Avocado ripieno con polpa di granchio

Avocado ripieno
Stampa

Lo sai quanto è buono l’ Avocado ripieno con polpa di granchio ?. Una delle principali fonti naturali di vitamina F è sicuramente l’avocado seguito da oli vegetali (di germe di grano, di lino, di girasole, di mais, di soia, di arachidi), arachi­di, semi di girasole, noci, noci pecan, mandorle. Non potendo mangiare tutto il resto cerco di trovare ricette nuove con l’avocado. Questa è da mangiare nel giorno di dieta libera per noi intolleranti al nichel.

La vitamina F è liposolubile ed è costituita da tre acidi grassi insaturi (linoleico, linolenico e arachido­nico) che si ricavano dagli alimenti. Si misura in milligram­mi (mg).

Non sono state stabilite dosi giornaliere consigliate ma il National Research Council, negli Stati Uniti, ha sugge­rito che almeno l’un per cento delle calorie totali dovreb­be includere acidi grassi insaturi essenziali. I grassi insa­turi aiutano a eliminare i grassi saturi in caso di ingestio­ne bilanciata dei due tipi di alimenti e condimenti nel rap­porto di due a uno. Dodici cucchiaini da tè di semi di gi­rasole o diciotto noci pecan forniscono una dose giorna­liera completa.

Avocado ripieno

Avocado : fonte naturale di vitamina F

Se c’è una quantità sufficiente di acido linoleico, gli altri due acidi grassi possono venir sintetizzati. Un forte con­sumo di carboidrati fa aumentare il fabbisogno di vita­mina F.

La vitamina F aiuta a prevenire il formarsi di de­positi di colesterolo nelle arterie. Favorisce l’integrità della pelle e dei capelli. Conferisce un certo grado di protezio­ne contro gli effetti dannosi dei raggi X. Favorisce la cre­scita e il benessere dell’organismo stimolando l’attività del­le ghiandole a secrezione interna. Aiuta a prevenire le ma­lattie cardiache. Favorisce la riduzione di peso contribuen­do alla combustione dei grassi saturi.

Ci si accorge della carenza da vitamina F se abbiamo un eczema o ci aumenta l’acne. Non è noto alcun effetto tossico, ma un ecces­so di vitamina F può fare accumulare chili di peso in più non desiderati, perché anche i grassi polinsaturi sviluppa­no molte calorie.Chi teme un aumento del colesterolo nel sangue dovreb­be introdurre dosi adeguate di vitamina F. Le noci sono una buona fonte di acidi grassi insatu­ri: due al giorno ne forniscono già una quantità apprez­zabile.

Ed ecco la ricetta dell’ Avocado ripieno con polpa di granchio

Ingredienti per 4 persone

  • 2 avocado maturi
  • 1 limone
  • 1 scatola di polpa di granchio
  • 2 cucchiai di riso bollito
  • 3 cucchiai di maionese senza glutine
  • 1 cucchiaino di ketchup senza glutine
  • 1 cucchiaino di cognac

Preparazione

Aprite gli avocado tagliandoli in due e togliete il nocciolo. Con un cucchiaino estraete la polpa e tagliatela a dadini evitando di rompere la buccia. Spruzzate la polpa con del succo di limone man mano che la togliete.

Scolate la polpa di granchio, eliminando eventuali parti di cartilagine rimaste. A parte fate cuocere per 10 minuti un pugno di riso e fatelo raffreddare. Mescolate il riso e la polpa di granchio aggiungendo anche la maionese, il ketchup e il cognac.

Incorporate delicatamente i dadini di avocado al composto di riso e granchio, avendo cura di non schiacciare i vari ingredienti. Farcite i cestini di avocado e servite freddo.

Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: lO minuti

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


13-03-2013
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti