bg header
logo_print

Taccole con patate e acciughe, un contorno ricco

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Taccole con patate e acciughe
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (8 Recensioni)

Taccole con patate e acciughe, i profumi del Mediterraneo

Le taccole con patate e acciughe sono un piatto che sa di Mediterraneo. Un piatto semplice, colorato e corposo, che tecnicamente va ascritto ai contorni, ma che è così corposo da passare per secondo. Tra l’altro è anche facile da preparare. Basta lessare le patate e le taccole per poi unirle in un soffritto di aglio e acciughe. Il tutto viene poi condito con i capperi, la menta e, per chi lo gradisce, con il peperoncino. Le protagoniste di questa ricetta sono le taccole, un legume affine ai piselli in cui risulta commestibile anche il baccello. Per quanto concerne il gusto, le taccole assomigliano ai fagiolini e ai piattoni, dai quali però si differenziano per il sapore dolce e delicato, nonché per la forma più larga e corta.

Le taccole sono un toccasana per l’organismo in quanto ricche di vitamine e sali minerali. Contengono anche il betacarotene, una sostanza che aiuta il corpo ad assorbire la vitamina A (fondamentale per la vista) ed esercita una funzione antiossidante. Proprio per questo la vitamina A contribuisce a prevenire il cancro e rallenta l’invecchiamento.

Ricetta taccole con patate e acciughe

Preparazione taccole con patate e acciughe

Per preparare le taccole con patate e acciughe procedete in questo modo. Pelate le patate e fatele a tocchetti di 2 cm, poi bollitele in acqua poco salata per 12 minuti.

Infine scolate le patate e mettetele da parte. Ora lavate le taccole, tagliate le punte e il filo (se presente), poi lessatele nella stessa acqua delle patate per 6 minuti. Scolate le taccole e tagliatele in due o in tre parti.

Ricavate un trito molto fine dall’aglio e dalle acciughe, poi fate rosolare il tutto in una padella molto grande con dell’olio extravergine di oliva e poca acqua di cottura delle patate. Incorporate le taccole e le patate e lasciate andare per qualche minuto.

Condite con un po’ di capperi, menta fresca fatta a pezzettini e, se lo gradite, un po’ di peperoncino fresco. Servite e buon appetito.

Ingredienti taccole con patate e acciughe

  • 400 gr. taccole
  • 3 patate
  • 6 filetti acciughe sott’olio
  • 2 cucchiai capperi sotto sale
  • 1 spicchio di aglio
  • qualche fogliolina di menta
  • un pizzico di sale
  • 3 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • q. b. di peperoncino fresco (facoltativo).

La varietà giusta di patate per questo contorno

Anche le patate giocano un ruolo fondamentale in queste taccole con patate e acciughe. Forniscono corpo, texture, nutrienti e sapore. In particolare, vengono pelate, tagliate a tocchetti e lessate in parte in acqua leggermente salata. Dopodiché vanno aggiunte in padella con gli altri ingredienti. Verrebbe da chiedersi quale varietà di patate utilizzare, visto che in commercio ce ne sono tante.

Per questa ricetta vi consiglio di andare sul sicuro e scegliere quelle a pasta gialla. Le patate a pasta gialla vantano una consistenza molto soda, che rimane tale anche a seguito della bollitura e del passaggio in padella. Inoltre il loro sapore è intenso e resistono bene alla cottura, interagendo bene con gli altri ingredienti. Le patate, a dispetto di quanto suggerisce l’immaginario collettivo, non sono granché caloriche. Quelle a pasta gialla, per esempio, non vanno oltre le 80 kcal per 100 grammi. In compenso sono ricche di vitamine, sali minerali e contengono la giusta dose di amido.

Come usare i capperi nelle taccole con patate e acciughe?

I capperi intervengono in una fase avanzata di questa ricetta a base di taccole con patate e acciughe. Infatti non appena il contorno è pronto, va condito proprio con i capperi e con un po’ di menta fresca. Fate attenzione, però, a come li gestite. Di base i capperi vengono conservati sotto sale, quindi possono risultare troppo sapidi e persino dannosi. Il consiglio è di sciacquarli più volte sotto l’acqua corrente. Un altro accorgimento è di non aggiungere altro sale alla preparazione in quanto i capperi contengono comunque molto sodio.

Al di là di ciò, i capperi spiccano per le proprietà nutrizionali. Sono ricchi di vitamina C, una sostanza associata al rafforzamento del sistema immunitario, ma che aiuta anche ad assorbire il ferro. Quest’ultimo, poi, è fondamentale per l’ossigenazione del sangue, soprattutto in presenza di patologie simil-anemia. I capperi sono anche ricchi di potassio, una sostanza tuttofare che regolarizza la pressione del sangue.

Taccole con patate e acciughe

Il contributo dell’aglio nelle taccole con patate e acciughe

La ricetta delle taccole con patate e acciughe richiede l’uso dell’aglio. Molti potrebbero storcere il naso in virtù di alcuni pregiudizi, come quello secondo cui l’aglio sarebbe troppo pesante e comprometterebbe l’alito. In realtà, se si utilizza l’aglio in modo moderato e lo si cuoce (come in questo caso), questi inconvenienti vengono ridotti al minimo. Inoltre l’aglio, alito a parte, fa bene alla salute. Esercita in particolare un ottimo impatto sulla circolazione del sangue, prevenendo la sclerosi delle arterie e preservando l’elasticità dei vasi sanguigni.

L’aglio esercita anche una funzione lievemente antibiotica, dunque può essere utile in caso di infezioni batteriche. L’aglio contiene poi tutta una serie di vitamine e sali minerali, alcuni dei quali piuttosto rari, come lo zolfo. Lo zolfo riduce le infiammazioni e funge da antiossidante naturale. In occasione di questa ricetta l’aglio va soffritto, magari supportato da un po’ di acqua per evitare che si bruci.

Tutta la bontà delle acciughe

Nella ricetta delle taccole con patate troviamo anche le acciughe. La loro presenza è fondamentale per questo contorno a base di taccole, infatti aggiungono un bel tocco sapido e un sentore marino. Inoltre forniscono molte proteine, sicché la ricetta appare completa, pur conservando il carattere da “contorno”. Questo tipo di pesce si fa apprezzare anche per la presenza di grassi benefici per il cuore, come i celebri acidi grassi omega tre. Le acciughe, infine, aumentano un po’ l’apporto calorico, che è pari a 130 kcal per 100 grammi di prodotto fresco e a 210 kcal per il prodotto sott’olio.

Le acciughe si fanno apprezzare anche per l’apporto di vitamina D, che giova al sistema immunitario come poche altre sostanze. Infine contengono anche tanto fosforo, che incide sulle performance mentali, migliorando la memoria e la concentrazione. In occasione di questa ricetta le acciughe vanno poste sul soffritto di aglio, poco prima delle patate e delle taccole.

Ricette di taccole ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...

Carciofi alla giudia

Carciofi alla giudia, un piatto della tradizione romana

Origini e curiosità dei carciofi alla giudia I carciofi alla giudia sono uno dei piatti più famosi e prelibati della cucina romana. La loro origine risale al XVI secolo, quando la comunità...

Insalata di quinoa natalizia

Insalata di quinoa natalizia, un’idea esotica per il...

Melograno e quinoa, un abbinamento che non ti aspetti Lo avrete già capito, i protagonisti di questa ricetta sono il melograno e la quinoa. Due ingredienti che raramente si trovano insieme, eppure...