Confettura di uva una delizia semplice da preparare!

confettura di uva
Stampa

Confettura di uva una delizia semplice da preparare!. L’ uva è un frutto che ormai si trova in commercio tutto l’anno, ma è tra giu­gno e luglio che arrivano sulle nostre tavole i grappoli più ricchi di polifenoli, sostanze antiossidanti preziose per prevenire le rughe e per preparare la pelle all’esposizione ai raggi solari.

È dunque nel primo mese estivo che è consigliabile iniziare una cura antiage a base di uva: è un metodo depurativo già noto nelle an­tiche tradizioni mediche col nome di “ampelo­terapia”  (dal greco ampelos = vite), e consiste nel consumare solo uva per almeno 2 giorni. Con quali benefici? Si ottiene un drenaggio profondo dei tessuti e si accelera lo smalti­mento delle tossine metaboliche, che costitui­scono l’anticamera dell’invecchiamento.

Confettura di uva a colazione

L’uva è infatti un frutto disintossicante ma an­che energetico: contiene zuccheri e acqua (ben 1’82%), ed è importantissima per stimola­re il ricambio cellulare grazie al suo apporto di vitamine A, BI, B2, Pp, BS, B6, C.

E non è tutto: l’uva (in particolare quella rossa) è una straor­dinaria fonte di resveratrolo, una molecola antiossidante che fluidifica il sangue, migliora la circolazione centrale e periferica e ha pro­prietà antiossidanti e antinfiammatorie, oltre a stimolare il rinnovamento dei tessuti.

confettura di uva

Vari studi in vitro hanno infatti dimostrato la capacità del resveratrolo di stimolare la crescita e la proli­ferazione cellulare, la riparazione del Dna e la produzione di collagene, ritardando così la comparsa delle rughe.

Io ho usato l’uva nera che mi abbondava nel mio piccolo frutteto, ma va benissimo anche l’uva bianca!

Le proprietà dello zucchero di canna

Questa confettura di uva è una straordinaria opportunità per soffermarci sulle proprietà dello zucchero di canna e sui motivi per cui è meglio di quello bianco. La prima cosa a dire al proposito è che l’apporto calorico è minore. In secondo luogo bisogna ricordare la maggiore quantità di nutrienti, dovuta all’assenza del processo di raffinazione alla base.

Come utilizzare la confettura?

Qual è la soluzione ideale per utilizzare la confettura di uva Di idee ce ne sono tantissime! Si tratta di una delizia adatta a tantissime situazioni! Cosa ne dite di una bella crostata? Davvero da leccarsi i baffi. Ovviamente ci sono tutte le possibilità di prepararla per gli intolleranti al lattosio e i celiaci.

Si può ovviamente optare anche per alternative molto semplice, come la confettura spalmata su una bella fetta biscottata integrale. Cosa ne pensate? Non è un ottimo modo per iniziare la giornata? Per saperlo non vi resta che preparare la confettura!

Ingredienti per 4/6 barattoli

  • 1 kg di uva,
  • 2 mele,
  • 350 gr di zucchero,
  • 1/2 limone

Preparazione

Sterillizzate barattoli e tappi. Lavare gli acini d’uva, tagliarli in due e privarli dei semi. Mondate le mele e riducete a cubetti. Versate in una pentola l’uva, le mele e il succo di 1/2 limone. Fate cuocere per circa 30/40 minuti.

Passate tutta la polpa utilizzando il passaverdureì, rimettete nella pentola e aggiungete lo zucchero. Ricominciate la cottura e proseguite per un’altra mezz’ora circa.

Per verificare che la marmellata sia pronta, fate la prova del piattino, ossia versate un cucchiaino di marmellata su un piatto piano e inclinatelo, se la marmellata scivola molto lentamente, allora è pronta.

Invasate ancora calda chiudete ermeticamente e lasciate raffreddare i barattoli capovolti a testa in giu

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

1 commento su “Confettura di uva una delizia semplice da preparare!

  • Ven 14 Set 2012 | Brittany H Martin ha detto:

    It took me time to learn all the comments, but I honestly loved the blog. It proved to be very advantageous to me and I’m positive to all of the followers here!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti