5 consigli per una sana cottura al vapore

La cottura al vapore è uno dei metodi più sani per cuocere una grande varietà di cibi, dalla verdura al pesce. Il processo fisico che è alla base è molto semplice, tant’è che era conosciuto e utilizzato fin dal Paleolitico, sfrutta cioè l’ebollizione dell’acqua che, al livello del mare, avviene quando raggiunge la temperatura di 100 gradi.

Che cosa serve per cuocere a vapore? È possibile utilizzare questa tecnica semplicemente con l’ausilio di un cestello in metallo o in bambù, quello tipico della cucina orientale, da porre sopra una pentola riempita con dell’acqua. All’interno del cestello si adagiano gli alimenti che saranno cotti attraverso il vapore dell’acqua portate a ebollizione.

Se nei Paesi orientali è uno dei metodi per cucinare più utilizzato, da noi in Europa, purtroppo, la cottura al vapore si utilizza quasi esclusivamente per cuocere le verdure e molto spesso solo quando dobbiamo perdere qualche chiletto di troppo.

In effetti, i vantaggi in termini di salute e di linea sono notevoli. Cuocere col vapore consente di eliminare i grassi durante la cottura. Potete evitare di utilizzare olio e burro; verdura, carne e pesce saranno morbidi, gustosi e succulenti allo stesso modo perché, il vapore, essendo composto di acqua, ha il grande pregio di non asciugare il cibo.

Volete iniziare a cuocere al vapore? Allora, partite da questi cinque semplici consigli:

  • Non tutti gli alimenti sono indicati per essere cotti al vapore. In linea di massima vano bene tutti i cibi “delicati”: le verdure sicuramente, la carne bianca e il pesce.
  • I tempi di cottura sono assai variabili, dipende dal taglio, dalla consistenza e ovviamente da ciò che stiamo cuocendo. Tenete presente che si cucina tutto abbastanza velocemente, pollo, verdure e pesce richiedono un massimo di 15 minuti.
  • Per un’ottimale cottura al vapore assicuratevi che l’acqua posta sul fondo della pentola non sia a contatto col cibo, altrimenti vanificherete uno dei principali vantaggi della cottura al vapore; cioè di evitare la dispersione delle sostanze nutritive nell’acqua, conservando inalterate tutte le vitamine e i Sali minerali. Attenzione, però, l’acqua deve essere sufficiente per non evaporare dopo pochi minuti, perciò, oltre a controllare ogni tanto il livello, ricordatevi di coprire il cestello con un coperchio.
  • Evitate di salare la verdura prima di cuocerla, il sale la scolorirebbe.
  • Infine, un modo efficace per insaporire gli alimenti da cuocere al vapore è di arricchire l’acqua nella pentola con gli aromi che preferite (salvia, rosmarino, ecc.), oppure, di utilizzare anziché l’acqua, un brodo saporito.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *