bg header
logo_print

Parmigiana di melanzane light, un piatto da leccarsi i baffi

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Parmigiana di melanzane light
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.5/5 (2 Recensioni)

Parmigiana di melanzane light, tutta la bontà in un piatto leggero

La parmigiana di melanzane light è un piatto unico davvero buono e salutare. Le melanzane sono fra le pochissime verdure che un intollerante al nichel puo’ mangiare assieme a peperoni, finocchi, bietole e tre insalate: scarola, radicchio rosso e songino.

Ho deciso di fare la parmigiana di melanzane light senza frittura e di aggiungere la mozzarella di bufala, cosi perlomeno mi faccio meno male. E pensare che le melanzane proprio non mi piacevano per niente! Nel giorno di dieta libera ogni tanto le assaggio anche io cucinate cosi!

Ricetta parmigiana di melanzane light

Preparazione parmigiana di melanzane light

  • In una padella fate rosolare con un filo di olio lo scalogno affettato finemente. e lo spicchio d’aglio sbucciato e intero.
  • Aggiungete la passata di pomodoro, salate e pepate e lasciate cuocere a fuoco basso per circa 30 minuti.
  • A fine cottura eliminate l’aglio e aggiungete del basilico fresco lavato e tritato. Tenete delle foglioline per la decorazione.
  • Intanto preriscaldate il forno a 180/200 gradi.
  • Tagliatele le melanzane a fette non troppo sottili con una mandolina e adagiatele su una teglia ricoperta con della carta da forno e infornate per circa 15/20 min.
  • In una teglia antiaderente rettangolare e cominciate a fare i vari strati.
  • Cominciate con il pomodoro,  poi le melanzane e proseguite con le fettine di mozzarella di bufala.
  • Proseguite così, strato dopo strato, fino alla fine delle melanzane.
  • L’ultimo strato fatelo solo con il pomodoro e una spolverata di parmigiano reggiano.
  • Infornate per circa 30 minuti e aspettate che siano tiepide prima di servire.

Ingredienti parmigiana di melanzane light

  • 1 kg. di melanzane
  • 1/2 lt. di passata di pomodori nichel free
  • 1 scalogno
  • 1 spicchio di aglio
  • 400 gr. di mozzarella di bufala consentita
  • 120 gr. parmigiano reggiano 48 mesi
  • qualche fogliolina di basilico nichel free
  • un pizzico di sale e di pepe.

Le proprietà benefiche delle melanzane

La parmigiana di melanzane light ha come ingrediente principale proprio la melanzana, a tal proposito approfondiamone le interessanti proprietà. Le melanzane possono variare dal nero-violetto al viola pallido, dalla forma allungata a quella tondeggiante. Le varietà più diffuse sono la Lunga violetta, la Tozza, la Bianca e la Violetta. Le melanzane vanno scelte lisce e sode.

Comprate quelle allungate, che sono leggermente piccanti, per il sugo con cui condire la pastasciutta, e quelle rotonde da cuocere alla griglia. Attenzione anche al picciolo che deve essere di un verde brillante. Quelle più gustose non devono avere molti semi all’interno. Per verificarlo provate a premere la melanzana: se è ricca di semi, risulterà cedevole.

Anche se possono essere conservate bene in frigorifero, fino a 7 giorni, sarebbe buona norma mangiare le melanzane subito dopo averle acquistate. Se proprio dovete conservarle, non tenetele per più di una settimana perché tendono a diventare amare con il passare del tempo. Se la melanzana è tagliata, va protetta con della pellicola per alimenti per evitare il contatto con l’aria che la fa annerire.

Parmigiana di melanzane light

I succhi contenuti nelle melanzane favoriscono il funzionamento del fegato e riducono il colesterolo nel sangue. Inoltre, essendo ricche di potassio, sono indicate nelle diete dimagranti e nelle persone che hanno bisogno di stimolare la diuresi.

Una ricetta per tutti

La parmigiana di melanzane light che vi presento oggi nasconde un segreto, ossia può essere consumata senza alcun timore anche da chi soffre di intolleranza o allergia al nichel. Eppure la ricetta comprende pomodori (sotto forma di passata) e qualche foglia di basilico. Com’è possibile? Semplice, questo piatto è realizzato con le rispettive varianti nichel free. Non è difficile reperire questo tipo di prodotti, sebbene spesso ci si deve rivolgere agli e-commerce.

Alcuni produttori, come Sfera, mettono in campo un processo di produzione che esclude il nichel dal suolo, consentendo alle piante di crescere senza questo allergene. Il sapore non cambia ed è indistinguibile dal prodotto originale.

Tanto la passata quanto le foglioline di basilico vengono impiegati per la preparazione della salsa, che funge da condimento tra i vari strati di melanzana. E’ una salsa davvero speciale in quanto vede il contributo dell’aglio e dello scalogno. L’aglio aggiunge un tocco pungente (verrà poi eliminato), mentre lo scalogno aggiunge una certa delicatezza.

Il delizioso contributo della mozzarella di bufala nella parmigiana

Non esiste parmigiana, light o classica che sia, senza mozzarella e questa ricetta non fa eccezione. In questo caso però vi suggerisco l’impiego della mozzarella di bufala. Questo tipo di mozzarella, vanto dell’agroalimentare campano, si caratterizza per una selezione accurata delle materie prime e per un processo di produzione più complesso.

Il risultato è un latticino dal sapore più intenso e dalla consistenza più elastica e allo stesso tempo morbida. Ciò incide sul sapore che la parmigiana riesce ad esprimere boccone dopo boccone, ma anche sulla generale armonia tra gli ingredienti. La mozzarella di bufala, rispetto a quella tradizionale, produce meno filamenti e quindi si amalgama meglio alla salsa ed alle melanzane.

Il sapore più intenso della mozzarella di bufala è dovuto proprio al latte di bufala, che presenta caratteristiche organolettiche diverse rispetto al normale latte vaccino. Inoltre, presenta una quota di grassi maggiori, al netto di un apporto calorico che è comunque fermo a 290 kcal per 100 grammi.

Una doppia cottura per la parmigiana di melanzane light

La parmigiana senza frittura non è certo un’idea nuova, anzi è una variante molto usata per cercare di diminuire l’apporto calorico della ricetta e renderla meno pesante. In genere si opta per la cottura delle melanzane al forno insieme agli altri ingredienti. Si tratta in realtà di una scelta poco efficace, in quanto allunga il tempo di cottura e rischia di asciugare troppo la salsa, rendendo la parmigiana poco gradevole al palato.

Il segreto dunque sta nel precuocere le melanzane prima di utilizzarle per la composizione degli strati. E’ sufficiente un preliminare passaggio al forno per ottenere una parmigiana tutt’altro che scotta, morbida e cremosa al punto giusto. Inoltre, fate attenzione a come tagliate le melanzane, devono sottili al punto giusto in quanto devono resistere ad una cottura in solitaria, conservando una consistenza importante.

Prestate attenzione anche alla fase finale della guarnizione. L’ultimo strato deve essere composto dalla salsa e dal Parmigiano Reggiano, che per l’occasione forma una gradevole crosticina, come accade con le lasagne e con la pasta al forno.

FAQ sulla parmigiana di melanzane light

Quante calorie ha una fetta di parmigiana?

La parmigiana è considerata un alimento grasso, ma in realtà è meno calorica rispetto a tanti altri pasti completi e persino rispetto ad alcuni primi. Una porzione media viaggia sulle 500 kcal. Fa eccezione la parmigiana light, in questo caso si può scendere anche sulle 300 kcal.

Cosa si può mangiare insieme alla parmigiana?

La parmigiana è un piatto completo, al pari delle lasagne, della pasta al forno e dei cannelloni. In ragione di ciò non occorre nessun piatto aggiuntivo, al massimo potrebbe essere accompagnata da qualche secondo piatto semplice e leggero. Può andare bene ad esempio una selezione di salumi e di insaccati, magari serviti sotto forma dell’antipasto. Ovviamente nessuno vi impedisce di accompagnare la parmigiana ad un secondo diverso, magari in vista di eventi speciali.

Ricette con melanzane ne abbiamo? Certo che si!

4.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Carpaccio di patate viola

Carpaccio di patate viola, il contorno che non...

Le patate viola, un concentrato di gusto e colore Vale la pena spendere qualche parola sulle patate viola, che sono gli ingredienti principali di questo delizioso carpaccio. Tanto per cominciare il...

Insalata di ceci ed elicriso

Insalata di ceci ed elicriso, un piatto raffinato...

I ceci, dei legumi perfetti Vale la pena parlare dei ceci, che insieme all’elicriso sono i protagonisti di questa deliziosa insalata. Potremmo definire i ceci come dei legumi perfetti, infatti...

Insalata esotica con granadilla

Insalata esotica con granadilla, un contorno colorato

Le utili proprietà della granadilla L’insalata esotica che stiamo preparando ci da modo di spendere qualche parola sulla granadilla, un frutto poco comune dalle nostre parti ma molto consumato in...