Insalata con taccole e patate, un contorno corposo

Insalata con taccole e patate
Stampa

Insalata con taccole e patate, una scelta oculata degli ingredienti

L’insalata con taccole e patate è un contorno molto semplice e gustoso. Propone sentori tipici dei contesti rustici, in grado di soddisfare al meglio i commensali con i sapori della terra. Infatti, i veri protagonisti della ricetta sono le patate e le taccole. Per quanto concerne le patate, consiglio di utilizzare quelle a pasta gialla, che vanno bollite, sbucciate e tagliate a tocchetti. Dunque è necessario una tipologia di patata che resista alla cottura e che mantenga una certa solidità. Per quanto concerne taccole, è probabile che alcuni di voi non le conoscano. Sono legumi che assomigliano per aspetto ai fagiolini, con cui condividono il colore e la forma, anche se le taccole sono più larghe. Per quanto riguarda il sapore, invece, la taccola assomiglia più ai piselli. Ad ogni modo, esattamente come i fagiolini, le taccole si consumano con tutto il baccello, ossia non vanno sgranate.

Il loro sapore è tenue e allo stesso tempo “rustico”, e si sposa alla perfezione con il gusto corposo delle patate bollite. Le taccole sono apprezzate anche per le loro proprietà nutrizionali. Essendo una specie vegetale sono ricche di fibre, dunque supportano i processi digestivi e contribuiscono a risolvere gli episodi più lievi di stipsi. Inoltre, le taccole sono ricche di vitamine e sali minerali. Il riferimento è alla presenza dell’immancabile potassio, ma anche a quella del ferro. Le taccole contengono anche discrete dosi vitamina C. La presenza degli antiossidanti è ben attestata, e ciò rende le taccole un alimento davvero salutare, infatti gli antiossidanti agiscono in funzione anticancro. L’apporto calorico, infine, è molto basso e si attesta sulle 40 kcal per 100 grammi.

La feta, un formaggio semplicemente delizioso

L’insalata con taccole e patate è un contorno non solo nutriente e salutare, ma anche piuttosto corposo dal punto di vista organolettico. Il merito di ciò va anche alla feta, il tradizionale formaggio greco in grado di arricchire molte preparazioni a base di verdure (come questa). Una delle applicazioni più famose e apprezzate della feta è l’inserimento all’interno di insalate previa “sbriciolatura”. La struttura della feta, infatti, si presta alla riduzione in briciole, che vanno ad arricchire numerose ricette, favorendo una certa amalgama.

Insalata con taccole e patate

La feta è uno dei formaggi col sapore più intenso in assoluto. Tecnicamente è un formaggio a consistenza semidura e friabile, frutto di una stagionatura medio-bassa. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, la feta contiene una discreta dose di proteine, ma allo stesso tempo anche di grassi, che rappresentano il 21% della sua struttura. Questo tipo di formaggio è ricco di sali minerali, in particolare di calcio. Da questo punto di vista, non  ha nulla da invidiare a formaggi ben più quotati come il parmigiano reggiano. La feta, essendo un formaggio un po’ stagionato, contiene il lattosio, per questo vi consiglio di acquistare la  feta delattosata. Essa è facilmente reperibile e, dal punto di vista organolettico, è indistinguibile dalla feta tradizionale.

Il delicato contributo della menta

Non esiste contorno senza spezie e aromi. Per l’insalata con taccole e patate ho optato per la menta, una pianta aromatica tra le più conosciute e apprezzate. In genere, viene utilizzata per produrre bevande o infusi, tuttavia in alcune ricette del Sud Italia, viene impiegata come spezia vera e propria. In occasione della ricetta dell’insalata con taccole e patate, la menta esercita un’azione aromatica, in grado di valorizzare alla perfezione gli altri ingredienti. Inoltre, dona al piatto una certa “freschezza”.

La menta si caratterizza anche per alcune proprietà nutrizionali notevoli. In primo luogo, contiene un’enorme concentrazione di fibre. Stesso discorso per le proteine, delle sostanze che in genere non ci si aspetta in un ingrediente di origine vegetale. Inoltre, la menta vanta proprietà analgesiche e antiemetiche, dunque è utile a contrastare il vomito.

Ecco la ricetta dell’insalata con taccole e patate:

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. di patate,
  • 350 gr. di taccole,
  • 2 cipollotti,
  • 200 gr. di feta consentita,
  • 2 rametti di menta fresca,
  • 1 cucchiaio di nigella,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dell’insalata con taccole e patate iniziate privando le taccole delle due estremità, poi sfilate il filo presente lungo il baccello. Cuocete velocemente le taccole in acqua salata, in modo che mantengano tutto il loro sapore. Poi fatele a tocchetti.

Sbucciate i cipollotti e fateli a fette. Lessate le patate in acqua un po’ salata, poi sbucciatele e tagliatele a pezzi. Intanto lavate la menta e asciugatela, poi scolate la feta e riducetela a pezzi. Ora prendete una ciotola e mettete all’interno le taccole, la nigella, le patate, i cipollotti e la feta. Concludete con un po’ di olio extravergine d’oliva, un pizzico di sale e mescolate il tutto con delicatezza. Guarnite con la menta e servite.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


30-04-2021
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti