Il piatto goloso: minestra di pane con polvere di cipolla

Minestra di pane con polvere di cipolla
Commenti: 0 - Stampa

La minestra di pane con polvere di cipolla, come è facile intuire, è destinato a primeggiare sulle tavole di noi tutti in particolare nel periodo invernale. A dispetto di quello che potrebbe apparire, ossia un piatto povero, misero, questa minestra è un vero e proprio concentrato di salute e benessere, oltre a celare un gusto inimmaginabile. Provare per credere.

Eletta a ingrediente dalla “imperativa” presenza nelle cucine delle nostre nonne, la cipolla è in grado, come null’altro al mondo, di rendere ogni piatto unico e speciale, con il suo aroma pungente e vivace, sempre gradito. Unica pecca, il suo odore, che rende le conversazioni un po’ meno piacevoli … problema questo facilmente superabile grazie all’uso della sua versione, appunto, in polvere.

Minestra di pane con polvere di cipolla: valorizziamo la cipolla

Simbolo della fatica dell’uomo e dei sacrifici dallo stesso compiuti per assicurarne la sua presenza a tavola ogni giorno, il pane viene, troppo spesso, trascurato come ingrediente per preparazioni varie. Lo si preferisce mangiare così, o magari in bruschette, o ridotto in panura, ma, in verità, esiste un altro modo eccellente di utilizzarlo.

Minestra di pane con polvere di cipolla: ecco il piatto che è possibile realizzare con il pane avanzato, anche duro. Oltre a valorizzare la fatica dell’uomo, questo piatto fa tesoro di tutti quegli straordinari valori nutrizionali tipici del pane che ne fanno una risorsa per noi tutti consumatori, a cominciare dal grande apporto di sali minerali e vitamine, specie del gruppo B.

MINESTRA DI PANE E POLVERE DI CIPOLLE

Al pane nessuno è disposto a rinunciare, di contro, il mercato oggi offre una varietà di pane davvero sconfinata, basti pensare a quante tipologie, per la relativa preparazione, ne vengono utilizzate: di farro, di riso, di quinoa, di miglio, ai 5 cereali … e chi più ne ha più ne metta.

Non si butta via niente con la minestra di pane con polvere di cipolla!

Gettare il pane? Peggio di un reato! Questo il giusto monito che ereditiamo da generazione in generazione. Il pane fa parte di quel gruppo di alimenti che sono alla base dell’alimentazione di tutte le civiltà, componente imprescindibile della piramide nutrizionale che disegna e definisce la nostra corretta alimentazione.

La minestra di pane con polvere di cipolla rappresenta un ottimo modo di beneficiare di tutti i vantaggi che la cipolla, con il suo consistente valore nutritivo dato dalla presenza di sali minerali e vitamine, è in grado di riservare al nostro organiamo. Di grande valore sono altresì i flavonoidi in essa contenuti, i quali favoriscono la diuresi. La cipolla, poi, possiede una forte azione antidiabetica che la rende alimento privilegiato dagli anziani di tutto il mondo.

Essendo la minestra di pane un piatto povero i contadini amavano mangiarla con i cipollotti freschi con il sale grosso.

Ingredienti per 4 persone

  • 10 foglie cavolo nero,
  • 4 patate grosse,
  • 3 carote,
  • 1 gambo sedano,
  • 2 cipolle rosse medie,
  • 1/2 kg fagioli cannellini,
  • 2 cucchiai concentrato pomodoro,
  • 1 fetta alta pancetta arrotolata,
  • 3 cucchiai polvere cipolla,
  • qualche fetta di pane consentito,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Ammollate per circa 6 ore i cannellini. Trascorso il tempo lessateli per circa due ore.

Lavate e preparate tutte le verdure tagliate : le patate a cubetti abbastanza grossi, le carote a rondelle piuttosto spesse, il cavolo a listarelle, il sedano a fettine e la cipolla a fette spesse.

In una pentola con il fondo spesso soffriggete le cipolle insieme alla pancetta affettata a dadini, aggiungete poi in ordine: le carote, il sedano, le patate e fate insaporire per alcuni minuti.

Aggiungete il concentrato di pomodoro sciolto in un bicchiere di acqua calda, il sale e coprite con abbondante acqua.

Aggiungete la metà dei fagioli frullati con il mixer, il pepe e fate bollire a fuoco basso con il coperchio. Dopo circa 40 minuti aggiungere anche la restante parte dei fagioli interi e continuare a cuocere per almeno un’altra ora.

Disporre il pane in una pirofila e coprire abbondantemente con la minestra di verdura e lasciate riposare per far sì che il pane si inzuppi bene.

In una padella aggiungete l’olio e la minestra di pane, fate andare a fuoco veloce avendo cura di girare sempre in modo da spezzettare il pane ed insaporire con l’olio.

Servire caldissima con un giro di olio, pepe nero macinato fresco e impreziosite con la polvere di cipolla.

Potete utilizzarla come minestra di verdura invernale senza il pane e va semplicemente insaporita con un filo di olio crudo e pepe. Oppure come minestra di pane e basta versarla sulle fette di pane e fatta riposare. Se vi piace l’idea come ribollita va saltata in padella e mangiata con la cipolla rossa e sale di accompagnamento

5/5 (487 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...

Lasagne vegetariane con pomodori

Lasagne vegetariane con pomodori, davvero squisite

Lasagne vegetariane con pomodori e bietoline, un ottimo piatto vegetariano Le lasagne vegetariane con pomodori e bietoline sono una gradevole alternativa alle classiche lasagne alla bolognese. E’...

Malfatti con broccoli e salsiccia

Malfatti con broccoli e salsiccia, un primo sostanzioso

Malfatti con broccoli e salsiccia, un piatto semplice I malfatti con broccoli e salsiccia sono un primo gustoso, che gioca la sua partita su una manciata di ingredienti. Anche per questo motivo può...

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-04-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti