bg header
logo_print

Kaffeost, un piatto svedese tra caffè e formaggio

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

kaffeost
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Kaffeost: Un’esperienza unica nel mondo del caffè

Kaffeost, o “caffè con formaggio“, è una tradizione unica proveniente dalla Svezia e dalla Finlandia. Questa bevanda combina due elementi fondamentali: il caffè caldo e un formaggio speciale, chiamato “Leipäjuusto” o “Juustoleipä”. Questo formaggio, tipico delle regioni nordiche, ha una consistenza elastica e un gusto delicato, che lo rende perfetto per essere immerso nel caffè. Originariamente, Kaffeost era una bevanda tipica dei Sami, il popolo indigeno del nord della Scandinavia.

Per preparare un autentico Kaffeost, è necessario avere del Leipäjuusto fresco. Il formaggio viene tagliato in piccoli pezzi o cubetti e poi immerso nel caffè caldo. A contatto con il liquido, il formaggio non si scioglie, ma assume una consistenza morbida e cremosa. La tradizione vuole che si beva prima il caffè e poi si mangino i pezzi di formaggio, che nel frattempo hanno assorbito il sapore del caffè, creando un mix di sapori e consistenze sorprendente.

Il Kaffeost offre un modo diverso di godere del caffè, unendo il piacere di una bevanda calda con la ricchezza del formaggio. Inoltre, questa pratica rappresenta un ponte tra le culture e le tradizioni del nord Europa, mostrando come elementi semplici possono creare esperienze uniche. Kaffeost è anche una scelta salutare: il formaggio è ricco di proteine e calcio, mentre il caffè è noto per le sue proprietà stimolanti e antiossidanti.

Sebbene il Kaffeost sia una tradizione principalmente nordica, la sua fama si sta diffondendo. In alcune caffetterie specializzate, soprattutto in paesi nordici, è possibile ordinare questa bevanda unica. Per chi vuole sperimentare a casa, si consiglia di cercare un formaggio simile al Leipäjuusto nei negozi specializzati in prodotti nordici o internazionali.

Ricetta kaffeost

Preparazione kaffeost

  • Iniziate tagliando il Leipäjuusto in cubetti di circa 1-2 cm. Questi pezzi non dovrebbero essere troppo piccoli per evitare che si sciolgano completamente nel caffè.
  • Preparate il vostro caffè come fareste normalmente. La quantità di caffè dipende dal numero di persone che intendi servire. Una tazza standard ha circa 200-300 ml, quindi regola di conseguenza.
  • Mettete i cubetti di formaggio in fondo a una tazza grande o in una ciotola. Versate delicatamente il caffè caldo sopra il formaggio fino a coprirlo.
  • Lasciate riposare per un minuto per permettere al formaggio di riscaldarsi e assorbire leggermente il caffè. Bevete il caffè e poi gustate i pezzi di formaggio, che ora avranno una consistenza morbida e avranno assorbito il sapore del caffè.

Ingredienti kaffeost

  • circa 100-150 gr. di Leipäjuusto Se non riuscite a trovare il Leipäjuusto
  • puoi cercare un formaggio simile come Halloumi o un altro formaggio che non si sciolga facilmente.circa 400-600 ml di caffè forte

Il caffè in Svezia

Il Kaffeost ci dà l’occasione per parlare del modo con cui il caffè viene concepito in Svezia e, più in generale, nei paesi nordici. Potreste rimanere stupiti dal legame tra tradizione scandinava e caffè, anche perché è piuttosto forte. Siamo abituati a pensare al caffè come a un piacere mediterraneo. Eppure, gli scandinavi, e in particolare gli svedesi, sono tra i maggiori bevitori di caffè al mondo. Certo lo fanno a “modo loro”, ossia con un caffè un po’ lungo, aromatico e forte al punto giusto.

Il legame tra caffè e cultura svedese emerge a partire da certe usanze molto consolidate e perpetrate nel quotidiano. Il riferimento è alla “fika”, la pausa dal lavoro che gli svedesi si riservano verso metà mattinata, e che in genere copre un arco di tempo considerevole. Con il termine “fika” si intende un abbinamento più classico, a base di caffè e fette di torta, che deve essere sempre al cioccolato. Non di rado ci si concede un secondo momento nelle prime ore pomeridiane. Anche in questo caso il presupposto è la condivisione con i colleghi, anzi è un modo per stringere e consolidare rapporti e per migliorare l’ambiente lavorativo.

formaggi norvegesi

Quale formaggio usare per il Kaffeost?

Come ho già spiegato, lo stesso concetto di Kaffeost potrebbe far storcere il naso. D’altronde formaggio e caffè sembrano porsi decisamente agli antipodi. Tutto appare meno strano, però, quando ci si rende conto del tipo di formaggio chiamato in causa per questo piatto. Sto parlando del Leipajuusto, un prodotto caseario di origine finlandese (noto anche come Finnish Squeaky Cheese), ma assurto a vera e propria istituzione anche in Svezia. E’ un formaggio particolare, in quanto può essere realizzato sia con il latte di mucca che con quello di capra. Alcune varianti fanno uso persino del latte di renna! Ad ogni modo il procedimento consiste nella cagliatura del latte, che viene modellato per formare dei dischi spessi 2 o 3 centimetri.

Segue la cottura al forno o la grigliatura, che lo rendono “marroncino” e gli conferiscono un sapore neutro e leggermente dolce. In alcune zone il Leipajuusto viene addirittura essiccato affinchè duri molti anni. Ovviamente al momento del consumo va cotto con il burro, in modo da recuperare la sua proverbiale morbidezza. Come si serve il Leipajuusto? Ebbene, una volta cotto va tagliato a dadini, che vengono immersi nel caffè. Si assiste quindi a una commistione inedita ma suggestiva tra caffè e formaggio, che non si scioglie del tutto. Infatti uno dei più grandi piaceri del Kaffeost è raccogliere il formaggio rimasto sul fondo della tazza, ormai intriso di caffè.

formaggi norvegesi

Un focus sui formaggi nordici

Il Kaffeost mi dà l’occasione di parlare anche dei formaggi scandinavi. Una categoria a parte e poco conosciuta alle nostre latitudini, ma che può regalare molte soddisfazioni. La tradizione casearia nordica, infatti, ha alle spalle una lunga storia ed è frutto di un’evoluzione propria, che ha subito poche influenze dalla tradizione mediterranea ed europea. Ecco una selezione di formaggi scandinavi tra i più apprezzati e interessanti.

Gudbrandsdalen. E’ un formaggio della tradizione norvegese con un colore particolare, che tende al caramello. Anche il sapore ricorda il caramello, infatti è piuttosto dolce. Viene spesso preparato nella variante spalmabile e consumato come se fosse una marmellata. E’ realizzato con il latte di capra e di mucca e ha una quantità di grassi non altissima (pari al 25%).

Geitost ECTS. E’ una variante del formaggio precedente. Troviamo anche in questo caso le tonalità e le note caramellate. E’ però realizzato solo con il latte di capra, dunque ha un sapore più intenso ed è un po’ meno grasso. Anche il Geitost viene spesso ridotto in crema per poter essere spalmato.

Julebrunost Krydret Fløtemysost. Altro formaggio norvegese che, come da tradizione di quel paese, trasmette sentori dolci simili al caramello. La sua peculiarità è l’aggiunta del cardamomo, che lo rende intenso come sapore e soprattutto ne giustifica l’abbinamento con i dolci. E’ realizzato con latte vaccino e abbondante siero. La quantità di grassi è media, pari a 30 grammi ogni 100.

Bestemorost. E’ un altro formaggio caramellato svedese. La sua peculiarità consiste nel sapore molto intenso e quasi pungente. Cononostante, viene servito spesso con i dolci. E’ perfetto per il Kaffost, in sostituzione del Leipajuusto, in quanto con la sua intensità riesce a contrastare – e quindi a valorizzare – i sentori aromatici del caffè. Il Bestemorost è un formaggio abbastanza magro in quanto spesso non raggiunge il 28% di grassi. E’ realizzato con latte di capra e di mucca, ma non mancano le varianti realizzate con il latte di renna.

Leipäjuusto. Conosciuto anche come “formaggio pane”, è un formaggio tradizionale della Finlandia e del nord della Scandinavia. Di origine antica, è particolarmente apprezzato per la sua consistenza elastica e il suo sapore delicato, che ricorda vagamente il caramello, specialmente quando viene leggermente scottato. Tipicamente realizzato con latte di vacca, può essere anche prodotto con latte di renna o capra, offrendo variazioni uniche nel gusto. Leipäjuusto si distingue per la sua superficie caratteristica, leggermente brunita e con un aspetto simile a un pane piatto. È versatile in cucina, consumato sia fresco sia riscaldato, e si abbina perfettamente alla confettura di camemoro e, naturalmente, al caffè nella preparazione del Kaffeost. .

Spesso i formaggi vengono serviti con dei cracker. Il crispbread è una tipologia di pane originario della Svezia. Sono assimilabili ai nostri cracker, dai quali però si differenziano per un sapore più vario e complesso, dovuto alle farine utilizzate e alla presenza di molti semi oleosi. Sono diversi anche nell’aspetto, che in questo caso è valorizzato da tonalità marroncine. I crispbread possono essere consumati come snack o come spezzafame, tuttavia possono fungere anche da sostituto del pane, in quanto accompagnano bene molte pietanze, soprattutto se contengono salse. Infine possono essere inseriti nelle zuppe e nelle minestre, quasi come se fossero dei crostini.

Ricette caffè ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

zuppa di salsicce di maiale

Le salsicce di maiale all’irlandese: vi presento il...

Una cottura particolare per la zuppa di salsicce di maiale Il coddle, ossia la zuppa di salsicce di maiale, è molto semplice da preparare. Certo, la ricetta è molto diversa dai nostri primi e...

kangaroo pie

Il pasticcio di carne che non ti aspetti:...

Cosa sapere sulla carne di canguro Giunti a questo punto è utile parlare della carne di canguro. Tanto per cominciare di cosa sa la carne di canguro? Se pensate a qualche sapore forte e sui...

Sutlac

Sutlac, il budino alla crema di riso della...

Quale riso utilizzare? Quale è la varietà di riso più adatta per la ricetta del sutlac. In linea di massima dovrebbe andare bene un tipo di riso che assorbe bene i liquidi, infatti lo scopo del...