bg header

Confettura di uva una delizia semplice da preparare!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

confettura di uva

Confettura di uva una delizia semplice da preparare ! L’ uva è un frutto che ormai si trova in commercio tutto l’anno, ma è tra giugno e luglio che arrivano sulle nostre tavole i grappoli più ricchi di polifenoli, sostanze antiossidanti preziose per prevenire le rughe e per preparare la pelle all’esposizione ai raggi solari.

È dunque nel primo mese estivo che è consigliabile iniziare una cura antiage a base di uva: è un metodo depurativo già noto nelle antiche tradizioni mediche col nome di “ampeloterapia” (dal greco ampelos = vite), e consiste nel consumare solo uva per almeno 2 giorni. Con quali benefici? Si ottiene un drenaggio profondo dei tessuti e si accelera lo smaltimento delle tossine metaboliche, che costituiscono l’anticamera dell’invecchiamento.

Confettura di uva a colazione

L’uva è infatti un frutto disintossicante ma anche energetico: contiene zuccheri e acqua (ben 1’82%), ed è importantissima per stimolare il ricambio cellulare grazie al suo apporto di vitamina A, BI, B2, Pp, BS, B6, C.

E non è tutto: l’uva (in particolare quella rossa) è una straordinaria fonte di resveratrolo, una molecola antiossidante che fluidifica il sangue, migliora la circolazione centrale e periferica e ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, oltre a stimolare il rinnovamento dei tessuti.

confettura di uva

Vari studi in vitro hanno infatti dimostrato la capacità del resveratrolo di stimolare la crescita e la proliferazione cellulare, la riparazione del Dna e la produzione di collagene, ritardando così la comparsa delle rughe. Io ho usato l’uva nera che mi abbondava nel mio piccolo frutteto, ma va benissimo anche l’uva bianca!

L’uva merita due parole!

L’uva non ha certo bisogno di presentazioni, dal momento che è uno dei frutti più importanti della storia, che ha segnato e segna tuttora intere culture culinarie, gastronomiche e non. Ad ogni modo, dal punto di vista botanico, l’uva è frutto della Vitis vinifera, pianta tendenzialmente rampicante che può crescere un po’ in tutti i climi, purché temperati e meglio ancora se mediterranei

Il frutto viene utilizzato soprattutto per la produzione di vino, ma può essere definito anche da “tavola”. Inoltre può essere impiegato per preparare numerose ricette, come vedremo in seguito. Sull’uva si conosce ancora molto poco, per esempio non si ha l’oggettiva consapevolezza di quanto faccia bene alla salute. L’uva contiene, infatti, molte vitamine del gruppo B, la vitamina A e C, e molti sali minerali come il calcio, il ferro, il magnesio, il fosforo e il potassio. L’uva è soprattutto ricca di antiossidanti, su tutti spicca il resveratolo, un fenolo non flavonoide che, tra le altre cose, esercita anche una funzione antinfiammatoria.

Le varietà di uva sono davvero numerose, se ne contano centinaia e centinaia, buona parte di queste vengono utilizzate per la produzione di vini (la cui identità dipende proprio dalla varietà dell’uva impiegata). Qui sarebbe eccessivo elencarle tutte, dunque descriveremo solo le principali categorie.

  • Bianca. Il sapore è leggermente acidulo e il colore tendente al verde chiaro.
  • Rossa. Il sapore è più corposo ma nettamente più dolce. Il colore tende al violaceo ed ha una tonalità cromatica data dalla presenza abbondante di antocianine, dei potenti antiossidanti.
  • Rosata. Il gusto è spiccatamente acidulo con note dolciastre. Il colo

Ricordo che l’uva ha un’alto contenuto di nichel per cui le persone intolleranti la mangino con cautela e a rotazione

Le proprietà dello zucchero di canna

Questa confettura di uva è una straordinaria opportunità per soffermarci sulle proprietà dello zucchero di canna e sui motivi per cui è meglio di quello bianco. La prima cosa a dire al proposito è che l’apporto calorico è minore. In secondo luogo bisogna ricordare la maggiore quantità di nutrienti, dovuta all’assenza del processo di raffinazione alla base.

Qual è la soluzione ideale per utilizzare la confettura? Di idee ce ne sono tantissime! Si tratta di una delizia adatta a tantissime situazioni! Cosa ne dite di una bella crostata? Davvero da leccarsi i baffi. Ovviamente ci sono tutte le possibilità di prepararla per gli intolleranti al lattosio, i celiaci e ivegetariani.

Si può ovviamente optare anche per alternative molto semplice, come la confettura spalmata su una bella fetta biscottata a colazione o a merenda.

La colazione, qualunque essa sia, deve essere completa e nutriente. D’altronde, stiamo parlando del primo pasto della giornata e del momento che rompe il lungo digiuno notturno. La verità è che possibile affidarsi a differenti tipi di colazione, senza per questo rinunciare a nutrirsi bene, con gusto e in modo sano.

Anche perché madre natura brilla per una certa varietà, e sono tanti gli alimenti a disposizione di chi vuole consumare una colazione degna di questo nome. E’ su questi presupposti che oggi vi propongo una lista di alimenti utili per una colazione buona e nutriente. Potete decidere voi stessi cosa mangiare e cosa no, purché sia un menù abbastanza equilibrato.

Cosa ne pensate? Non è un ottimo modo per iniziare la giornata? Per saperlo non vi resta che preparare la confettura! Non si dice marmellata di uva ma confettura di uva! Le marmellate sono preparate con gli agrumi.

Ingredienti per 4/6 barattoli

  • 1 kg di uva,
  • 2 mele,
  • 350 gr di zucchero,
  • 1 limone

Preparazione

Sterilizzate con cura i vasetti di vetro e i tappi. Lavate gli acini d’uva, tagliate in due e private dei semi. Mondate le mele e riducete a cubetti. Versare in una pentola l’uva, le mele e il succo di limone. Fate cuocere per circa 30/40 minuti.

Passate tutta la polpa utilizzando il passaverdure, rimettete nella pentola e aggiungete lo zucchero. Ricominciate la cottura e proseguite per un’altra mezz’ora circa.

Per verificare che la marmellata sia pronta, fate la prova del piattino, ossia versate un cucchiaino di marmellata su un piatto piano e inclinatelo, se la marmellata scivola molto lentamente, allora è pronta.

Invasate ancora calda chiudete ermeticamente e lasciate raffreddare i barattoli di vetro capovolti a testa in giu in modo che si crea il sottovuoto. Una volta freddi etichettate e conservate in dispensa al riparo da fonti di calore e al buio. Si conserva per circa 4 mesi e una volta aperto tenete in frigorifero e consumate in pochi giorni.

4.1/5 (11 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

1 commento su “Confettura di uva una delizia semplice da preparare!

  • Ven 14 Set 2012 | Brittany H Martin ha detto:

    It took me time to learn all the comments, but I honestly loved the blog. It proved to be very advantageous to me and I’m positive to all of the followers here!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fagiolini sott’olio

Fagiolini sott’olio, una conserva semplice ma molto utile

Come utilizzare i fagiolini sott'olio I fagiolini sott’olio sono ottimi consumati da soli, come snack salato e saporito sui generis. Sono perfetti anche accompagnati con un po’ di pane, tuttavia...

Mostarda di clementine

Mostarda di clementine, una conserva dolce e aromatica

I tanti usi della mostarda di clementine La mostarda di clementine è una mostarda fatta in casa a base di frutta, che vanta numerosi usi in cucina. Può essere consumata come spuntino, soprattutto...

Azzeruole sotto spirito

Azzeruole sotto spirito, una conserva diversa dal solito

Quale zucchero utilizzare per le azzeruole sotto spirito? Lo zucchero è un ingrediente importante per le azzeruole sotto spirito, infatti contribuisce a rendere più dolce il frutto, quindi impatta...

logo_print