Gnocchetti ossolani con ragù di agnello e porcini

gnocchetti ossolani
Commenti: 0 - Stampa

Gnocchetti ossolani con ragù e porcini: un primo della tradizione

Non sapete quale primo piatto preparare per la festa della mamma? Provate ad elaborare gli gnocchetti ossolani con ragù di agnello e lamelle di porcini! Una ricetta cremosa e piena di sapore con una vasta selezione di ingredienti di qualità. Un piatto adatto anche per intolleranti al glutine e al lattosio, perfetto per le celebrazioni in famiglia!

Il segreto di questo piatto è dosare bene gli ingredienti. Si tratta di una pietanza “corale” dove verdure, spezie, carne, porcini e gnocchi creano un mix di sapori deliziosi. Non abbiate fretta di preparare questa ricetta: il ragù ha bisogno di almeno un’ora per essere pronto. Mettetevi alla prova elaborando questi gnocchetti!

La versione piemontese degli gnocchi

Gli gnocchi, specialmente quelli di patate, sono una specialità italiana. Eppure ne esistono tantissime varietà sia in Italia che in altre parti del mondo. In questa ricetta vi proponiamo di elaborare gli gnocchetti ossolani, o all’ossolana, originari della Val d’Ossola, in Piemonte. La ricetta tradizionale prevede l’uso di ingredienti tipici autunnali come le patate, la zucca e le castagne.

gnocchetti ossolaniLa tradizione viene in aiuto agli intolleranti al glutine

Nella ricetta degli gnocchetti ossolani con ragù di agnello e lamelle di porcini vi proponiamo di utilizzare solamente patate, tuorli d’uovo e farina di castagne. Quest’ultimo alimento è alla base di diverse ricette regionali ed è sempre più utilizzata come sostituto della farina di grano da chi soffre di intolleranza al glutine.

La farina di castagne presenta un elevato apporto calorico: per questo motivo, le castagne e la farina omonima furono – soprattutto in passato – un’importantissima fonte di sostentamento per molti popoli, in particolare per gli abitanti di regioni montane particolarmente ostili.Considerato l’elevato valore nutrizionale della castagna – e dei prodotti derivati – questo frutto era noto con il termine “pane dei poveri”. L’utilizzo è attualmente diffuso soprattutto in Toscana ed in Emilia Romagna.

La più nota preparazione dolciaria è senza dubbio il castagnaccio, dolce tipico di queste regioni: alla farina si aggiunge acqua, olio, zucchero e frutta secca (pinoli, uva passa, noci, ecc), ed il tutto è cucinato in forno.

La farina di castagne è impiegata anche per polente che nulla ha da invidiare alla classica polenta realizzata con farina di mais. Curioso è l’impiego di questa farina per la realizzazione della pasta fresca che generalmente è miscelata con altri tipi di farine (in genere, farina di frumento), uova ed acqua.A differenza dalle altre farine ottenute da frutta secca, la farina di castagne presenta un bassissimo contenuto in grassi: a tal proposito, alcuni dietologi consigliano l’impiego della farina di castagne in sostituzione ad altre farine.

Il ragù è una salsa ampiamente utilizzata in tantissime ricette italiane. Ne esistono tantissime varianti, a seconda dalla zona o dalla regione. Gli ingredienti base sono solitamente la salsa di pomodoro e la carne macinata o a pezzi. In questa ricetta vi proponiamo di utilizzare verdure, spezie, pomodorini datterini e carne macinata d’agnello.

La carne di agnello si contraddistingue per un alto numero di proprietà benefiche, che la rendono particolarmente adatta al regime alimentare dei bambini. Uno dei motivi principali riguarda il contenuto di grassi omega 3. Questi lipidi benefici non sono importanti solo per l’efficacia antiossidante – che diventa fondamentale man mano che si va avanti con l’età e si ha la necessità di prevenire lo stress ossidativo – ma aiutano anche a migliorare la memoria e a prevenire gli sbalzi d’umore.

Non c’è che dire: si tratta di elisir di salute speciali, che possiamo includere nel regime alimentare anche con ricette meravigliose come questa.

Per la guarnizione, invece, vi proponiamo di usare i funghi porcini, cucinati rapidamente con aglio, salvia e olio extravergine. Il gusto delicato dei porcini si combinerà alla perfezione con il sapore deciso dell’agnello. Stupite le vostre mamme con questa ricetta tradizionale e gustosissima!

Ecco la ricetta degli Gnocchetti ossolani con ragù di agnello e lamelle di porcini

Ingredienti per 4 persone 

Per il Ragù ingredienti:

  • 200 gr. agnello macinato grosso
  • una carota
  • un gambo di sedano
  • una cipolla
  • uno spicchio d’aglio
  • un rametto di rosmarino
  • un bicchiere di vino bianco
  • 50 ml. di fondo bruno
  • 50 gr. pomodori datterini
  • 30 gr. guanciale stagionato
  • q.b. brodo di carne
  • 15 gr. maizena
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Per gli gnocchetti ingredienti:

  • 4 patate medie
  • 2 tuorli d’uovo
  • 50 gr. farina di castagne senza glutine
  • q.b. sale e pepe

Per la guarnizione:

  • 2 funghi porcini
  • q.b. salvia
  • 1 cucchiaio di olio extra-vergine d’oliva

Preparazione

Lavate e tritate le verdure finemente per poi farle soffriggere fino a che non saranno appassite, quindi aggiungete il guanciale tagliato e continuate la cottura a fuoco basso per qualche minuto.

Aggiungete la carne d’agnello tagliata a dadini e rosolate in padella bagnandola di tanto in tanto con il vino bianco.

Una volta che avrete sfumato l’agnello tagliate i datterini a spicchi per poi cuocerli a loro volta in padella.

Sfumate il tutto con il fondo bruno e quindi aggiungete il brodo e gli aromi. Cuocete il tutto per un ora circa e infine stemperate con la maizena  in poca acqua.

Pulite le patate da ogni traccia di terra e dopodiché cuocetele in abbondante acqua, pelatele e infine passatele con l’apposito passapatate.

Stendete le patate schiacciate su un piano e lasciatele raffreddare per qualche minuto, dopodiché aggiungetevi i quattro tuorli e la farina di castagne mescolando fino a ottenere un impasto omogeneo.

Utilizzate quindi l’impasto così ottenuto per creare degli gnocchi utilizzando il metodo tradizionale facendo attenzione a rigarli con i rebbi di una forchetta

Rimuovete ogni traccia di terra presente sui funghi, tagliate a fette e spadellate velocemente con aglio, salvia e olio extravergine

Cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata, scolateli con una schiumarola quando vengono a  spadellate velocemente con il ragù di agnello.

Sistemate su un piatto e guarnite con i porcini. Servite caldi

5/5 (467 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

madeleine al riso integrale

Madeleine al riso integrale e canihua, variante esotica

Madeleine al riso integrale, dolce perfetto per la Festa della Mamma Le madeleine al riso integrale e semi di canihua sono un’idea perfetta per la Festa della Mamma. Sono infatti dei dolcetti...

drip cake ai lamponi

Drip cake ai lamponi, una torta per la...

Drip cake ai lamponi e pistacchi per una giornata speciale La drip cake ai lamponi e pistacchi è un dolce delizioso e dal grande impatto visivo, equilibrato nel gusto e coloratissimo. E’...

Semifreddo allo Skyr e pere

Semifreddo allo Skyr e pere per la Festa...

Semifreddo allo Skyr e pere caramellate, raffinato Il semifreddo allo Skyr e pere caramellate è un dolce di alta classe, che non vi farà rimpiangere i prodotti da pasticceria. L’impatto visivo...

Ciambella profumata alle fragole

Ciambella profumata alle fragole per la Mamma

Ciambella profumata alle fragole, un tripudio di colori e sapori La ciambella profumata alle fragole con glassa rosa è un “signor” dolce buono da gustare e bello da vedere, ricco di ingredienti...

Torta con fragole e sciroppo

Torta con fragole e sciroppo di agave, per...

Torta con fragole e sciroppo di agave per la Festa della Mamma La torta con fragole e sciroppo di agave in pasta di zucchero è un dolce davvero speciale, che coniuga un gusto pieno con un impatto...

Straccetti di vitello

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, piatto...

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, un secondo delicato e originale Gli straccetti di vitello con salsa alle fragole sono un secondo molto particolare come potete vedere dalla foto. Un...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti