Pojarski di carne, tipico piatto russo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    40 Minuti
pojarski

Un tipico piatto russo

Nella cucina russa, il nome indica delle polpette, di dimensioni piuttosto notevoli (ne basta una per commensale) preparate con carne cruda, o polpa di pesce, e cotte di solito al burro. Il nome verrebbe da un cuoco dello zar, portato a corte dai Romanov, ma di cui non si hanno molte notizie.

Le regole di preparazione e di cottura sono quelle comuni alle polpette: si possono preparare In anticipo e cuocere qualche tempo prima di servirle, o anche riscaldarle. Nel linguaggio di cucina, queste preparazioni, benché di polpa tritata, si chiamano «cotolette».

 

 

Ingredienti per 4 persone

  • 450 gr polpa di vitello
  • 120 gr burro chiarificato ammorbidito a temperatura ambiente
  • 65 gr mollica di pane senza glutine ammorbidita in poco latte vegetale
  • 6 cucchiai pane grattugiato senza glutine
  • 2 tuorli uovo
  • 2 cucchiai farina di riso
  • un pizzico paprika
  • q.b. sale

Procedimento

  1. Private la carne della pelle e dei nervetti; tagliatela a pezzi e passatela nel tritacarne, raccogliendola in una terrina. Aggiungete sessanta grammi di burro a pezzetti e la mollica di pane ben strizzata, due tuorli d'uovo, un pizzico di sale e di paprika.

    Impastate il tutto accuratamente con una spatola di legno, in modo da ottenere un composto omogeneo.

    Dividete l'impasto in otto parti uguali, formate con le mani infarinate delle polpette rotonde e un po' schiacciate e passatele nel pane grattugiato.
  2. Fate spumeggiare in una padella sessanta grammi di burro e friggetevi le polpette. che dovranno essere ben dorate da entrambi i Iati. Servite le ben calde.

    E preferibile usare la noce di vitello perché è più morbida, ma in luogo del vitello potrete anche utilizzare tacchino, maiale o agnello. Per friggere, va bene anche la margarina. Potrete servire le polpettine con spicchi di limone, una salsa di rafano e cetrioli sott'aceto.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *