Spritz al mirto e prosecco, variante davvero sfiziosa

Spritz al mirto e prosecco
Stampa

Spritz al mirto e prosecco, una gradevole variazione

Lo spritz al mirto e prosecco, come suggerisce il nome, è una variante del celebre spritz, il cocktail che partendo dal Triveneto ha conquistato tutta l’Italia. La versione originale è realizzata con il prosecco, il seltz (o acqua gassata) e il bitter. E’ a sua volta un’evoluzione di una bevanda consumata nel Veneto austro-ungarico dai soldati, che solevano allungare il vino con acqua frizzante. La versione che vi propongo oggi è decisamente diversa dall’originale, ma in un certo senso ne incarna lo spirito. Anche perché l’unica variazione sul tema riguarda il liquore di mirto, che sostituisce il bitter. In virtù di questa sostituzione, la bevanda assume un sapore più fruttato e allo stesso tempo più aromatico.

Il protagonista rimane comunque il prosecco, che inebria con il suo sapore tipico. Stiamo parlando di un’eccellenza veneta, e più in generale italiana. E’ uno dei vini più apprezzati al mondo dal punto di vista organolettico, a tal punto da essere tra i primi ad acquisire il marchio DOC (riconosciuto dodici anni fa). Attualmente vengono commercializzate tre tipologie di prosecco. Il Tranquillo, che presenta un sapore equilibrato, lo Spumante, che ha un sapore più dolce, e il Frizzante, che è a metà strada tra il dolce e l’acidulo. Per questo Spritz possono essere usati indifferente il Tranquillo e il Frizzante. Ovviamente il cocktail riesce bene anche con la tipologia Spumante, ma reputo che quest’ultima sia troppo caratterizzata dal punto di vista organolettico e potrebbe interferire con gli altri ingredienti.

Le principali caratteristiche del liquore al mirto

Il liquore è la vera novità di questa variante dello spritz al mirto e prosecco. Il liquore al mirto è tipico della Sardegna e della Corsica, e viene ottenuto per mezzo della macerazione alcolica delle bacche di mirto. Alcune versioni decisamente aromatiche vedono una macerazione mista bacche-foglie, ma sono decisamente più rare. Il liquore migliore è quello realizzato con le bacche molto mature e decisamente pigmentate. Il liquore al mirto si caratterizza per un sapore tra il dolce e l’aromatico. Sono proprio queste caratteristiche a renderlo un supporto ideale per il prosecco e per uno spritz “modificato”, come quello che vi presento oggi.

Spritz al mirto e prosecco

Da questo punto di vista, la sostituzione del bitter apporta un radicale cambiamento al gusto della bevanda. Il bitter, come sicuramente già saprete, è amaro per definizione, quindi fate particolarmente attenzione alle dosi e attenetevi alle indicazioni. Inoltre il mirto è decisamente alcolico, in media siamo sui 30 gradi, sebbene esistano varianti di 28 e altre di 35. In virtù della gradazione elevata, e anche del sapore estremamente corposo, viene ascritto nella categoria dei digestivi.

Le proprietà delle bacche di mirto

Un’aggiunta che rischia di passare inosservata è quella delle bacche di mirto. Esse fungono da decorazione nello spritz al mirto e prosecco, ma incidono anche in termini di gusto e persino dal punto di vista nutrizionale. In un certo senso sostituiscono le fette di arancia, che sovente vengono posizionate sul bicchiere degli spritz a mo’ di guarnizione. Anche in questo caso il cambiamento è palpabile: l’arancia è a metà strada tra il dolce e l’acre, il mirto, invece, è a metà strada tra l’aromatico e il dolce.

Le bacche di mirto si difendono molto bene anche sul fronte nutrizionale. In primis sono poco caloriche, infatti un etto di bacche apporta solo 20 kcal. Inoltre sono ricche di acido citrico, ragione per cui possono essere considerate astringenti e utili in casi di problemi di stomaco. Come la stragrande maggioranza delle bacche e dei frutti di bosco, poi, sono ricche di vitamina C, quasi quanto gli agrumi. Contengono, infine, svariati antiossidanti che sono responsabili in parte della loro colorazione, come le antocianine, la quercetina e le catechine. Per inciso, gli antiossidanti contrastano lo stress ossidativo, riducono gli effetti dei radicali liberi e aiutano a prevenire il cancro.

Ecco la ricetta dello spritz al mirto e prosecco:

Ingredienti:

  • 6 cl. di prosecco,
  • 2 cl. di liquore di mirto,
  • q. b. di soda,
  • qualche bacca di mirto.

Preparazione:

Per la preparazione dello spritz al mirto e prosecco iniziate versando il ghiaccio in un bicchiere da cocktail. Poi unite il liquore al mirto, la soda e il prosecco che avete a disposizione.

Mescolate con delicatezza e decorate con le bacche di mirto. Il vostro spritz al mirto è pronto per essere gustato con i vostri amici!

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


20-02-2021
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti