Tagliata con fonduta di taleggio e asparagi

Tagliata con fonduta di taleggio e asparagi

Oggi vi propongo la Tagliata con fonduta di taleggio e asparagi. Vogliamo entrare insieme in una macelleria e chie­dere al negoziante una rosa, una noce, un reale oppure un pesce? La no­stra richiesta non suscite­rà stupore: otterremo sen­za difficoltà una rosa senza spine, una noce senza gu­scio, un pesce senza squa­me e un reale… senza co­rona.

Questi termini rien­trano, infatti, nel vocabo­lario corrente dell’intendi­tore di carne, insieme a molti altri particolari che vi consentiranno di sce­gliere con competenza un « taglio» di carne e di destinarlo alla preparazio­ne più adatta. La scelta di un pezzo di carne non è così facile come può sembrare. Non per tutte almeno.

Gli asparagi sono ortaggi buoni sotto ogni punto di vista. Ricchi di acqua e capaci di offrire un piccolo apporto di fibre e proteine vegetali, regalano inoltre delle notevoli quantità di potassio, magnesio, fosforo, ferro, selenio, zinco, calcio, rame e manganese. Per quanto riguarda l’apporto vitaminico non sono da meno: presentano elevati livelli di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, C, E, K e J.

Gli asparagi (Asparagus officinalis) li conosciamo bene. Hanno un sapore unico e anche una forma inconfondibile. Appartengono alla famiglia delle Liliacee e sono noti per le loro notevoli proprietà benefiche e per il valore nutrizionale. Con le loro foglie aghiformi e l’aspetto sempre verde, sono molto diffusi nella parte centro-meridionale dell’Europa fin dai tempi antichi. Vengono coltivati, ma crescono anche spontanei… e quelli selvatici sono ancor più ricchi di nutrienti!

Esistono diverse varietà di asparagi e, oltre a quelli nel tradizionale colore verde, ci sono anche bianchi e viola, e vengono portati in tavola soprattutto in primavera. Ogni specie, con le sue differenze cromatiche, ha un sapore leggermente diverso, ma le proprietà nutrizionali non cambiano e, in ogni caso, sono a dir poco notevoli! Scopriamo insieme quali sono…

Per tutti questi motivi, garantiscono proprietà ed effetti benefici unici: si rivelano fantastici diuretici; aiutano a depurare l’organismo (favorendo l’eliminazione delle tossine accumulate) e a regolare la pressione (in particolare grazie al potassio), e si presentano come validi alleati della digestione. Il consumo di asparagi influisce positivamente sulle funzioni intestinali e sullo stato di salute della pelle, proponendo un buon supporto anche nella lotta contro i radicali liberi.

Il notevole contenuto di vitamine del gruppo B si rivela ottimale per tenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue e, per questo, molti esperti consigliano questi ortaggi ai diabetici e a tutti coloro che desiderano spendere una maggiore attenzione nei confronti della prevenzione del diabete. Gli asparagi presentano inoltre interessanti dosi di carotenoidi, ovvero i precursori della vitamina A, che regalano potenti effetti antiossidanti e protettivi all’epidermide e alle mucose, e stimolano le funzioni del fegato.

Tagliata con fonduta di taleggio e asparagi : un secondo gustoso

Certo, quelle pa­drone di casa che hanno al loro attivo numerosi anni di esperienza gastro­nomica, ormai non si tro­vano più in difficoltà da­vanti al banco del macel­laio, ma tutte quelle che hanno cominciato da poco o da pochissimo la loro « routine » di cuoca non hanno ancora la pratica necessaria per gli acqui­sti quotidiani, soprattutto in un campo così parti­colare e così vasto co­me quello delle carni.

Innanzi tutto trovandosi davanti alla grande varietà di pezzi di carne, esposti sul ban­co del macellaio, bisogna saperne distinguere la qua­lità che dipende da al­cuni elementi importantis­simi come: la razza del­l’animale e quindi la sua provenienza. Ad esempio, la nostra carne migliore viene dalla Toscana e dal Piemonte, poiché i pascoli di queste regioni sono particolarmente buoni e ricchi. Il sesso: la carne di manzo è più fine, come qualità, di quella di mucca (che si riconosce dal grasso gial­lastro invece che bianco) e di quella del toro. Quel­la di vitello è più delicata, anche se meno saporita.

tagliata con asparagi e fonduta di taleggio

L’età: la carne di manzo migliore proviene da ani­mali macellati tra i cinque e i sei anni; quella di vi­tello da esemplari uccisi tra i due e i sei mesi. Il periodo migliore è intorno ai tre mesi. L’età è parti­colarmente importante ai fini della qualità della car­ne: un manzo più vecchio è più coriaceo, un vitello macellato troppo giovane è ancora flaccido e gelati­noso e completamente pri­vo di grasso; macellato troppo vecchio perde il suo caratteristico colore rosato e la carne, ten­dente al grigiastro, diven­ta secca. Lo stato fisico dell’ animale al momento del­la macellazione: se è affa­ticato ad esempio dal trop­po lavoro (e questo vale per il manzo) o in stato di agitazione, la carne risulta dura.

L’alimentazione: dopo aver appeso i quarti di manzo e vitellone all’ in­gresso del suo negozio, il macellaio si accinge a dividerli nei vari tagli.

Scegli con cura la carne

Gli animali che sono stati nutriti con erba e hanno lavorato poco sono quelli che forniscono la carne più tenera. Oltre alla qualità, però, è importante rico­noscere anche il giusto punto di frollatura e i vari tagli. Il primo, in­fatti, è determinante per la tenerezza della carne, i secondi per la riuscita di una ricetta e soprattutto per il prezzo. La frollatura: ha lo scopo di rendere più tenera la carne degli animali, dopo la macella­zione. È un fatto provato che la carne di un animale appena ucciso è secca, qua­si coriacea, perché nelle sue fibre muscolari per­mane ancora un residuo di vitalità. Oltre a tutto è completamente priva di sa­pore. È quindi importante che vi accertiate che la carne abbia già subito il processo di mortificazione (termine tecnico con cui viene definita la frollatura) che va da otto a quindici giorni, oppure che prov­vediate a farla frollare in casa, se avete scoperto troppo tardi che si tratta di carne fresca.

A questo punto vi chiederete in qua­le modo potrete accorger­vene. È semplicissimo: la carne presenta un colore più vivo di quello abituale, determinato da una par­ziale sopravvivenza delle cellule alla morte dell’ani­male. All’opposto c’è la carne troppo frollata o addirittura guasta: si può riconoscere perché all’atto del taglio si copre di un velo untuoso e assume un colore quasi livido. È chia­ro che si tratta di un animale malato o di uno che ha lavorato troppo prima di essere macellato. Il taglio: come dicevamo prima, da questo dipende, oltre la buona riuscita di un piatto, anche il prezzo della carne che sarà mag­giore o inferiore, a seconda che sia di primo, secondo o terzo taglio.

Un piatto che ti farà ricredere sul fatto che per  mangiare una buona tagliata non è necessario andare al ristorante!

Ed ora la ricetta della Tagliata con fonduta di taleggio e asparagi.

Ingredienti per 4 persone

  • 600 gr. di filetto di manzo
  • 400 gr. di asparagi
  • 1 scalogno
  • q.b sale e pepe
  • 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva

per la fonduta:

  • 250 cl. di latte Accadi
  • 20   gr. di farina di riso
  • 15   gr. di burro
  • 140 gr. di taleggio cremoso

Preparazione

Pulite gli asparagi e sbianchiteli in acqua bollente salata per qualche minuto. Tagliateli a pezzettini e stufateli in un tegame basso con dell’ olio, lo scalogno tritato fine, sale e pepe. Qualche punta lasciatela da parte per l’impiattamento

Passate a preparare la fonduta versando il latte, la farina e il burro in un pentolino e fate bollire, mescolando continuamente per evitare la formazione di grumi.

Appena la fonduta diventa corposa, togliete dal fuoco, unire il taleggio tagliato a dadini e frullate il tutto. Coprite con un coperchio mentre preparate la carne.

Fate grigliare il filetto da ambo  i lati, salate e passatelo in forno per circa 10/15 minuti a 180 gradi e lasciate riposare per altri 10 minuti prima di tagliarlo a fettine

Passate all’impiattamento stendendo le fettine di filetto, mettete due cucchiaiate di asparagi e sopra versate la fonduta. Decorate con le punte tenute da parte e servite

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Salmone al pino mugo

Salmone al pino mugo, un secondo dal gusto...

Salmone al pino mugo, un secondo di pesce davvero particolare. Il salmone al pino mugo è un secondo di pesce dal sapore delicato e allo stesso tempo estremamente aromatico. Di base si tratta di un...

Pallotte cacio e ova

Pallotte cacio e ova, un piatto della cucina...

Pallotte cacio e ova, una pietanza rustica Le pallotte cacio e ova sono una specialità abruzzese della tradizione contadina. Sono realizzate con ingredienti semplici e reperibili, come vuole la...

Zucchine tonde ripiene con hummus

Zucchine tonde ripiene con hummus e quinoa, un...

Zucchine tonde ripiene con hummus e quinoa, un’idea davvero originale Le zucchine tonde ripiene con hummus e quinoa sono e una variante molto gustosa delle classiche zucchine ripiene. Le...

Coda di vitello con salvia e patate

Coda di vitello con salvia e patate, un...

Coda di vitello con salvia e patate, una peculiarità della cucina popolare La coda di vitello con salvia e patate è un particolare secondo piatto. In primo luogo perché è realizzata con la coda...

Bogia con pure di zucca e patate

Bogia con purè di zucca e patate, un...

Bogia con purè di zucca e patate, un piatto tradizionale Oggi vi presento una ricetta che mi sta particolarmente a cuore, una pietanza che richiama alla mente dei preziosi ricordi: la bogia con...

Scaloppine al vino bianco

Scaloppine al vino bianco e funghi, un classico...

Scaloppine al vino bianco e funghi, un’alternativa gustosa Le scaloppine al vino bianco e funghi sono un secondo piatto di carne leggermente diverse dalla ricetta classica, ma in grado comunque di...

15-09-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti