Cocktail Gimlet l’aperitivo beverino che non si scorda!

Storia e ricetta del cocktail dal potere rinfrescante!

State cercando la ricetta del Gimlet, cocktail fresco da sorseggiare anche in autunno? Ottimo, l’avete trovata. Oggi, infatti, vi propongo questa novità tutta da assaporare. Grazie alla perfetta combinazione tra i diversi ingredienti – gin, succo di lime, sciroppo di zucchero – potrete gustare un drink dal carattere distintivo, di quelli che si lasciano ricordare molto a lungo.

Beverino, “vivace”, penetrante: ecco cosa caratterizza il Gimlet che scopriremo a breve, accennando anche alle sue origini storiche. Dovete sapere che, come capita normalmente, questo cocktail prende il nome dal suo creatore, Sir Thomas Desmond Gimlette, un ufficiale medico imbarcatosi sulla Royal Navy nel 1879.

Proprio nello stesso periodo, il regolamento della marina britannica diede disposizioni sulle razioni di succo di lime che ogni nave mercantile doveva stoccare per l’equipaggio al fine di combattere lo scorbuto, una malattia letale per i marinai causata dalla mancanza di vitamina C. Anche il gin si era diffuso nelle navi della Royal Navy grazie al suo potere medicamentoso, grazie alle sue proprietà diuretiche. Nacque così il mix perfetto.

Il gin del Gimlet e la marina militare britannica

Volete sapere quale fu l’etichetta di gin utilizzata da sir Gimlette agli esordi per preparare il Gimlet? Il Plymouth Navy Stength. Questa etichetta di gin celebra già nel nome la lunga collaborazione che la distilleria Black Friars aveva stretto con la marina militare britannica.

cocktail GIMLET ver al cl 1 683x1024 Cocktail Gimlet  l’aperitivo beverino che non si scorda!

Sull’etichetta di ogni Plymouth c’è la Mayflower, leggendaria nave dei Pilgrim Fathers (i primi coloni nordamericani), che partirono proprio da Plymouth, per sbarcare nel Massachussets, dove battezzarono la loro terra promessa appunto Plymouth.

Le proprietà del lime, grande protagonista del cocktail Gimlet

Il lime è il cugino del più comune limone, ma a differenza di quest’ultimo cresce più facilmente in paesi con un clima tropicale, per questo è l’unica pianta del suo genere che è poco coltivata nel Mediterraneo. Come tutti gli agrumi contiene sali minerali, in particolar modo potassio, magnesio e molta vitamina C, che ha poteri antiossidanti e potenzia le difese immunitarie.

Naturale antiacido gastrico, il lime, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, dato il suo sapore, favorisce infatti la digestione e ha proprietà diuretiche e antibatteriche. Per i più curiosi: le sue foglie e la buccia contengono essenze aromatiche e oli essenziali che sono molto sfruttati in profumeria ed erboristeria.

Ed ecco la ricetta del cocktail Gimlet:

Ingredienti:

  • 6 cl di gin
  • 1,5 cl di succo di lime
  • 1,5 cl di sciroppo di zucchero
  • q.b. ghiaccio
  • due spicchi di lime
  • un rametto di rosmarino

La preparazione del cocktail Gimlet:

Riempite una coppetta con del ghiaccio per raffreddarla.

Spremete un lime e filtratene il succo.

Riempite uno shaker con altro ghiaccio, versate tutti gli ingredienti e agitate per 12 secondi.

Buttate il ghiaccio dal bicchiere e versate il Gimlet, filtrando.

Guarnite con due spicchi di lime e del rosmarino e servite.

Buon drink!

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

printfriendly pdf button nobg md Cocktail Gimlet  l’aperitivo beverino che non si scorda!

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *