bg header
logo_print

Liquore di mirto, ottimo digestivo!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Liquore di mirto
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Cucina regionale
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: P40DT30 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.6/5 (25 Recensioni)

Amate le bevande al sapore di frutta? Provate il liquore di mirto!

Chi non conosce il liquore di mirto non sa cosa si perde, soprattutto se ama le bevande liquorose, ottime a fine pasto e perfette come accompagnamento al dolce da assaporare dopo cena. Per le occasioni speciali, per le sere d’inverno e d’estate in compagnia degli amici, abbiamo a che fare con un drink a dir poco perfetto. Dolce al punto giusto e inebriante quanto basta, è amato da tutti e può essere servito in qualunque momento dell’anno.

Ricetta liquore di mirto

Preparazione liquore di mirto

Come fare il liquore di mirto sardo? Per il mirto bianco: Per preparare questo drink, lavate le bacche e asciugatele bene. Mettetele a macerare per circa 40 giorni nell’alcool, in un vaso di vetro con la chiusura ermetica, al fresco e possibilmente al buio o in un luogo con poca luce. Ogni giorno agitate il vaso.

Trascorso questo tempo, preparate lo sciroppo con 1/3 dell’acqua in cui, a fiamma bassa, dovrete far sciogliere lo zucchero.

Una volta sciolto, spegnete la fiamma e fate raffreddare. Dopodiché, filtrate l’infuso con le bacche in contenitori di vetro capienti. (meglio usare un colino a trama fine). Coprite il contenitore. Schiacciate e fate bollire per alcuni minuti le bacche, con i 2/3 di acqua rimasta.

Lasciate raffreddare e filtrate nuovamente. Unite il liquido ottenuto dalla bollitura delle bacche allo sciroppo e versatelo nell’infuso.

Versate il tutto in bottiglie con il tappo ermetico e lasciate riposare in frigorifero per 1 settimana, agitando le bottiglie ogni giorno.

Servite il liquore di mirto come digestivo o come accompagnamento del dessert a fine pasto.

Per la preparazione del liquore di mirto bianco iniziate lavando con cura le foglie (possibilmente appena raccolte) e asciugandole per bene. In una terrina di vetro versate l’alcool, poi inserite le foglie di mirto e la buccia di limone tagliata molto sottile. Chiudete ermeticamente e lasciate in infusione per 20 giorni circa, fino a quando il colore non sia passato dalle foglie all’alcool.

Ora preparate lo sciroppo bollendo l’acqua insieme allo zucchero per 10 minuti. Poi fate intiepidire a temperatura ambiente, coprendo la pentola con un telo. Filtrate l’alcool dalle foglie di mirto e mescolate insieme allo sciroppo, infine imbottigliate. Fate riposare il liquore per circa un mese in un luogo fresco e al riparo dalla luce solare. Trascorso questo lasso di tempo, filtrate nuovamente in modo da eliminare altre impurità, e gustate il liquore con i vostri amici

Le bottiglie o i contenitori devono essere sterilizzati e puliti accuratamente prima di utilizzarli per conservare il liquore di mirto o qualsiasi altro liquore fatto in casa. Questo passaggio è fondamentale per garantire che il tuo liquore sia ottimo da consumare nel corso del tempo e che mantenga il suo sapore e la sua qualità.

Ecco come puoi farlo:

  • Lavaggio: Inizia lavando le bottiglie o i contenitori con acqua calda e sapone. Assicurati di rimuovere eventuali residui di cibo o sporco.
  • Sciacquo: Risciacqua accuratamente le bottiglie o i contenitori con acqua calda per rimuovere il sapone.
  • Sterilizzazione: Puoi sterilizzare le bottiglie o i contenitori in uno dei seguenti modi:
    • Bollitura: Scegli una pentola abbastanza grande da contenere le bottiglie e riempila con acqua. Porta l’acqua a ebollizione e immergi le bottiglie per almeno 10-15 minuti.
    • Forno: Posiziona le bottiglie o i contenitori nel forno a una temperatura di circa 110°C per 10-15 minuti.
    • Lavastoviglie: Se la tua lavastoviglie ha una funzione di sterilizzazione, puoi utilizzarla per pulire e sterilizzare le bottiglie.
  • Asciugatura: Una volta sterilizzate, lascia le bottiglie o i contenitori asciugare completamente su un rack asciugapiatti pulito o in un luogo pulito e privo di polvere.

Assicurarsi che le bottiglie o i contenitori siano puliti e sterilizzati aiuta a prevenire la crescita di batteri indesiderati nel tuo liquore e a garantire che mantenga la sua freschezza e il suo sapore.

Ingredienti liquore di mirto:

  • 1 kg di bacche di mirto,
  • 1 lt di acqua,
  • 1 lt di alcool alimentare 95° per liquori,
  • 300 gr di zucchero di palma di cocco

Ingredienti liquore di mirto bianco

  • 500 ml. di alcool alimentare 95° per liquori,
  • 100 gr. di foglie di mirto,
  • buccia di un limone (non trattato),
  • q. b. di zucchero (consigliati 400 gr.),
  • 1 lt. di acqua.

Se siete d’accordo con quello che ho detto finora, continuate a leggere e troverete tutto quello di cui avete bisogno per preparare in casa questo delizioso liquore di mirto  di Sardegna e per offrirlo ai vostri commensali… Parleremo di alcune proprietà e di interessanti curiosità, di importanti consigli e di tutto ciò che serve per prepararlo e gustarlo al più presto!

Il mirto: proprietà e curiosità

Come ben sappiamo, il mirto è una pianta aromatica, tipica dei Paesi Mediterranei, che presenta diverse proprietà officinali. Oltre a possedere proprietà balsamiche, astringenti, antinfiammatorie e blandamente antisettiche, è stato riscontrato che gli estratti di questa pianta possono essere utilizzati persino per alleviare i disturbi all’apparato digerente e respiratorio. Proprio per questo, il liquore di mirto è un valido drink dopo-pasto e, anche in caso di sintomi influenzali, fa la sua parte per favorire il nostro benessere!

Liquore di mirto

Chiaramente, questa bevanda si trova anche in commercio, ma è sempre preferibile puntare sui prodotti artigianali o, per l’appunto, su quelli fatti in casa, e fra poco scopriremo come fare! È proprio con le bacche di mirto selvatico, che si prepara il liquore di mirto tipico della Sardegna. In genere, queste bacche si trovano nelle pinete e il periodo migliore per la raccolta va dall’autunno fino a fine inverno. Perciò, organizzatevi e trovate il momento giusto per prepararlo con le vostre mani!

Liquore di mirto con la ricetta della nonna Sofia

Volete sapere come fare liquore di mirto in casa?. Sì, servirà un po’ di tempo, ma ne varrà la pena. Infatti, questo goloso digestivo è molto semplice da preparare. Tuttavia, non sarà possibile gustarlo subito: per portare in tavola il liquore di mirto, bisognerà aspettare almeno 40 giorni dall’inizio della preparazione. Ad ogni modo, vi renderete conto che l’esperienza organolettica ripagherà ampiamente la vostra attesa. Tra l’altro, non dovrete preoccuparvi: la preparazione si concretizza in pochi semplici passaggi…

Potrete servirlo sia d’inverno che d’estate, ricordandovi che il drink potrà aiutare la digestione e promuovere la salute dell’apparato respiratorio, contribuendo a trattare e a prevenire i malanni di stagione. Insomma, ci sono tante ottime ragioni per portare in tavola il liquore di mirto e poi devo dire che è buonissimo. Quindi, cosa state aspettando? Prepariamolo insieme!

Liquore di mirto bianco, una piacevole scoperta

Oggi voglio presentarvi un liquore che ha allietato le mie ultime vacanze estive. Sono stata in Sardegna, terra che può offrire molto non solo in termini paesaggistici ma anche enogastronomici. Nelle calde sere di agosto, dopo cena mi veniva offerto spesso un liquore di mirto diverso dal solito. Ossia un liquore di colore chiaro, tendente al giallo-verde e dal gusto più raffinato, forse un po’ meno aromatico ma comunque molto godibile. Sto parlando del liquore di mirto bianco. In realtà questo tipo di liquore non fa riferimento a chissà quale varietà di mirto, anzi il mirto è sempre lo stesso, ma viene trattato in modo differente. Il liquore originario è ottenuto per mezzo della macerazione, mentre in questo caso le foglie (o le bacche) vengono lasciate in infusione, in un procedimento che ricorda quello del limoncello.

La ricetta più completa del liquore di mirto bianco fatto in casa che ho trovato in rete è quella di Cookaround, e da essa ho preso spunto per raccontarla a voi. Ovviamente la preparazione necessita dei suoi tempi, come minimo sono necessarie sette settimane, tra infusione e riposo. Tuttavia credetemi, ne vale proprio la pena! Il liquore al mirto sardo è perfetto come ammazzacaffè o come semplice digestivo a fine pasto. Alcuni lo bevono anche in occasione dell’aperitivo, sebbene sia di norma molto alcolico. A tal proposito è possibile dosare la gradazione alcolica mettendo meno alcool o più acqua.

Il ruolo del limone in questo liquore

Un’ulteriore variazione nel liquore di mirto fatto in casa, rispetto alla ricetta originale, è la presenza del limone. Sia chiaro, essa non è preponderante e funge più che altro da aroma, tuttavia incide abbastanza. Come utilizzare il limone? Il trattamento ad esso riservato ricorda quello del limoncello, infatti si utilizza solo la buccia, che va tagliata finemente.

Liquore di mirto bianco

Oltre ad essere molto sottile, la buccia non deve contenere alcuna traccia di albedo, ovvero la parte bianca che si trova tra la buccia e la scorza. Nel caso in cui integraste l’albedo nella preparazione, il liquore risulterebbe sgradevolmente amaro, invece che dolce e aromatico. Per il resto fate molta attenzione alle dosi. Il limone deve comportarsi quasi come una spezia, non da ingrediente principale, dunque va bene utilizzare un limone per due bottiglie da 75 cl. ciascuna.

Come dosare lo zucchero?

Il liquore al mirto fatto in casa è sostanzialmente una preparazione artigianale, e in quanto tale soggetta alla discrezione di chi la prepara. In particolare potete variare due elementi: il grado alcolico e la dolcezza. Per modulare il grado alcolico, sarà sufficiente aumentare o diminuire la quantità di acqua. Di conseguenza, per modulare la dolcezza, occorre agire sullo zucchero, ovvero sul gusto dello sciroppo.

La versione più equilibrata, in ogni caso, prevede un litro di acqua e 400 grammi di zucchero, a fronte di mezzo litro di alcool. Queste dinamiche possono apparire complicate, e in effetti vengono padroneggiate con il tempo. La difficoltà è data dalla necessità di prevedere il sapore del liquore prima ancora che questo venga realizzato. La resa, in termini di grado alcolico e di dolcezza, può essere verificata solo a giochi finiti, dopo che il liquore è stato sottoposto al tradizionale periodo di riposo di almeno un mese. Dunque, il consiglio è di limitarvi alle dosi consigliate.

Tutte le sere dopo cena era il nostro digestivo preferito. Non conoscevo questo liquore ma vi assicuro che vale la pena di provarlo. Lo servivano ghiacciato ed era spaziale! Mi piace molto di più della grappa al mirto per me troppo forte.

Ricette con mirto ne abbiamo? Certo che si!

3.6/5 (25 Recensioni)
Riproduzione riservata

6 commenti su “Liquore di mirto, ottimo digestivo!

  • Mer 21 Lug 2021 | Manuela ha detto:

    Grazie per la ricetta. L’ho provata ed è squisito.

    • Mer 8 Feb 2023 | jaku ha detto:

      il mirto bianco non di fa con le foglie ma con le bacche bianche e qualche cima di foglie.

      • Mer 8 Feb 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

        Jaku a me hanno dato questa ricetta ed è buonissimo. proverò anche con la bacche bianche di cui ho l’albero pieno.

        • Gio 16 Nov 2023 | Fausto Giusti ha detto:

          Da qualche parte leggo di pressare leggermente anche le bacche x aumentare la resa. Personalmente credo che x pochi grammi non ne valga la pena, se mai alle bacche scolate si può aggiungere 1 lt di vino rosso buono e lasciare altri 30 giorni. Otterremo un vino liquoroso e leggermente dolce. Fausto, vinci

          • Mar 21 Nov 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

            Grazie Fausto del consiglio! Proverò sicuramente

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spumone alle fragole

Spumone alle fragole, un cocktail dessert morbido e...

Tutta la bontà delle fragole Le protagoniste di questo spumone sono naturalmente le fragole. Queste vengono semi-congelate e frullate per ottenere una purea molto densa e omogenea. La purea viene...

Ranch Water

Ranch Water, ecco come si fa il famoso...

Uno sguardo sulla tequila Vale la pena parlare della tequila, che è la vera protagonista del Ranch Water. Nello specifico parliamo della tequila bianca. Rispetto agli altri tipi di tequila non è...

Cocktail leggero con azzeruoli

Cocktail leggero con azzeruoli per un aperitivo rinfrescante

Un focus sugli azzeruoli Gli azzeruoli sono frutti molto particolari e sono ideali per un cocktail leggero come questo. Un tempo erano molto consumati, poi caddero nell’oblio durante l’età...