Caffè messicano, un drink tanto amato…

caffe messicano
Commenti: 0 - Stampa

I benefici per il corpo? Anche in una tazza di caffè messicano!

Il caffè messicano è un caffè molto saporito e speciale, che racchiude in sé i benefici e il sapore della bevanda che conosciamo, ampliandone ogni caratteristica grazie agli altri ingredienti. Dal gusto speziato e accattivante, questo drink propone una sferzata di energia immediata, una ricarica per concentrarsi e aumentare la produttività, nonché un momento di pausa e relax di cui molti non possono proprio fare a meno!

Dal lato nutrizionale, il caffè messicano propone le sostanze nutritive della bevanda tradizionale e anche qualcosa in più. È ricco di magnesio, potassio, fosforo, calcio e sodio, di vitamina B3 e J. Grazie alla caffeina, propone un effetto stimolante nei confronti dell’apparato digerente; stimolante e tonico sul sistema nervoso e cardiovascolare; e un effetto dimagrante, in quanto può aumentare la quantità di calorie che bruciamo. In generale, il caffè contiene numerose sostanze antiossidanti e antinfiammatorie.

Troppo caffè fa male…

Tanti benefici, ma anche tante controindicazioni se si esagera. Infatti, con elevate quantità di caffè messicano e caffè tradizionale, possiamo trasformare quelle che erano azioni benefiche in controindicazioni! In pratica, i benefici si amplificano e, in molti casi, non è una cosa buona: invece che migliorare la digestione, si aumentano troppo i succhi gastrici e si rischia la gastrite, il reflusso gastroesofageo o l’ulcera; invece che ottimizzare il funzionamento del sistema nervoso e cardiovascolare, si possono causare tanti disagi…

cannella

Chi esagera con il caffè può soffrire di insonnia, ipertensione, vampate di calore, tachicardia e tremori; e persino constatare una diminuzione dell’appetito. Inoltre, l’effetto dimagrante del caffè messicano e di quello tradizionale scompare se si esagera con lo zucchero. Dobbiamo considerare anche che abbondare con il consumo di questa bevanda può causare un effetto inibitorio sull’assorbimento di ferro e calcio, favorendo così l’insorgere di anemia e osteoporosi.

Il caffè messicano e il mix di sapori che conquista…

Come avrete compreso, pur se quella del caffè messicano è una ricetta davvero speciale, non dovremo consumarne troppo! I nutrizionisti affermano che possiamo assimilare fino a 300 mg di caffeina al giorno, ovvero un massimo di 5 espressi (che contengono circa 60 mg di caffeina ognuno) o 3 tazzine abbondanti di caffè preparato con la moka (con circa 85 mg di caffeina ognuno). Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che assumiamo caffeina da circa altri 60 alimenti e bevande vegetali, come il tè e il cioccolato.

Questo comporta un abbassamento delle quantità di caffè previsti a 3-4 espressi al giorno… ma ce la possiamo fare perfettamente anche senza berne di più, non credete? Detto questo, rispondo a un’ultima domanda e poi passo a questa ricetta che vi conquisterà: quali sono le peculiarità del caffè messicano? Oltre all’acqua e al caffè, contiene magnifici sapori, come quello della cannella, dei chiodi di garofano, del cioccolato amaro, dello zucchero di canna messicano e persino del peperoncino (facoltativo)!

Ed ecco la ricetta del caffè messicano

Ingredienti

  • 800 ml di acqua
  • 70 gr. di caffè in polvere
  • 1 stecca di cannella
  • 2 chiodi di garofano
  • 30 gr. di cioccolato amaro
  • 60 gr. di zucchero di canna messicano (piloncillo)
  • 4 gr. di polvere di peperoncino (facoltativo)

Preparazione

In un pentolino di coccio, fate bollire l’acqua con lo zucchero. Quando bolle, aggiungete la cannella, i chiodi di garofano, il cioccolato sbriciolato e zucchero di canna.

Lasciate riprendere il bollore e versate la polvere di caffè e, se vi piace il peperoncino, aggiungetelo e mescolate bene il tutto.

Spegnete il fuoco e lasciate riposare per qualche minuto. Filtrate e, se volete, servite con della schiuma di latte a parte.

5/5 (378 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

pancakes di avocado

Tutto sul pancake, curiosità storiche e varianti

Il pancake, un dolce americano dalle origini greche I pancake sono un po’ il simbolo della cucina americana. D’altronde affollano da sempre film e serie TV, e sono entrati anche...

Colazione iperproteica

Colazione iperproteica, una alternativa al cappuccino

Cosa si intende per colazione iperproteica? Avete mai sentito parlare di colazione iperproteica? Se non conoscete il significato, sappiate che è esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia una...

Barretta di anacardi con ananas

Barretta di anacardi con ananas, una merenda esotica

Barretta di anacardi con ananas: una scelta di ingredienti particolare. Scordatevi le classiche barrette energetiche acquistabili in farmacia e al supermercato. Questa barretta di anacardi con...

Dalgona coffee

Dalgona coffee, un’alternativa al cappuccino

Dalgona coffee, una merenda squisita Se amate viaggiare, e in particolare siete stati in Giappone e in Corea del Sud, è probabile che conosciate già il Dalgona coffee. Si tratta di una variante...

Barretta con noci pecan

Barretta con noci pecan per una merenda energetica

Barretta con noci pecan e uvetta, un break buono e salutare La barretta con noci pecan e uvetta non ha nulla a che vedere con le classiche barrette energetiche che si acquistano al supermercato o in...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-09-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti