bg header
logo_print

Pastinaca con filetti di aringa, un’insalata rinforzata

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pastinaca con filetti di aringa
Ricette per intolleranti, Ricette nordiche
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (11 Recensioni)

Pastinaca con filetti di aringa, un’insalata dal carattere nordico

La pastinaca con filetti di aringa è un’insalata sostanziosa, ricca di ingredienti, di colori e di sapori. Propone note corpose grazie alla pastinaca e sentori aciduli, garantiti dall’aceto e dalle mele. La sapidità e il gusto sono invece valorizzati dalle aringhe. Nonostante tutta questa varietà, la ricetta è molto semplice da realizzare. Basta semplicemente inserire in una ciotola tutti gli ingredienti, per lo più nella forma grattugiata, e condire per bene il tutto. La protagonista rimane però la pastinaca, un ortaggio molto consumato in passato e solo di recente tornato alla ribalta in un’ottica di recupero degli antichi sapori. Il sapore della pastinaca è particolare in quanto si pone a metà strada tra la patata, la rapa e la carota. Esprime un buon mix anche sul piano nutrizionale.

La pastinaca è ricca di vitamina C, che giova al sistema immunitario e stimola l’assorbimento del ferro. E’ ricca anche di sali minerali, tra cui il potassio, che aiuta a regolare la pressione. Inoltre la pastinaca contiene il falcarinolo, una sostanza molto rara che rende meno probabile l’insorgenza del cancro al colon. Infine non mancano le fibre, che aiutano a digerire e bilanciano la flora intestinale. La pastinaca è anche dietetica: un etto di prodotto non va oltre le 75 kcal, un valore basso se si considera il suo status di “radice”.

Ricetta pastinaca con filetti di aringa

Preparazione pastinaca con filetti di aringa

Per preparare la pastinaca con filetti di aringa iniziate sbucciando e affettando quest’ultima, poi trasferitela in una ciotola. Ricavate il succo dal limone, poi versatelo nella scodella con le pastinache.

Tagliate in due le mele e rimuovete i torsoli, infine grattugiatele direttamente nella ciotola. Mescolate per bene e unito anche lo zenzero grattugiato. Condite infine con olio, aceto, sale, pepe e aneto. Servite aggiungendo i filetti di aringa affumicati e buon appetito.

Ingredienti pastinaca con filetti di aringa

  • 4 filetti di aringa affumicati
  • 600 gr. di pastinache
  • mezzo limone
  • 200 gr. di mele verdi
  • 20 gr. di zenzero fresco
  • 1 dl. di olio di colza
  • 5 cucchiai d’aceto di mele
  • q. b. di sale e di pepe
  • 1 ciuffetto di aneto.

Un focus sulle aringhe

L’altro protagonista di questa pastinaca sono i filetti di aringa, uno dei pesci più apprezzati in cucina e appartenente alla categoria dei pesci azzurri. Rispetto al merluzzo, l’aringa presenta però un sapore meno delicato, più grezzo e anche più intenso. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, l’aringa richiama anche ai pesci grassi grazie all’abbondanza degli acidi grassi omega tre, che giovano al cuore e alla circolazione.

Le aringhe recano anche tracce di vitamina D, una sostanza che esercita un influsso positivo sulle difese immunitarie. Sono anche ricche di sali minerali, come il fosforo, che stimola la concentrazione e la memoria. L’apporto proteico, infine, è molto elevato e non fa rimpiangere le carni più sostanziose. In occasione di questa ricetta andrebbero utilizzate le aringhe affumicate, delle preparazioni tipiche del nord Europa. In questo modo l’insalata assume un carattere “nordico”, o più precisamente scandinavo.

Quali mele utilizzare per la pastinaca con filetti di aringa?

Il pregio di questa insalata di pastinaca con filetti di aringa consiste nella capacità di integrare sapori molto diversi tra di loro. Troviamo infatti l’ingrediente dolce e acidulo allo stesso tempo, ovvero la mela. Per l’occasione vi consiglio di utilizzare mele verdi o gialle, che garantiscono un sapore e una consistenza compatibile con la preparazione delle insalate. A prescindere dalla varietà, la mela non è solo buona, ma fa anche bene alla salute, rendendo onore al celebre proverbio.

Oltre al consueto bagaglio di vitamine e sali minerali, che ha la sua punta di diamante nella vitamina C e nel potassio, la mela apporta molte sostanze interessanti. Su tutte spicca la pectina, una fibra che giova al cuore. Stesso discorso per la quercetina, un antiossidante salito alla ribalta negli ultimi tempi in virtù del suo ruolo nella prevenzione delle patologie virali. Per quanto concerne l’apporto calorico la mela non presenta particolari problemi, infatti apporta meno di 50 kcal per 100 grammi.

Pastinaca con filetti di aringa

Quali aromi usare per questa insalata?

L’insalata di pastinaca con filetti di aringa si fregia di un approccio equilibrato all’uso delle spezie, che partecipano attivamente sul sapore del piatto senza esagerare. In particolare si utilizzano lo zenzero e l’aneto. Il primo garantisce note pungenti e aromatiche, mentre l’aneto apporta sentori vagamente dolci ed “erbosi”. Inoltre le spezie vengono dosate con cura, infatti bastano solo 20 grammi di zenzero e solo un ciuffo di aneto.

Va messo in evidenza poi lo spessore nutrizionale di queste due spezie, che sfocia nel campo terapeutico. Lo zenzero, per esempio, è un discreto antinfiammatorio e analgesico (allevia i dolori), proponendosi come surrogato naturale dei farmaci FANS. Come questi ultimi, però, aumenta un po’ la pressione del sangue. L’aneto, invece, agisce come un battericida e favorisce la depurazione dell’organismo.

Perché usare l’aceto di mele nella pastinaca con filetti di aringa?

Le insalate all’italiana richiedono spesso l’impiego dell’aceto, non fa eccezione questa insalata, al netto degli “influssi” della cucina nordica. In questo caso, però, consiglio l’impiego dell’aceto di mele perché si abbina meglio con le mele, che come abbiamo visto rappresentano un ingrediente importante. Inoltre l’aceto di mele propone un sapore asprigno e decisamente più delicato rispetto al classico aceto di vino bianco.

Per inciso, l’aceto di mele fa anche bene alla salute. Aumenta il senso di sazietà, diminuisce il colesterolo cattivo (responsabile spesso di infarti e ictus) e abbassa la glicemia, un dettaglio importante per chi soffre di diabete. Infine, l’aceto di mele è ricco di antiossidanti, che agiscono in funzione preventiva rispetto a molti tipi di tumori. L’aceto di mele è anche leggero, in quanto apporta solo 22 kcal per 100 grammi.

Ricette di insalate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (11 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di tacchino e fagiolini

Insalata di tacchino e fagiolini, una ricetta light...

Perché preferire il tacchino al pollo? Spesso preferire il tacchino al pollo è una questione di gusto, ma non di rado la questione è oggettiva. In questa insalata di tacchino e fagiolini la...

Insalata di abalone

Insalata di abalone, un contorno dal sapore esotico

Un focus sull’abalone Nonostante l’abbondanza di ingredienti, il protagonista di questa insalata rimane l'abalone. E’ un frutto di mare pregiato, in quanto difficile da pescare e situato...

Insalata di noodles croccanti

Insalata di noodles croccanti, un’idea per un pasto...

Insalata di noodles croccanti, un mix sapiente di carne e pesce L’insalata di noodles è una ricetta coraggiosa ed azzeccata, infatti non teme di innovare e di sfatare alcuni tabù culinari, come...