Impasto per la focaccia classica: fatta con passione

impasto per focaccia
Stampa

Per una focaccia deliziosa… serve un ottimo impasto per focaccia!

Sapete preparare l’impasto per focaccia classica? Se non sapete come fare, è decisamente arrivato il momento di imparare! Credo che non ci sia niente di meglio di una deliziosa focaccia appena sfornata, in quanto è squisita e risolve parecchie situazioni. Infatti, la si può mangiare come spuntino, come antipasto e come pane durante un qualunque pasto.  Adatta ad un buffet o ad un picnic, ne possiamo preparare una buona anche nel forno di casa: basta avere tempo, voglia e imparare a preparare un buon impasto!

Scegliere gli ingredienti è importante: non tutte le farine sono uguali e non tutti i lieviti funzionano allo stesso modo. Una volta pronta, la focaccia può essere mangiata sia vuota che ripiena con salumi e formaggio e possiamo dare spazio alla nostra fantasia… Io l’adoro con il prosciutto crudo ad esempio!

Ecco una semplice ricetta

La pasta per le focacce si prepara in un modo molto simile alla pasta per le pizze. Come per queste ultime, si possono scegliere diversi modi con i quali favorire la lievitazione dell’impasto: attraverso l’uso della pasta madre, impiegando il lievito di birra fresco, facendo uso del lievito secco in granuli.

Vi presentiamo perciò solamente l’esempio di un procedimento nel quale usare il lievito di birra fresco, tanto per avere un’idea degli ingredienti e delle dosi da impiegare (che comunque potranno variare a seconda delle ricette).

Ad ogni modo, non dovrete preoccuparvi: non sarà difficile! In cucina, quando si scelgono alimenti di qualità e si lavora con pazienza, calma, passione, creatività e amore, tutto esce fuori (in questo caso dal forno!) al meglio. Perciò, che ne dite di preparare una bella focaccia?

Impasto per la focaccia classica: la merenda a portata di mano

Imparando a preparare questo impasto, potrete avere a portata di mano una pasta perfetta per portare in tavola una merenda genuina e sostanziosa. I bambini l’apprezzeranno molto e anche i grandi. Inoltre, bisogna dire che potrete anche conservare la pasta per qualche giorno in frigo e preparare più volte in una settimana una strepitosa sostituta del pane!

Insomma, preparare l’impasto per focaccia vuol dire essere sempre pronti per deliziare il palato con una preparazione molto nutriente… Quindi, diamoci da fare!

Ingredienti per 6 persone

  • 300 g di farina
  • 10-15 g di lievito di birra fresco
  • acqua tiepida q. b.
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • sale.

Preparazione

Per preparare un buon impasto per focaccia, stemperate anzitutto il lievito in un poco d’acqua tiepida, poi unitelo alla farina disposta a fontana su una spianatoia o su un tavolo adatto, assieme all’olio e al sale. Impastate aggiungendo altra acqua tiepida sino a ottenere una pasta morbida ed elastica (che ricordi la consistenza del lobo dell’orecchio) e lasciatelo poi lievitare raccolto a palla in un luogo caldo e al riparo da correnti d’aria per un paio d’ore, coperto da un canovaccio umido.

Quando avrà raddoppiato il suo volume, prendete 2/3 della pasta, lavoratela nuovamente, fatene una sfoglia aiutandovi con un matterello infarinato e con questa ricoprite una teglia bassa e leggermente unta o, direttamente, la placca del forno. Quindi, adagiatevi il ripieno prescelto e ricoprite con la restante pasta, tirata in sfoglia sottile. Bucate leggermente la superficie con una forchetta e ungete con poco olio. Unite, pizzicottando, le due sfoglie e infornate per circa mezzora in forno caldo, mantenendo una temperatura intorno ai 200°

Vi sono anche focacce che vengono preparate impastando aromi o altri ingredienti direttamente nella pasta, il che semplifica ulteriormente la lavorazione poiché non è necessario preparare le due sfoglie, ma ci si limita a trasferire l’impasto adeguatamente tirato in una teglia unta d’olio o sulla placca del forno, pronto per la cottura (o in attesa di un’ultima lievitazione prima di finire in forno). Ricordate: con un impasto per focaccia fatto come si deve, si possono portare in tavola tantissime delizie!

Focaccia con gorgonzola e radicchio

Ora invece prepariamo una focaccia delizione senza glutine!

Focaccia con gorgonzola e radicchio: un mix di gusto a dir poco incredibile

Siete amanti del gorgonzola? Bene, oggi ho qualcosa per voi: una ricetta senza glutine, pronta a soddisfare ampiamente il vostro palato! Ideale per i picnic, le feste, le cene in famiglia e per tantissime altre occasioni, la focaccia con gorgonzola e radicchio si rivela proprio un qualcosa di unico! Due ingredienti, due sapori a contrasto e un abbinamento perfetto: questa è una descrizione più che precisa e, sicuramente, chi ama questi ingredienti… non potrà fare a meno di essere d’accordo.

Forse, a primo impatto, penserete che questi due alimenti non sono adatti per stare insieme. Tuttavia, vi assicuro che, una volta che avrete assaggiato la focaccia con gorgonzola e radicchio, non avrete più dubbi. Vi servirà un po’ di tempo, un po’ di farina di riso integrale, altri semplici ingredienti e tanta voglia di mangiare qualcosa di buono e sfizioso! Ma prima devo dirvi alcune cose…

Parliamo del gorgonzola… Forse ci sono alcuni dettagli che non conoscete!

Si tratta un formaggio vaccino erborinato, a pasta semidura o molle, realizzato in particolare in Lombardia e in alcune aree del Piemonte. Vanta il marchio DOP, Denominazione d’Origine Protetta, e si presenta come un’eccellenza italiana che, fin dai primi anni del ‘900, ha conquistato il mondo, tantissime persone e tanti chef. Sembra che sia originario dell’omonima cittadina situata in provincia di Milano e che sia stato preparato per la prima volta nell’800. Qualunque sia la sua vera e antica storia… oggi lo assaporeremo con la focaccia con gorgonzola e radicchio.

Secondo i nutrizionisti, oltre al sapore, c’è ben altro da considerare! Questo formaggio è tra i più digeribili e si presenta come un’ottima fonte di vitamina A, B2, B6 e B12. Pertanto, il suo consumo è l’ideale, in particolare, per favorire il corretto funzionamento del sistema immunitario e del sistema nervoso. La nostra focaccia con gorgonzola e radicchio proporrà un valido apporto di fosforo e calcio, promuovendo la salute di ossa e denti, e migliorando le funzioni dei muscoli e delle membrane cellulari, nonché i processi che fanno parte del metabolismo energetico.

L’altro ingrediente della focaccia con gorgonzola e radicchio

Dopo il formaggio, passiamo all’ortaggio: il radicchio. Appartenente alla famiglia delle Composite e disponibile in diverse varietà, si tratta di un alimento ricco di antiossidanti, potassio, calcio, magnesio, zinco, fosforo, ferro, manganese, rame, vitamine del gruppo B, vitamina C, vitamina E e vitamina K. Essendo composto prevalentemente d’acqua, l’ortaggio principe della nostra focaccia con gorgonzola e radicchio è un ottimo depurativo, è ipocalorico e si rivela adatto per coloro che soffrono di problemi gastrointestinali.

Il suo contenuto di fibre aiuta il corpo a ottimizzare l’assorbimento di zuccheri e grassi, proponendosi così come un alimento idoneo per contrastare il diabete di tipo 2 e l’ipercolesterolemia, ma anche per prevenire vari disturbi cardiovascolari. Secondo le ricerche, con una giusta porzione di focaccia con gorgonzola e radicchio possiamo gioire di tutte queste proprietà e di molte altre… Perciò, che state aspettando? Andiamo a prepararla!

Ingredienti per 4 persone

  • 150 gr di farina di riso integrale
  • 75 gr di farina di tapioca
  • 60 gr di farina di ceci
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di lievito di birra secco
  • 300 ml di acqua filtrata
  • 1 cucchiaino di malto di riso
  • 1 cucchiaino di sale marino grosso
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 3 cucchiai di acqua filtrata

Per la farcia:

  • 300 gr di gorgonzola
  • 600 gr di Radicchio di Treviso
  • 50 gr di noci sgusciate
  • 2 scalogni
  • ½ bicchiere di vino bianco secco
  • sale q.b.

Preparazione

In una ciotola capiente, versate le farine e il lievito di birra secco, mescolatele e aggiungete l’olio di oliva. Poi mescolate di nuovo, in modo che si formino piccoli grumi.

D’un sol colpo versate l’acqua, il malto di riso e mescolate tutto con una forchetta, fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. L’impasto risulterà poco più denso di una pastella per le crepes.

Rivestite una teglia a bordi alti con carta da forno e ungetela con un cucchiaio di olio, distribuendolo uniformemente con le mani. Versate l’impasto e stendetelo con una spatola. Coprite con un canovaccio e lasciate lievitare in un luogo caldo e lontano da correnti per minimo 4-5 ore.

Pulite il radicchio e tagliatelo a striscioline nel senso della lunghezza. Sbucciate gli scalogni, tritateli finemente e rosolateli in un tegame con il burro.

Unite il radicchio e, dopo 2-3 minuti, il vino, lo zucchero e una presa di sale; coprite e lasciate stufare per 10 minuti.

Togliete il coperchio e cuocete ancora 5 minuti a fiamma vivace, mescolando in modo da far asciugare il fondo di cottura. Lasciate intiepidire.

Sistemate la pasta in una teglia foderata con la carta forno.

Distribuite sopra il radicchio, poi il gorgonzola e le noci a pezzetti e passate in forno caldo a 180° per 20 minuti.

Infornate in forno caldo per 10 minuti, quindi abbassate il forno a 200° per 10 minuti, poi abbassatelo a 180°C e proseguite la cottura per altri  10-12 minuti.

CONDIVIDI SU

Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


14-03-2011
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti