bg header
logo_print

Sorbetto allo yuzu, un fine pasto esotico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Sorbetto allo yuzu
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 04 ore 10 min
cottura
Cottura: 00 ore 05 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Sorbetto allo yuzu, un dolce dal colore insolito e dal gusto sorprendente

Il sorbetto allo yuzu è una gradevole alternativa al classico sorbetto al limone. E’ un sorbetto che esprime una maggiore eleganza, in virtù di un colore fuori dal comune e di una tonalità giallo intensa. Anche il sapore è diverso, viste le particolarità dello yuzu, un agrume originario del Giappone. Lo yuzu si pensa sia frutto dell’incrocio tra mandarino e papeda, sebbene trasmetta sentori a metà strada tra il limone, il pompelmo e l’arancia. Al palato risulta acido e allo stesso tempo dolce. In ragione di ciò, difficilmente viene consumato a crudo, ma può partecipare a molte ricette davvero interessanti. Lo yuzu è considerato una sorta di super-food, anche perché è abbastanza nutriente rispetto agli altri agrumi, ossia contiene gli stessi nutrienti, ma in dosi maggiori.

Lo yuzu apporta ottime dosi di vitamina C, che potenzia il sistema immunitario e agevola il metabolismo del ferro, una notizia non da poco soprattutto per chi soffre di anemia. Inoltre contiene molti acidi benefici per la circolazione. Apporta, infine, tutti i sali minerali tipici degli agrumi, a partire dal potassio. L’apporto calorico è trascurabile, sicché può essere consumato senza alcun timore per la propria linea. Tuttavia va considerato che la ricetta contiene una certa dose di zucchero, anche se non è eccessiva.

Ricetta sorbetto allo yuzu

Preparazione sorbetto allo yuzu

Per preparare il sorbetto allo yuzu procedete come segue. Versate acqua e zucchero in un pentolino, poi accendete a fiamma bassa e mescolate con cura. Quando lo zucchero si è sciolto del tutto, formando una specie di sciroppo, spegnete la fiamma e fate intiepidire a temperatura ambiente.

Ora versate la purea di yuzu nello sciroppo, poi trasferite il composto in una ciotola e fatelo riposare in freezer per 4 ore. Ogni ora rompete i cristalli che via via si formano, usando un cucchiaio di legno o un minipimer. Mezz’ora prima del servizio rimescolate il sorbetto con cura e guarnite con qualche foglia di menta.

Ingredienti sorbetto allo yuzu

  • 100 gr. di purea di yuzu
  • 150 gr. di zucchero semolato
  • 300 ml. di acqua naturale
  • qualche fogliolina di menta.

Quale zucchero utilizzare?

A proposito di zucchero, quale utilizzare per questo sorbetto allo yuzu? In commercio troviamo diverse tipologie di zucchero. In genere il dubbio è tra zucchero bianco e zucchero bruno di canna, o tra quello semolato e quello fine. Ebbene, in questo caso vi consiglio lo zucchero bianco, in quanto lo zucchero bruno sa di caramello per via della melassa, un sentore che si lega poco con i sapori agrumati. Per quanto concerne la texture, vi consiglio invece lo zucchero semolato. Per quanto possa sembrare strano, lo zucchero semolato si scioglie meglio rispetto a quello fine, soprattutto quando lo scopo è quello di creare uno sciroppo.

Ovviamente fate attenzione alle dosi, lo zucchero infatti dovrebbe essere pari a un terzo dell’acqua. Solo in questo modo potrete preparare uno sciroppo dalla consistenza ottimale, che possa fungere da base per un buon sorbetto. Quindi una porzione richiede circa 40 grammi di zucchero, una quantità tutto sommata irrisoria e che qualifica il sorbetto come un dessert leggero.

Il delicato tocco della menta

Il sorbetto allo yuzu si presenta bene anche esteticamente. Il merito non va solo al colore che il frutto giapponese sa esprimere, ma anche alla guarnizione, che è semplice e di impatto. La guarnizione è ottenuta con qualche fogliolina di menta, che impreziosisce il dessert con il suo verde ora acceso e ora più cupo, tale da creare un bel contrasto cromatico. La menta incide sul sapore, anche perché si sposa bene con gli agrumi, e a maggior ragione con lo yuzu. Per quanto se ne utilizzino dosi minime (giusto qualche fogliolina) vale comunque la pena parlare della menta anche dal punto di vista nutrizionale.

Sorbetto allo yuzu

La menta è un’erba aromatica, oltre che un supporto per preparazioni dolciarie e non. Contiene molti antiossidanti, delle sostanze che inibiscono l’azione dei radicali liberi, ottimizzano i processi cellulari e aiutano a prevenire il cancro. L’antiossidante più presente nella menta è il mentolo, responsabile del proverbiale aroma fresco. La menta esercita anche alcune funzioni benefiche, infatti stimola l’attività gastrica, riduce la nausea e riequilibra la flora intestinale. Inoltre attenua l’alitosi e depura l’organismo. Infine apporta ottime dosi di sali minerali, che vanno ben oltre la media degli alimenti di origine vegetale.

Come preparare un sorbetto senza la macchina del gelato

Uno dei pregi del sorbetto allo yuzu è la facilità con cui viene preparato, infatti non richiede la macchina del gelato, ma solo l’utilizzo del freezer. Ovviamente non basta che il composto venga posto nel freezer, ma è necessario prendere alcuni accorgimenti per avere un ottimo sorbetto. Nello specifico vanno rotti ogni ora i cristalli di ghiaccio che si formano man mano, in questo modo si favorisce la formazione di una texture morbida. Mezz’ora prima del servizio, poi, va rimescolato il tutto.

Il primo passo per preparare il sorbetto è di realizzare il composto. Questo è frutto dell’unione di un semplice sciroppo (formato da acqua e zucchero) con la purea di yuzu. La purea a sua volta è frutto di un passaggio al minipimer (o al frullatore) della polpa del frutto, che risulta meno succosa e meno fibrosa rispetto al limone. Quando preparate la purea fate attenzione ai semini, rimuoveteli  accuratamente per non avere sorprese al momento del servizio.

Ricette di sorbetti ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...