bg header
logo_print

Bostrengo, un dolce per la giornata di Ognissanti

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Bostrengo
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (10 Recensioni)

Bostrengo, un dolce al cioccolato facile da preparare

Il bostrengo è un dolce tipico del centro Italia, preparato dalla Romagna alle Marche. Si declina in numerose varianti che impiegano di tanto in tanto la farina di grano tenero al posto di quella realizzata dalla frutta secca. Alcune varianti sono addirittura salate, quindi sono del tutto prive di elementi dolci. La versione che vi presento oggi è tipica del pesarese e vede come protagonista il riso, che viene semplicemente bollito e aggiunto agli altri ingredienti dell’impasto. Il dolce risulta così granuloso e molto gradevole al palato, pur cedendo qualcosa in termini di stabilità. La farina è infatti assente e viene sostituita solo in parte dal pangrattato.

A prescindere dalle varianti, il bostrengo viene preparato in genere per la giornata di Ognissanti. Ovviamente è buono in ogni occasione, soprattutto se arricchito con zeste e pezzetti di frutta. In ogni caso la ricetta è semplice, in quanto non bisogna fare altro che amalgamare tutti gli ingredienti e procedere con la cottura. Per quanto concerne la decorazione si utilizza del semplice zucchero a velo, sebbene alcune varianti vengano consumate così come si trovano.

Ricetta bostrengo

Preparazione bostrengo

Per preparare il bostrengo dovrete iniziare lessando il riso. Intanto immergete l’uvetta nell’acqua tiepida per 15 minuti circa. In una grande ciotola versate il riso, il latte, lo zucchero, il pangrattato, le uova, il cioccolato fondente fuso, la scorza dell’arancia, l’uvetta strizzata, un trito di mandorle e il rum.

Amalgamate il tutto e spostate l’impasto così ottenuto in uno stampo foderato con carta da forno. Cuocete a 180 gradi per 30 minuti circa. Infine date una bella sventagliata di zucchero a velo, tagliate a pezzettoni e servite.

Ingredienti bostrengo

  • 4 uova
  • 600 gr. di riso
  • 400 gr. di latte intero consentito
  • 250 gr. di zucchero di canna
  • 250 gr. di pangrattato consentito
  • 150 gr. di cioccolato fondente
  • scorza grattugiata di un’arancia
  • 100 gr. di uvetta
  • 100 gr. di mandorle tritate
  • 1 bicchierino di rum
  • q. b. di zucchero a velo.

Le proprietà del cioccolato fondente

La versione del bostrengo che vi presento oggi è realizzata con una generosa dose di cioccolato fondente. Ovviamente questo va sciolto al microonde o a bagnomaria, in modo che possa amalgamarsi correttamente con gli altri ingredienti. La presenza del cioccolato rende il bostrengo ancora più buono e caratteristico, inoltre gli dona un colorito bruno da torta al cacao. Vale la pena spendere qualche parola sul cioccolato fondente, un alimento tra i più amati del pianeta ma troppo spesso bistrattato sul piano nutrizionale. La verità è che il cioccolato fondente non è solo buono ma fa anche bene alla salute, se viene consumato con moderazione. Non bisogna dimenticare che il cioccolato fondente è molto calorico in quanto supera quasi sempre le 550 kcal per 100 grammi.

Al di là di ciò, del cioccolato fondente si apprezza l’apporto di vitamina E, che funge da antiossidante, rallenta l’invecchiamento e inibisce l’azione dei radicali liberi. Il cioccolato fondente è anche ricco di sali minerali, tra cui il magnesio, che contribuisce a mantenere alti i livelli di energia. Inoltre il cioccolato fondente, come il cacao in generale, fa bene anche all’umore, una verità confermata di recente da alcune ricerche scientifiche. Se viene consumato con moderazione, può fungere persino da blando antidepressivo.

Quale tipo di riso utilizzare nel bostrengo?

La versione di bostrengo che vi presento oggi è realizzata con il riso. Ma quale tipo di riso è più adatto a questa preparazione? Di base va bene qualsiasi tipo di riso, la ricetta “riesce” in ogni caso pur risultando più stabile o più friabile. L’ideale, però, sarebbe utilizzare un riso che tiene abbastanza bene la cottura, che assorbe pochi liquidi e che si amalgama molto bene con gli altri sapori. Inoltre è bene optare per un riso i cui chicchi, se sottoposti ad alta temperatura, tendono a rimanere integri.

Bostrengo

La qualità che meglio risponde a questi requisiti è il Roma. La sua proprietà più interessante è la capacità di compattarsi, che lo rende ideale per produrre un impasto. Dal punto di vista nutrizionale, invece, un riso vale l’altro. Tutti sono ricchi di carboidrati, vitamine, sali minerali e soprattutto amido. L’apporto calorico è simile a quello degli altri cereali, o in parte inferiore vista la relativa scarsità di grassi.

Come preparare l’impasto?

La ricetta del bostrengo è un dolce tipico davvero semplice, anche nelle declinazioni che prevedono molti ingredienti. In questo caso basta cuocere il riso e fondere il cioccolato, per poi amalgamare il tutto con gli altri ingredienti. Il composto che se ne ricava risulta abbastanza denso e viene versato su una tortiera coperta con carta forno, infine viene cotto a 180 gradi per 30 minuti.

La cottura è più che sufficiente a stabilizzare il composto che risulta privo di farina. Il merito è anche di alcuni ingredienti che conferiscono una certa compattezza, come il riso, il pangrattato e il latte. A tal proposito è bene utilizzare il latte intero rispetto a quello scremato, sebbene sia più calorico e più grasso. Tuttavia sono proprio i grassi a conferirgli un sapore più intenso che emergere nell’impasto. Un certo contributo proviene anche dalle mandorle, che per l’occasione vengono ben tritate.

Ricette di dolci ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (10 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...