Il gomasio, un’alternativa al sale

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle 1 voti, media: 4,00 su 5
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    potete prepararne quanto ne volete
gomasio

Se state cercando un condimento naturale per sostituire il sale lo avete trovato e parliamo del gomasio che è senza dubbio una delle più interessanti alternative all’uso del sale, sicuramente la più gradita al nostro palato.

Gomasio al posto del sale. Se state cercando un condimento naturale per sostituire il sale lo avete trovato e parliamo del gomasio che è senza dubbio una delle più interessanti alternative all’uso del sale, sicuramente la più gradita al nostro palato.

Il sale è presente in dosi eccessive in qualsiasi cibo confezionato, negli insaccati, e nei prodotti di gastronomia; non bastasse questo in cucina spesso se ne fa un uso sconsiderato.

Per chi soffre di pressione alta come mio marito, è importante stare attenti a cosa mangiare, evitando un’eccessiva quantità di sale come condimento dei piatti e questa la trova una valida alternativa. Ma vi starete chiedendo cos’è e allora ve lo spiego………

Il Gomasio, (semi di sesamo e sale) è un prodotto utilizzato nella cucina asiatica e composto da sale marino e semi di sesamo tostati e tritati, a volte arricchito con alghe.

Il gomasio, un’alternativa al sale

Nella cucina orientale il gomasio viene utilizzato come condimento per insalate o salse; a causa dell’elevato contenuto di sesamo, il gomasio è abbastanza calorico. Per chi segue una dieta ad alta percentuale di sostanze acide, come i prodotti animali o i cereali raffinati, l’aggiunta di un po’ di gomasio sulle pietanze può renderle più basiche, e ristabilire l’equilibrio tra ioni positivi e negativi dell’organismo.

  • Il gomasio dà un buon apporto di proteine.
  • E’ facile da digerire.
  • Aiuta ad avere un buona circolazione.
  • Si tratta di un condimento rimineralizzante
  • Aiuto movimenti intestinali regolari

È il condimento che meglio si sposa con i cereali. Infatti il suo sapore delizioso esalta la naturale dolcezza dei cereali, dandogli un gusto più intenso e particolare del semplice sale.

Però il gomasio non dovrebbe essere usato solo per il suo sapore, ma anche per le sue ottime proprietà sul corpo. Innanzitutto ha una funzione alcalinizzante sul sangue ed è un potente disintossicante.Inoltre è ricco di calcio e ferro e aiuta la memoria.

Tra le altre virtù curative del gomasio ricordiamo che rafforza la digestione e l’assorbimento intestinale e ha un potente effetto anti nausea. Allevia gli stati di fatica generale e dolori come mal di testa e mal di denti.

E’ perfetto per condire le insalate, la carne e il pesce, per insaporire minestre, vellutate, legumi e zuppe ai cereali ed è la soluzione ideale per dare quel tocco in più alle gallette come rompi fame.

E’ preferibile aggiungerlo agli alimenti a crudo per beneficiare delle sue importanti qualità nutrizionali.

Si trova oramai in molti negozi ma non c’è nulla di meglio che farsi il gomasio in casa: è davvero facile e non richiede perizia alcuna ai fornelli. Per prepararsi questo condimento  c’è bisogno solamente di un piccolo mortaio, sale e semi di sesamo da tostare in padella, a fuoco lento. È preferibile usare il sale marino integrale perché rispetto a quella comune non è raffinato e conserva molti minerali utili per il nostro organismo come iodio, fluoro, rame, zinco e magnesio.

Per chi ha problemi di intolleranza al nichel si raccomanda l’uso molto moderato e su consiglio del nutrizionista

In questa foto vi mostro il “suribachi”

suribachi

Ingredienti per potete prepararne quanto ne volete

  • Semi di sesamo
  • Sale integrale fine (1 cucchiaino di sale ogni 18 di sesamo)

Procedimento

  1. Lavate i semi di sesamo e lasciateli asciugare. Quando sono bene asciutti fateli tostare in una padella larga a fuoco alto, fino a quando si sgretolano stringendoli tra il pollice e l'anulare, ci voglio circa 15 minuti. Mescolate spesso e fateli saltare nella padella facendo attenzione che non brucino.

  2. Verso la fine della cottura aggiungete il sale, mescolandolo bene al sesamo e proseguite la cottura.

    A fine cottura travasate il tutto nel mortaio e pestatelo per alcuni minuti.A questo punto il gomasio è pronto e può essere conservato al fresco in un barattolo di vetro per 8/10 giorni. Può essere conservato più a lungo, ma perde progressivamente il suo aroma: è meglio prepararlo all'occorrenza, la procedura poi è così semplice e veloce!

La ricetta tradizionale prevede di triturare i 2 ingredienti nel suribachi, un mortaio dall’interno rigato e ruvido,in alternativa è possibile usare un frullatore ma il risultato sarà molto diverso

Condividi!

5 commenti a “Il gomasio, un’alternativa al sale

  1. giovanna

    Ciao!!!!!!!! ieri sera per la prima volta ho assaggiato il tofu e la ricetta prevedeva il gomasio nome che non avevo mai sentito prima ed ecco che stamane nella posta trovo un post proprio a riguardo!!!!! Fantastico!!!! Grazie!!!!! e Buona Giornata!!!

  2. Sugel

    Ecco la ricetta, facilissima, per preparare in casa il Gomasio. Il gomasio, condimento di origine giapponese, è ormai popolarissimo anche in Europa. Ottenuto con semi di sesamo tostato e sale marino, è un ottimo condimento per riso o altri cereali cotti. Si può utilizzare al posto del sale anche per condire verdure cotte e crude. Oltre al gomasio classico c´è in commercio il gomasio alle alghe preparato con l´aggiunta di alghe marine Kombu.

  3. Roberta Tulliani

    È molto buono. Lo sto usando da poco e devo fare un pó l’abitudine a questo nuovo sapore. Non sapevo che avesse così tante proprietà. Soffro di ipertensione e spero mi aiuti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *