Zuppa di ortaggi a vapore e tanti benefici

Zuppa di ortaggi a vapore
Commenti: 1 - Stampa

Zuppa di ortaggi a vapore e il vostro organismo vi ringrazierà. La verdura va scelta sempre di stagione quando è più ricca di vitamine e minerali. Per essere veramente fresca dovrebbe essere dura e croccante e avere un colore brillante.

La pelle o la buccia deve essere sottile, soda e integra, senza macchie. Se, per esempio, i broccoletti hanno qualche fiorellino giallo, vanno scartati perché significa che sono vecchi.

Se le carote hanno il ciuffo, verificate che sia fresco e non appassito. Per le zucchine, orientatevi anche con il fiore: se è attaccato vuol dire che sono fresche. Se comprate le verdure al supermercato, non cercate la data di scadenza sulle confezioni perché essa non viene apposta.

Potete trovarvi la data di confezionamento che, però, è facoltativa. La data di scadenza è, invece, obbligatoria quando si tratta di prodotti ortofrutticoli trasformati oppure quando quelli freschi vengono sbucciati o tagliati.

A garanzia della freschezza e della qualità dei prodotti orto frutticoli, comunque, potete cercare anche il bollino di qualità recentemente introdotto in Italia con il progetto denominato “Tracciabilità” Questo bollino, non obbligatorio, ma facoltativo, consente di sapere dove, come e quando sono stati prodotti frutta e ortaggi che arrivano in tavola.

Una zuppa di ortaggi al vapore e tanti benefici per il nostro corpo

Avvolte in appositi sacchetti per alimenti, si conservano nella parte meno fredda del frigorifero. Volendo potete pulirle prima di conservarle specialmente se si tratta di verdure a foglie come le insalate.

Per conservare meglio le altre verdure, tagliatene le estremità che hanno ancora le radici per evitare che la linfa scorra verso le foglie. Alcune verdure, come le cipolle, vanno tenute isolate dalle altre perché, per esempio, proprio quest’ultima fa marcire più velocemente le patate e altera latte e formaggi.

Le cipolle, comunque, così come le zucche, le patate e le rape si conservano bene anche in ambienti ventilati e non necessariamente in frigorifero. Tenete presente, però, che la conservazione degli ortaggi per alcuni giorni alla temperatura di 10 °C causa la trasformazione di alcune molecole presenti nei vegetali in sostanze cancerogene. Un ultimo accorgimento: non lavate le verdure Ano a pochi minuti prima di utilizzarle poiché l’umidità non solo le fa marcire, ma diminuisce anche l’efficacia delle vitamine che contengono.

Se vogliamo conservare le verdure in congelatore, scegliamole mature, sane, di buona qualità e senza ammaccature. Laviamole bene, se necessario tagliamole a pezzi e scottiamole leggermente (non se si tratta di peperoni verdi). Dopo la bollitura, le verdure devono essere immerse subito in acqua fredda, disposte su un canovaccio pulito, asciugate e chiuse in sacchetti di plastica per passare poi ai fatidici -18°C.

Per le verdure che tendono a diventare scure (come le melanzane) potete aggiungere all’acqua di cottura un cucchiaio di aceto. Non provate a congelare pomodori, insalate, patate bianche e cavoli perché contengono molta acqua e i risultati non sono eccellenti. Ottimi, invece, per il trattamento del freddo, i fagiolini, i piselli, gli spinaci, i broccoli e i cavolfiori. La durata di conservazione va dagli 8 ai 12 mesi.

La cottura al vapore è un’ottima scelta

Poiché la cottura prolungata distrugge le vitamine di cui, gli ortaggi sono particolarmente ricchi, è consigliabile mangiarli crudi o, se cotti, molto al dente. È anche vero, però, che certe verdure possono essere consumate soltanto cotte e che proprio il calore del fuoco può sterilizzarle perfettamente. In questi casi, cercate di rendere la cottura più rapida possibile e scegliete sistemi che non richiedono molta acqua nella quale finirebbero col di sperdersi molti principi nutritivi.

Spesso le verdure per poter essere utilizzate in preparazioni successive hanno bisogno di essere prima scottate nell’acqua bollente. In questo caso, immergetele in abbondante acqua bollente già salata e tutte contemporaneamente per evitare che la cottura venga ultimata in tempi diversi. Poi si abbassa la fiamma e si protrae l’ebollizione a pentola coperta per pochi minuti. Vanno tolte dal fuoco un po’ prima che la cottura sia effettivamente conclusa.

Un altro modo di scottare le verdure è quello tipico della tradizione culinaria cinese che utilizza il “wok”, un legame a ronda concavo nel quale le verdure vengono messe insieme a un po’ d’olio caldo per pochi minuti.

Sicuramente la cottura più sana è quella a vapore che, come abbiamo detto, consiste nel cuocere le verdure sotto l’azione del vapore prodotto dall’acqua in ebollizione e va condotta a pentola coperta per imprigionare il vapore stesso. I cibi vanno salati e conditi solo a fine cottura.

Molti ortaggi, come cipolle, fette di zucca e patate, possono essere cotti anche in forno. In genere, le verdure vengono poste in una teglia che raccoglie i succhi che fuoriescono per azione del calore. Per la cottura in forno gli ortaggi devono conservare la loro buccia che prima va accuratamente lavata: in questo modo potranno essere conservate le proprietà nutritive. È utile a questo scopo evitare di tagliare le verdure in pezzetti troppo piccoli perché quanto maggiore è la superficie di esposizione tanto minore è la ritenzione di nutrienti.

Qualche consiglio per questa cottura

Un piccolo trucco servirà a evitare che gli ortaggi secchino troppo: basta porre nel forno anche un tegamino con acqua che evaporando manterrà l’umidità necessaria. Il giusto punto di cottura degli ortaggi si riconosce quando punzecchiandoli con una forchetta appaiono morbidi.

Alcuni ortaggi si prestano a essere cotti direttamente in padella con del condimento che in genere è olio o burro.

La cottura va condotta a padella scoperta per evitare che l’umidità sprigionata dalle verdure e trattenuta all’interno renda il fritto molliccio. Per lo stesso motivo anche il sale, che richiama umidità, va aggiunto soltanto a fine cottura. Le verdure si friggono in una padella di ferro contenente olio bollente. Alcune verdure, prima di essere ripassate in padella, devono essere scottate in acqua calda per ammorbidirne le fibre.

È questo il caso in cui la cottura viene fatta in due tempi e con due diverse modalità: prima in acqua e poi in padella. Durante la frittura, se la verdura tende ad attaccarsi sul fondo si potrà aggiungere dell’acqua calda o del latte. Se, invece, volete cuocere gli ortaggi nella loro stessa acqua aggiungendo un po’ di condimento, allora utilizzerete la tecnica dello stufato che è semplicissima: il fuoco va mantenuto basso e la cottura avviene lentamente a pentola coperta. Sulla bistecchiera, sulla grata del forno o sulla griglia possono essere cotte alcune verdure come i radicchi, le melanzane e l’indivia, che vengono condite soltanto a fine cottura con olio, sale e pepe.

Ed ecco la ricetta della Zuppa di ortaggi a vapore

Ingredienti per 4/6 persone

  • 400 gr di bietoline
  • 350 gr. di lattuga
  • 2 gambi di sedano
  • 3 patate
  • 1  cipolla
  • 1 mazzetto erbe aromatiche
  • 200 g di cicoria
  • 200 gr. di zucca
  • qualche foglia di cavolo nero
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 1 lt. di brodo vegetale
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe.

Preparazione

Mondate le verdure, risciacquatele piu volte, sgocciolatele, asciugatele e trinciatele grossolanamente sul tagliere (tranne le patate che lascerete da parte).

Ponete ora le verdure in una pignatta di terracotta senza alcun condimento, aggiungete un pizzichino di sale grosso, chiudete bene con il coperchio e fate cuocere a calore dolce per un quarto d’ora; a questo punto le verdure risulteranno appassite nel loro stesso vapore.

Rimescolatele, poi aggiungete le patate, dopo averle sbucciate e tagliate a dadini, la conserva di pomodoro, il mazzetto di erbe e il brodo vegetale. Chiudete ancora il recipiente e fate proseguire molto dolcemente la cottura della preparazione per circa un’ora.

Completate alla fine con l’aggiunta dell’olio e del pepe macinato al momento, poi suddividete la densa zuppa nelle quattro fondine in cui avrete disposto le fettine di pane tostato e di parmigiano reggiano grattugiato. Lasciate stufare per qualche minuto prima di servire in tavola, avendo cura di coprire le fondine con un piattino per evitare che si possa disperdere il calore

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

1 commento su “Zuppa di ortaggi a vapore e tanti benefici

  • Lun 17 Dic 2012 | Elisa Caimi ha detto:

    Ma che buona cara! Una zuppetta speciale! Un abbraccio e buona settimana! :)

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-12-2012
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti