Pasta reale, il piatto dei ricordi che mi preparava la nonna

Tempo di preparazione:
pasta reale MarcoMayer

Oggi vi presento il brodo con la pasta reale

Questo piatto mi ricorda tanto quando ero piccola e ammalata, e la nonna mi preparava il brodo con la pasta reale. Erano delle palline gialle che mi piacevano moltissimo. La pasta reale si usa in molte cucine regionali, al posto della tradizionale pastina, da usare quindi nel brodo di carne o vegetale. Per tutti questi motivi, oggi ho deciso di condividere con voi questa ricetta piena di gusto, proprietà e ricordi.

Quando l’avrete preparata, non dimenticatevi di farmi sapere che ne pensate! Di solito piace a tutti, sia agli adulti che ai bambini e i benefici che ci regala non li possiamo di certo sottovalutare!

Tutto quello che dovreste sapere sul brodo

La qualità del brodo è determinante per questa ricetta. Infatti, è opportuno considerare che il brodo di carne è più saporito se preparato con un assortimento di carni diverse: bovina, di pollo e magari di coniglio, senza dimenticare le verdure (carota, cipolla e sedano) e le erbe aromatiche. Prima di utilizzare il brodo, è anche necessario sgrassarlo e schiumarlo.

Per la preparazione della pasta reale, potrà esservi utile ricordare che il brodo di verdura ammette un più vasto assortimento nella combinazione dei suoi ingredienti, ma consiglio di evitare sapori dominanti come il cavolfiore: sarà più appetibile  il gusto delle patate, carote, cipolle, sedano, porri ecc… In ogni caso non salate il brodo: la sapidità si aggiusta a fine cottura

pasta realeMarcoMayer

A parte questo, dovreste considerare che un brodo di carne è molto più proteico, molto energizzante e comunque ricco di vitamine. Tuttavia, quello di verdure è più leggero, si digerisce molto più facilmente e ci consente di avvalerci di un apporto vitaminico e di minerali decisamente superiore. Pertanto, la scelta è vostra… Quale preferite?

Con la pasta reale… secondo la nonna guarivo da tutto!!

Ed è così. Non a caso, il brodo è uno degli alimenti che da sempre si presenta come un valido rimedio contro l’influenza. In particolare, aiuta a liberare le vie respiratorie e il suo potere aumenta in base agli alimenti che utilizziamo per la sua preparazione. Ottimo sotto ogni punto di vista, a scopo terapeutico è sempre un valido alleato.

Inoltre, bisogna considerare che, soprattutto quando abbiamo la febbre, un alimento caldo come la pasta reale con il brodo può coccolarci e contribuire al rilassamento dei muscoli, facendoci stare decisamente meglio! Ad ogni modo, non è detto che dobbiamo portarla in tavola solo in caso di malanni… sarebbe un vero e proprio spreco!!

Ed ecco quindi la ricetta della pasta reale in brodo:

Ingredienti per 4 persone (circa 40 pezzi piccoli di pasta reale)

  • 150 gr di acqua
  • 80 gr. di burro chiarificato
  • 10 gr. di zucchero
  • 120 gr. di farina 00
  • 3 uova
  • 1 lt e mezzo di brodo
  • 40 gr. di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
  • un pizzico di sale

Preparazione:

In un pentolino di medie dimensioni mettete l’acqua, salatela e quindi aggiungetevi il burro tagliato a pezzi piccoli.

Intanto in una terrina setacciate la farina e tenetela da parte.

Accendete il fuoco sotto il pentolino e portate il contenuto a bollore, facendo attenzione a che il burro sia già sciolto prima che bolla l’acqua.

Quando bollirà aggiungete tutta la farina e mescolate energicamente in modo da creare un impasto sodo, omogeneo e privo di grumi.

Quando l’impasto inizierà a staccarsi dai bordi del pentolino rimuovetelo dalla fiamma e versate l’impasto nella planetaria.

Fate girare (Utilizzando il gancio a foglia) in modo da farlo raffreddare, quindi aggiungetevi le uova e continuate la lavorazione fino a che l’impasto non risulterà morbido

Aiutandovi con una sac-a-poche distribuite il composto su una teglia precedentemente imburrata formando delle piccole palline ben distanziate fra loro

Cuocete quindi in forno statico per circa dieci minuti a 220° C (Aprendo il forno dopo circa 7 minuti in modo da far uscire l’umidità).

Sfornateli e mentre si raffredderanno mettete il brodo sul fuoco e quando bollirà aggiungetevi le palline appena preparate, fate cuocere per un paio di minuti e quindi impiattate e servite ancora caldo con una spolverata di parmigiano reggiano

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *