Merluzzo con uva e pomodorini, un secondo aromatico

Merluzzo con uva e pomodorini
Commenti: 0 - Stampa

I sapori del Mediterraneo in un piatto

I filetti di merluzzo con uva e pomodorini sono un secondo ai profumi del mare ispirato dagli ingredienti tipici del bacino del Mediterraneo. Cosa c’è, infatti, di più tipico di una vigna vicino al mare o dei pomodorini che crescono sotto al sole, per rappresentare la nostra bella Italia? La praticità di questo piatto assume così contorni quasi poetici, non trovate? Eppure la semplicità è una delle caratteristiche essenziali di questo merluzzo che può essere preparato facilmente, senza insidie tecniche e con ingredienti facilmente reperibili.

Se lo preferite o se magari vivete in una zona in cui non sia facile reperire del pesce fresco, il merluzzo è una scelta vincente perché anche surgelato non perde le sue caratteristiche. I filetti di merluzzo surgelati, molto più agevoli da reperire e da conservare, sono comunque sodi, compatti e saporiti. Un bel vantaggio per avere sempre delle alternative nel freezer, pronte per essere cotte, condite e servite. 

Uva e pomodorini gialli per insaporire

Lasciatevi conquistare dai filetti di merluzzo con uva e pomodorini a pranzo, a cena o per qualsiasi occasione, persino per le festività! Il filetto di merluzzo ha un sapore delicato che si lascia valorizzare dai condimenti con cui è accompagnato. Dolcezza e lieve acidità dell’ uva e dei pomodorini gialli vengono assorbiti dal pesce che risulta così piacevolmente aromatizzato, ma non stravolto. Alla base della riuscita di questo piatto ci sono alcuni accorgimenti semplici ma efficaci.

Merluzzo con uva e pomodorini

Intanto, infarinando il filetto ci assicuriamo che tutti i succhi rimangano all’interno così da conservare una polpa idratata e saporita. Un trucco, quello della farina per panare, che possiamo applicare a tantissimi di tipi di pesce e carne e che non dovremmo dimenticare mai (pur scegliendo farine consentite così da non incorrere in problemi con intolleranze e celiachia).

Al tempo stesso il succo di limone, il pepe e la maggiorana profumano e penetrano il pesce, insaporendolo dall’interno e valorizzandone le caratteristiche, senza rischiare un’eccessiva delicatezza di sapore che a volte può non catturare l’attenzione. Il risultato è una squisitezza da provare assolutamente e da inserire tra le nostre ricette abituali.

Tutto il nutrimento del pesce in poche calorie

I filetti di merluzzo con uva e pomodorini sono compatibili con le diete ipocaloriche, senza glutine e senza lattosio. Il merluzzo è un pesce povero di grassi ma ricco di proteine, vitamine e sali minerali. In particolar modo il consumo di pesce ci garantisce Omega3 che sono indispensabili per salute della nostra mente e la stimolazione di memoria ed attività cognitive. Non c’è un’età in cui gli Omega3 non siano utili ma sicuramente, con l’avanzare degli anni, è consigliabile incrementare l’assunzione di queste sostanze.

Un sufficiente apporto di sostanze nutritive utili al cervello ed antiossidanti è una componente essenziale per un’alimentazione sana, una routine che ci conviene acquisire fin da giovani e da considerare assolutamente normale e necessaria. Tanto più che piatti buoni come questi filetti di merluzzo, per altro economici da preparare, possono davvero essere un piacere e non solo un “dovere” per stare bene.

Il sapore delicato di questi filetti li rende gradevoli persino a chi solitamente non ama il pesce, come per esempio i bambini, che tanto ci fanno penare per mangiare pesce o verdure! Ma possiamo dire per esperienza che questi filetti sono apprezzati anche da chiunque non ami particolarmente le pietanze di mare, ma che comunque può trarne giovamento nutrizionale dal loro consumo.

Ed ecco la ricetta dei filetti di merluzzo con uva e pomodorini:

Ingredienti per 4 persone:

  • 650 gr. di filetti di merluzzo puliti e pronti per la cottura
  • 15 chicchi d’uva rossa
  • 10 pomodorini gialli
  • 1 rametto di maggiorana
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • 3 cucchiai di farina di riso
  • q. b. di sale e qualche bacca di pepe rosa

Preparazione:

Passiamo dunque alla preparazione di questi filetti di merluzzo con uva e pomodorini. Come prima cosa, scaldate una padella antiaderente con dell’olio e mettete ad appassire i pomodorini lavati e tagliati a cubetti. Lavate i chicchi d’uva accuratamente fino a rimuovere ogni traccia di sporco e tagliateli a spicchietti piccoli, rimuovendo eventuali semini. Aggiungete anche l’uva in cottura e, dopo essersi cotta assieme ai pomodorini, mettete tutto da parte.

Non lavate la pentola perchè lo stesso fondo di cottura dovrete usarlo per cuocere il merluzzo. Passate i filetti di merluzzo nella farina, assicurandovi una copertura omogenea da entrambi i lati ed aggiungete un pizzico di sale per insaporire. Rosolate in padella il merluzzo per qualche minuto da entrambi i lati fino ad ottenere una lieve doratura. Dividete il merluzzo, una volta cotto, in 4 piatti per porzionarlo equamente. Condite i filetti con il succo di limone, avendo l’accortezza di evitare semi e polpa.

Adagiate su ogni filetto un po’ di pomodorini ed uva, precedentemente preparati. Profumate con la maggiorana spezzettata direttamente dal rametto e servite i filetti di merluzzo finché sono ancora caldi. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti