bg header
logo_print

Fichi caramellati, un dolce di altri tempi

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Fichi caramellati
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (3 Recensioni)

Tutta la dolcezza dei fichi caramellati

Oggi vi presento i fichi caramellati, una ricetta semplice da realizzare e che regala grandi soddisfazioni in cucina, soprattutto agli amanti della frutta in conserva. Ho preso ispirazione da Cucchiaio d’Argento, che spesso dà spazio a ricette capaci di coniugare fantasia e tradizione. A cosa servono i fichi caramellati? Tanto per iniziare, sono buoni anche se consumati in solitaria. Anzi, rappresentano uno spuntino moderatamente leggero, dolce e salutare. Possono anche essere impiegati nelle ricette dolciarie, a mo’ di guarnizione per le torte o per le paste. Il loro sapore, che differisce solo leggermente da quello dei fichi freschi, è capace di valorizzare molte ricette e di dare un tocco in più, andando ben oltre le potenzialità della frutta in conserva. Bastano pochi ingredienti per preparare i fichi caramellati: zucchero, rum, un po’ di acqua e ovviamente i fichi.

Ricetta fichi caramellati

Preparazione fichi caramellati

Per preparare i fichi caramellati iniziate proprio dai fichi. Lavateli sotto l’acqua corrente, poi tagliate via la parte finale del picciolo, se risulta troppo lunga. Ora trasferite i fichi in un tegame ampio, in modo che siano disposti su un unico strato, poi versate l’acqua, il rum, lo zucchero semolato e una spolverata di cannella. Accendete a fiamma bassa e cuocete per 90 minuti, senza applicare il coperchio.

A fine cottura, i fichi avranno assorbito lo sciroppo su tutta la loro superficie, risultando completamente caramellati. Versate i fichi ancora caldi nei barattoli (o vasetti di vetro) assieme allo sciroppo rimasto nel tegame. Infine, sigillate i barattoli ermeticamente, capovolgeteli e lasciamo raffreddare il tutto.

Ingredienti fichi caramellati

  • 1
  • 5 kg di fichi neri
  • 600 gr. di zucchero semolato
  • 100 gr. di rum scuro
  • q. b. di cannella
  • 200 ml. di acqua.

Per questa ricetta vi consiglio di utilizzare i fichi neri, che hanno un sapore più dolce e quindi rendono meglio in fase di caramellatura. I fichi, a prescindere dalla varietà, sono tra i pochi frutti capaci di infrangere il mito “se è buono allora fa male”. D’altronde sono squisiti e molto salutari. Il riferimento è soprattutto all’abbondanza di vitamine, infatti si segnalano buone dosi di vitamina A e C. La vitamina A fa bene alla vista, mentre la vitamina C giova al sistema immunitario, rafforzandolo nel contrasto alle malattie virali e batteriche. Per quanto concerne i sali minerali, si apprezzano discrete quantità di potassio, calcio e ferro. La presenza del ferro è molto utile all’ossigenazione del sangue e non è affatto scontata in un frutto. Infine, la differenza tra fichi neri e fichi bianchi consiste nella quantità di antocianine, che prevengono i tumori e colorano di rosso-nero i frutti.

Quale zucchero usare per questa ricetta?

I fichi caramellati sono tali proprio in virtù della presenza dello zucchero. Esso viene impiegato in maniera abbastanza classica, ovvero viene cotto insieme ai fichi. In questo modo, si scioglie e viene assorbito dalla superficie del frutto. Ma quale tipo di zucchero è opportuno utilizzare per questa ricetta? La scelta è soprattutto tra zucchero bianco e zucchero grezzo (o bruno). Quest’ultimo sembrerebbe la scelta più adatta, dal momento che contiene la melassa, che dona un sentore caramellato. La scelta migliore, in realtà, è lo zucchero bianco.

La melassa, infatti, non reagisce bene alle cotture prolungate, e potrebbe produrre sgradevoli sentori di bruciato. Per quanto riguarda la grana, potreste avere dubbi tra lo zucchero fine e lo zucchero semolato. Tuttavia, vi consiglio di scegliere lo zucchero semolato in quanto si scioglie più in fretta e facilmente. Fate comunque attenzioni alle dosi: la quantità di zucchero dovrebbe essere pari a un terzo dei fichi.

Fichi caramellati

Quel tocco di liquore che non guasta

I fichi caramellati si differenziano dalla “normale” frutta caramellata in virtù di alcuni aromi.  Per la precisione, la ricetta prevede l’utilizzo della cannella e del rum. La cannella aggiunge un tocco di sapore in più, ma anche di dolcezza, dal momento che è considerata un moderato dolcificante. La cannella è una spezia nel vero senso della parola, dunque incide molto sul gusto e presenta alcune proprietà curative, che rendono la ricetta ancora più salutare. Per quanto riguarda il rum, la sua azione è preponderante in quanto forma il liquido di cottura dei fichi, insieme all’acqua ovviamente. D’altronde la ricetta richiede ben 100 ml. di rum, che equivalgono a un terzo di bicchiere. Ovviamente non andate oltre queste dosi, in quanto potreste creare uno squilibrio in termini di sapore e potreste rendere i fichi immangiabili.

Consiglio di utilizzare il rum scuro, che è più deciso e presenta un sentore caramellato, che risulta  più azzeccato per completare al meglio la ricetta. A prescindere dalla varietà, il rum è sempre realizzato dalla fermentazione della melassa, una sostanza che viene ricavata dalla canna da zucchero. Il suo grado alcolico è elevato, dal momento che raramente scende sotto i 45 gradi e può raggiungere anche i 60 gradi. Per quanto concerne la fase finale della ricetta, occorre mettere i fichi  caldi in contenitori che devono essere igienizzati e sterilizzati. La pastorizzazione in questo caso non è necessaria perché potrebbe rovinare i fichi. Inoltre, i fichi caramellati sono preparati con l’intento di essere consumati in un breve periodo di tempo. In ogni caso, assicuratevi di avere a disposizione vasetti sterilizzati a chiusura ermetica, simili a quelli in uso per le altre conserve.

Ricette con fichi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolini di piadina con nutella e banana

Rotolini di piadina con nutella e banana, ottimi...

Le numerose varianti dei rotolini di piadina ripieni La nutella è tra gli ingredienti protagonisti di questi rotolini di piadina. E’ una soluzione facile per ottenere un ripieno gustoso e...

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...