvere nella vostra bevanda preferita. o mischiata allo yogurt.

Non sono note delle controindicazioni e tossicità nell’uso della Clorella, l’importante è sempre attenersi alle dosi consigliate.

L’unico neo riscontrato è lo iodio che può contenere e che potrebbe causare una reazione allergica in persone che sono sensibili allo iodio stesso. Sarebbe meglio evitarne l’uso in gravidanza e in allattamento.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

rasatura della barba senza irritazioni

Allergia al nichel : rasatura della barba senza...

Rasatura della barba: come dire addio a irritazioni L’azione della rasatura della barba espone gli uomini allergici al nichel a rischi per la propria pelle da valutare e prevenire in qualsiasi...

come proteggere la pelle

Intolleranze o allergie? Ecco come proteggere la pelle

Intolleranze e allergie: un rischio per la pelle Intolleranze o allergie? Ecco come proteggere la pelle. Se soffri di intolleranze e allergie, avrai sicuramente già sperimentato gli effetti che...

bigiotteria

Allergia al nichel, attenzione ai gioielli e bigiotteria

Quando gioielli e bigiotteria possono causare allergie al nichel L’allergia al nichel può svilupparsi in seguito al contatto prolungato con oggetti contenenti nichel, come anche  gioielli e...

allergia a chiavi e monete

Allergia a chiavi e monete : il responsabile...

Allergia a chiavi e monete : perché succede?. Allergia a chiavi e monete : il responsabile è il nichel. Ultimamente si riscontra sempre di più l'insorgenza di allergia al nichel, dovuta in...

calze anallergiche

No al silicone e nylon: indossiamo calze anallergiche!

Come evitare la dermatite allergica da nylon e silicone? Hai comprato delle calze bellissime che non vedevi l’ora di indossare sotto quella gonna con cui si abbinavano perfettamente ma la tua...

Sensibilita al nichel da cibo

Sensibilità al nichel da cibo: insidiosa, come riconoscerla

Cos’è la sensibilità al nichel da cibo La sensibilità al nichel da cibo è una condizione molto diffusa e potenzialmente invalidante. Con sensibilità, in questo caso, si intende lo spettro di...

10-05-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti