Focaccia alla barbabietola con spinaci e scamorza

Focaccia alla barbabietola con spinaci
Commenti: 0 - Stampa

L’unione vincente tra mix di farine e barbabietola in polvere.

Focaccia alla barbabietola con spinaci e scamorza. Come abbiamo sottolineato in un altro articolo parlando della barbabietola rossa, questo tubero straordinario può essere utilizzato come colorante naturale. Nel caso di questa nostra focaccia alla barbabietola con spinaci e scamorza, alla pratica e versatile polvere di barbabietola rossa essiccata abbiamo unito un mix magico. Stiamo parlando della farina mix pane e pizza La Veronese che unisce in sé le migliori farine senza glutine, dosate appositamente per preparare prodotti da forno.

La comodità di questo mix risiede proprio nel semplificare enormemente la nostra vita in cucina, consentendoci risultati ottimali con il minimo sforzo. Un mix di farine, infatti, garantisce un risultato equilibrato e di qualità, evitandoci il rischio di sbagliare dosi e compromettere il prodotto finale. Soprattutto la cucina per celiaci, richiede spesso complicati miscugli tra farine differenti, ognuna portatrice di caratteristiche indispensabili alla riuscita dell’impasto. Con il Bel Paese Mix, con l’acquisto e l’uso di un solo prodotto, riusciamo ad ottenere tutte le farine necessarie. Bella comodità, non trovate? Noi, noi vogliamo farne più a meno! 

Un “grazie” a La Veronese

Parlavamo poc’anzi del Bel Paese Mix che ci ha semplificato la vita in cucina, soprattutto per quel che riguarda pani e pizze. Ma non possiamo prescindere dal ricordare che si tratta di un prodotto La Veronese, azienda italianissima che ha fatto della qualità biologica la sua missione.

I prodotti di questa azienda sono senza glutine, senza lattosio ed a basso contenuto di grassi.
Usando queste farine, in sostanza, ci garantiamo un prodotto di qualità, pratico e buono per tutti, senza preoccupazioni. Non resta altro da fare che liberare la fantasia e cedere alla tentazione di tutte le possibili e golosissime ricette fattibili con la linea di farine di questo brand.

Una focaccia gourmet con spinaci e scamorza

La preparazione di questa focaccia alla barbabietola con spinaci e scamorza ci regala cene dal sapore intenso, tutto sommato semplici nella preparazione ma ricercate nel contenuto. L’abbinamento scamorza, spinaci ed impasto alla barbabietola, è davvero riuscito. Ad ogni morso, riusciamo a distinguere tutti gli ingredienti, in un assaggio che sembra abbracciarli tutti come se fossero destinati a stare assieme.

Questa focaccia deliziosa, davvero gourmet, può essere presa in considerazione anche per una schiscetta da lavoro o un pasto fuori porta. Si tratta di un prodotto che può essere leggero e nutriente al tempo stesso. Tenerla pronta in casa e poterla assaporare anche come spezza-appetito a metà pomeriggio, sarà un piacere davvero impagabile!

Ed ecco la ricetta della Focaccia alla barbabietola con spinaci e scamorza affumicata:

 Ingredienti (per 900 gr. circa di impasto):

Per la farcitura:

  • 200 gr. di spinaci
  • 100 gr. scamorza
  • 20 gr. di olio extra vergine d’oliva
  • 2 gr. di sale fino
  • 1 pizzico di pepe nero macinato

Preparazione:

 Pesate la dose indicata di farina mix ed unitela alla polvere di barbabietole in una terrina, oppure nella coppa di una planetaria. Mescolate il tutto e ricavate un foro al centro. Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida e versatelo poco per volta nel mix, continuando a lavorare. Unite poi il burro tartufato ed il sale, continuando ad impastare fino ad ottenere un composto liscio, omogeneo e compatto. Ricoprire due teglie (del diametro di 24 cm preferibilmente) con della carta da forno.

Dividete l’impasto nelle due teglie e lasciate riposare per 1 ora, bagnando leggermente la superficie con le mani. Dopo il tempo di riposo, prendete l’impasto, con le mani unte d’olio, e tiratelo con attenzione fino a ricoprire l’intera superficie della teglia. Fate attenzione a non strappare la pasta. A questo punto, lasciate lievitare l’impasto per 1 ora e 20 minuti.

Focaccia alla barbabietola

Create poi delle fossette, premendo con le dita e distribuite l’olio sulla superficie (magari spennellandolo per ottenere una maggiore omogeneità). Portate a temperatura il forno (preferibilmente termo refrattario) e cuocete la focaccia a 230° per circa 20 minuti.

Mentre la focaccia è in cottura dedicatevi alla farcitura. Lavate gli spinaci e strizzateli bene. Versate due cucchiai di olio extra vergine d’oliva in padella e scottate in essa gli spinaci, per circa 5 minuti. Unite poi sale e pepe, ed infine strizzate in uno scolapasta gli spinaci e lasciateli raffreddare per almeno 10 minuti.

Prendete una scamorza e riducetela a fettine. Quando la focaccia sarà cotta, lasciatela raffreddare, magari su una griglia rialzata; non appena si sarà freddata, tagliatela a metà ed appoggiate al suo interno la farcitura di spinaci e fettine di scamorza.

Appoggiate in chiusura l’altro lembo di focaccia e rimettete il tutto in forno a 200° per circa 5 minuti. Non appena la scamorza si sarà sciolta leggermente, la focaccia farcita sarà pronta per essere assaporata. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con La Veronese

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...

Quesadillas con pico de gallo

Quesadillas con pico de gallo, un delizioso street...

Quesadillas con pico de gallo, uno spuntino proteico e gustoso Le quesadillas con pico de gallo sono un tipo di tortilla che rispetta fedelmente la cultura gastronomica messicana, una cultura che...

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-06-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti