La rinfrescante insalata di cicorie, kiwi e mandarini

insalata di cicorie kiwi e mandarini
Commenti: 0 - Stampa

Per il pranzo di oggi, eccovi l’insalata di cicorie, kiwi e mandarini!

Eccoci qui: oggi vi propongo la ricetta dell’insalata di cicorie, kiwi e mandarini che ha preparato il mio piccolo… Riesce a mangiarne in quantità industriale! Prima di prepararla, sappiate che gli intolleranti al nichel possono mangiare il kiwi inserito in una dieta a rotazione, visto che è fra gli alimenti ad alto contenuto di questa sostanza. Pertanto, se soffrite di questa intolleranza, non dimenticate di prendere in considerazione questa indicazione. Ad ogni modo, la protagonista di questo piatto è senz’altro la cicoria belga.

Chiaramente, non voglio sminuire gli altri cibi. Tuttavia, la cicoria è l’ingrediente che tra questi consumiamo di meno e, in realtà, dovremo gustarla più spesso! Infatti, si tratta di un alimento speciale e benefico, che donerà un ottimo apporto nutrizionale alla nostra insalata di cicorie, kiwi e mandarini.

Dalla sua scoperta ai giorni nostri… Ecco la cicoria!

Attorno al 1845, il capo-giardiniere del Giardino Botanico di Bruxelles, Brézier, scoprì per caso che nell’oscurità della cantina di casa sua, alcune radici di cicoria avevano germogliato. All’assaggio, i germogli si dimostrarono delicati e gustosi… Da quel momento, per 20 anni si eseguirono continui esperimenti per cercare di migliorarne la qualità, la forma e il sapore. Il risultato? Un ortaggio tenero e sano, che ci consentirà di preparare una favolosa insalata di cicorie, kiwi e mandarini.

insalata di cicorie, kiwi e mandarini

Questo alimento è straordinariamente indicato nelle diete dimagranti, perché contiene soltanto 17 calorie ogni 100 grammi, contro le 27 (in media) delle altre insalate. È inoltre diuretico, ricco di idrati di carbonio (carboidrati), insulina e minerali come calcio e fosforo. Il suo leggero sapore amaro agisce come stimolante dell’appetito e, per il suo alto contenuto di vitamina C, è preferibile consumarla cruda anziché cotta. Ecco perché consiglio di portare in tavola l’insalata di cicorie, “kiwi e mandarini tutte le volte che potete: se vi piacerà, avrete a disposizione un piatto fresco, nutriente e salutare!

Prima di preparare l’insalata di cicorie, kiwi e mandarini, ecco altre informazioni interessanti…

Dovreste sapere che la cucina francese, che fa uso della cicoria belga fin dal 1872, la chiama “indivia belga”, il che forse è più giusto, perché col nome di cicoria si indicano perlopiù le varietà spontanee e di campo. La semina della cicoria belga avviene invece in aperta campagna, durante la primavera. Dai semi nascono lunghe radici sottoterra e un ciuffo verde rigoglioso che spunta all’esterno… (che però non sarà ancora abbastanza per la preparazione della nostra insalata di cicorie, kiwi e mandarini!).

In autunno, si estraggono le radici dal terreno. Queste vengono innestate in speciali rape, preparate per lo scopo, dalle quali trarranno la linfa per germogliare nel buio dei capannoni. In questi ultimi, ci sono sempre particolari condutture sotterranee, utili a mantenere le piante alla giusta temperatura. Il periodo della raccolta va da dicembre a febbraio… E così arriviamo finalmente all’ingrediente perfetto per l’insalata di cicorie, kiwi e mandarini, che troverete facilmente nei supermercati e dal vostro fruttivendolo di fiducia!

Ed ecco la ricetta dell’  insalata di cicorie, kiwi e mandarini

Ingredienti per 4 persone:

  • 80 g di indivia,
  • 80 g di cicorino,
  • 1 cespo di cicoria belga,
  • 2 cespi di radicchio,
  • 2 kiwi
  • 4 mandarini,
  • 1 gambo di sedano bianco,
  • 1 barbabietola,
  • succo filtrato di 1 limone,
  • 20 g di olio extravergine di oliva,
  • 1 cucchiaio di aceto balsa­mico,
  • sale e pepe

Preparazione

Mondate, lavate e asciugate le insalate e il sedano. Spezzettate (con le mani) le foglie di Indivia; suddividete le foglie di cicorino e dell’insalata belga; tagliate i cespi di radicchio a quarti e affettate sottile il sedano

Sbucciate i kiwi e i mandari­ni, affettate i primi a rondelle e dividete i mandarini a spicchi, possibilmente privandoli della pellicina.

Cuocete a vapore la barbabie­tola, la pelate e la frullate con il succo di limone, l’olio, l’aceto balsamico e sale a pia­cere.

Preparate l’insalata disponendo In una ciotola le foglie di insalata e i cespi di radicchio, distribuia­mo sopra il sedano affettato e la frutta, condiamo con la salsina alla barbabietola e a piacere con pepe macinato al momento.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di mele e sedano

Insalata di mele e sedano, una meraviglia agrodolce

Insalata di mele e sedano, l’abbinamento che non ti aspetti L’insalata di mele e sedano si inserisce sul solco delle insalate “agrodolci”, che si caratterizzano per degli abbinamenti...

insalata di riso rosso con mozzarella e cannellini

Insalata di riso rosso con cannellini, un piatto...

Insalata di riso rosso con mozzarella e cannellini, un pasto completo e veloce L’insalata di riso rosso con mozzarella e cannellini è un’insalata di riso che si discosta da quelle tradizionali....

Insalata di ananas e gamberi

Insalata di ananas e gamberi, un pasto completo

Insalata di ananas e gamberi, un piatto dagli ottimi ingredienti L’insalata di ananas e gamberi è un piatto squisito, leggero e completo. Lo considero un po’ la mia salvezza, in quanto fa parte...

Insalata di riso con verdure e menta

Insalata di riso con verdure e menta, un...

Insalata di riso con verdure, un’alternativa alla classica insalata di riso L’insalata di riso con verdure, più che una pietanza, è un invito alla creatività. Proprio per questo, vi propongo...

Insalata di pasta con melanzane grigliate

Insalata di pasta con melanzane grigliate, un piatto...

Una lista di ingredienti ben ponderata L’insalata di pasta con melanzane grigliate e hummus di ceci è un piatto tipicamente estivo, per quanto apprezzabile anche in altri periodi dell’anno....

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-10-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti