bg header
logo_print

Semifreddo alle nocciole, un dessert semplice e delizioso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Semifreddo alle nocciole
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Semifreddo alle nocciole, un dessert facile da realizzare

Il semifreddo alle nocciole è un dessert facile da realizzare e alla portata di tutti, infatti non richiede nemmeno la macchina del gelato, bastano un po’ di pazienza, gli ingredienti giusti e ovviamente il freezer. La lista degli ingredienti comprende le nocciole, la panna, gli albumi e lo zucchero. La ricetta consiste nell’unione di tre composti separati: un trito di nocciole tostate e zucchero, un mix di albumi e sciroppo, e una semplice panna montata. La prima fase consiste nell’amalgamare il trito con il mix agli albumi, la seconda consiste nell’aggiunta della panna montata. A parte poi si realizza una guarnizione semplice, ovvero il caramello arricchito con le nocciole.

La guarnizione va poi messa sul semifreddo già pronto, che ha riposato per qualche ora in freezer. Il semifreddo alle nocciole non è nemmeno troppo grasso, d’altronde comprende solo pochi ingredienti e la quantità di zucchero non è affatto esagerata. Certo sono necessari ben tre albumi, ma rappresentano la parte meno calorica dell’uovo, quindi c’è poco di cui preoccuparsi.

Ricetta semifreddo alle nocciole

Preparazione semifreddo alle nocciole

Per preparare il semifreddo iniziate dalle nocciole. Dopo averle tostate, versatele nel bicchiere del mixer, lasciandone 50 gr. da parte. Poi versate 40 gr. di zucchero e frullate fino ad ottenere un composto molto fine. Intanto versate in un pentolino 1,5 dl. di acqua e 100 grammi di zucchero, poi cuocete per 3 minuti fino a quando non appariranno le prime bolle in superficie. Ora montate gli albumi e versate sopra lo sciroppo di zucchero in modo graduale e senza smettere di montare. Infine montate il tutto per circa 6 minuti.

A parte montate la panna, poi incorporatela alle nocciole tritate e agli albumi montati. Ora distribuite il composto in 6 bicchieri e fateli riposare in congelatore per 4 ore. In un pentolino versate gli altri 40 grammi di zucchero e fateli caramellare a fuoco molto basso insieme a un cucchiaio di acqua. Poi unite le nocciole rimaste, fate raffreddare e scolate. Infine disponete questa guarnizione nei bicchieri prima di servire.

Ingredienti semifreddo alle nocciole

  • 350 gr. di nocciole tostate
  • 3 dl. di panna fresca consentita
  • 3 albumi
  • 180 gr. di zucchero semolato
  • 1 pizzico di sale.

Un focus sulle nocciole

Le protagoniste di questo semifreddo sono le nocciole, dunque vale la pena spendere qualche parola. Le nocciole fanno parte della categoria frutta secca e quindi sono molto caloriche. Il loro apporto calorico viaggia sulle 700 kcal per 100 grammi. Il motivo di ciò risiede nell’abbondanza di grassi benefici in grado di giovare al cuore e alla circolazione, nonché di tenere sotto controllo il colesterolo cattivo (responsabile spesso di infarti).

Ma questo non è l’unico pregio delle nocciole. Si segnala anche un profilo vitaminico e minerale davvero peculiare. Il riferimento è alla presenza della vitamina E, che esercita una funzione antiossidante e dunque aiuta a prevenire alcuni tipi di cancro. Stesso discorso per il magnesio e per il fosforo, che favoriscono la facoltà mentali, il livello di concentrazione e la memoria.

Un dessert per chi soffre di intolleranze alimentari?

Questo semifreddo alle nocciole è compatibile con chi soffre di intolleranze alimentari e disturbi dell’assorbimento? Per quanto concerne la celiachia e la sensibilità al glutine non si segnala alcun problema. La lista degli ingredienti, infatti, non comprende alcun elemento cerealicolo. Semaforo rosso invece per gli intolleranti al nichel, in quanto le nocciole ne contengono parecchio.

Per quanto concerne l’intolleranza al lattosio il discorso è più complesso. Di base sarebbe incompatibile vista la presenza della panna. C’è però la possibilità di utilizzare la panna delattosata, che ha una resa e un sapore del tutto simili all’originale. Il processo di delattosamento è semplice e naturale, in quanto consiste nell’inserimento dell’enzima lattasi nel latte. Tale enzima, assente o scarso in chi soffre di intolleranza, scinde il lattosio in due zuccheri semplici (glucosio e galattosio) digeribili da chiunque.

Semifreddo alle nocciole

Quale zucchero utilizzare per il semifreddo alle nocciole?

La lista degli ingredienti del semifreddo alle nocciole comprende anche lo zucchero. Ma quale zucchero utilizzare? In commercio esistono diverse tipologie di zucchero. La distinzione più famosa è quella tra zucchero bianco e zucchero bruno, detto volgarmente “di canna”. Ebbene, la differenza a livello nutrizionale è quasi nulla, in quanto lo zucchero bruno si caratterizza per la presenza di residui di melassa, dovuti a una raffinazione più grezza. Nello zucchero bruno il sapore è quindi leggermente caramellato.

Vi è poi la distinzione tra zucchero semolato e fine, che riguarda la grana. In occasione di questa ricetta consiglio di utilizzare lo zucchero bianco semolato. Abbiamo optato per lo zucchero bianco perché la presenza della melassa potrebbe interferire con gli altri ingredienti, lasciando un sentore non proprio in linea con lo spirito della ricetta. La texture semolata invece interagisce con gli altri ingredienti meglio di quanto non faccia lo zucchero fine. Le dosi di zucchero che la ricetta propone sono nella media, ossia 40 grammi per il trito di nocciole, 100 grammi per lo sciroppo e 40 grammi per la guarnizione in caramello.

Come tostare le nocciole?

La ricetta del semifreddo impone un passaggio propedeutico, ossia la tostatura delle nocciole. Solo in questa forma le nocciole possono essere frullate, o per meglio dire ridotte in un trito abbastanza fine insieme allo zucchero. Come realizzare una tostatura perfetta? Il procedimento è molto semplice, basta sistemare le nocciole ben distanziate in una teglia coperta con carta da forno. A questo punto accendete il forno a 200 gradi e attendete che si riscaldi. Quando è ben caldo, impostate il timer a 5 minuti e infornate.

E’ possibile adottare anche un approccio leggermente diverso, ovvero diminuire la temperatura del forno e allungare il tempo di tostatura. Per la precisione, la temperatura dovrebbe essere pari a 160 gradi e il timer dovrebbe essere impostato a 10 minuti. Questo secondo metodo è utile in particolare se desiderate delle nocciole molto croccanti e adatte alla trasformazione in granella.

Ricette con le nocciole ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Banane in sfoglia con crema alle nocciole

Banane in sfoglia con crema alle nocciole, un...

La banana, un frutto dalle tante potenzialità Vale la pena parlare della banana, il vero protagonista della ricetta delle banane in sfoglia con crema alle nocciole. La banana è un frutto...

Gulab jamun

Gulab jamun, i dolcetti al latte della tradizione...

Un impasto fuori dal comune L’impasto dei gulab jamun è fuori dal comune per almeno due motivi. In primo luogo perché viene valorizzato dal cardamomo, una spezia che raramente compare negli...

Mousse di granadilla

Mousse di granadilla, un dessert per viaggiare con...

Cosa sapere sulla granadilla Vale la pena parlare della granadilla, che è l’ingrediente principale di questa deliziosa mousse. Inizio col dire che è un frutto raro a tutti gli effetti,...