bg header
logo_print

Sciroppo di mirtilli neri, ideale per bevande e dolci

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Sciroppo di mirtilli
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Oggi per voi il il versatile e delizioso sciroppo di mirtilli, perfetto per chi è celiaco o sensibile al glutine, intollerante al lattosio, nonché per vegetariani e vegani. Questo sciroppo naturale offre un’alternativa gustosa e sicura, adatta a molteplici esigenze alimentari.

Lo sciroppo di mirtilli non è solo un’opzione dolce e rinfrescante, ma anche un ingrediente ideale per chi segue diete specifiche. Senza glutine, lattosio e completamente vegetale, si adatta perfettamente a un’ampia gamma di stili alimentari. Che siate alla ricerca di un dolcificante naturale per le vostre bevande o di un ingrediente speciale per arricchire i vostri piatti, lo sciroppo di mirtilli è la scelta perfetta.

Esploreremo insieme tutti i benefici dello sciroppo di mirtilli, fornendo informazioni dettagliate su come può essere un alleato nella vostra dieta quotidiana. Approfondiremo le sue proprietà nutrizionali ei modi in cui può contribuire a una dieta equilibrata e gustosa.

Invitiamo tutti gli appassionati di cucina, i sostenitori di uno stile di vita salutare, e chiunque sia alla ricerca di dolci e naturali alternativi, a unirsi a noi in questa esplorazione dello sciroppo di mirtilli. Condividi le tue esperienze, le tue ricette e scopri nuove modalità per includere questo meraviglioso ingrediente nella tua cucina.

 

Ricetta sciroppo di mirtilli neri

Preparazione sciroppo di mirtilli neri

Per preparare lo sciroppo di mirtilli neri dovrete, per prima cosa, selezionare per bene i frutti. I mirtilli migliori sono quelli freschi, duri e abbastanza carnosi. Lavate per bene i mirtilli, rimuovete i piccioli (se presenti) e asciugateli con un canovaccio pulito. Poi inseriteli nel mixer e frullateli per bene con lo zucchero e il succo di limone. Quando il composto è diventato liquido e abbastanza denso, filtratelo attraverso un colino a maglie strette, facendo cadere il liquido dentro un contenitore o una bottiglia di vetro. Una volta riempito il contenitore, sigillatelo, agitatelo per bene e fatelo riposare in frigo per almeno 24 ore.

Trascorso questo lasso di tempo, durante il quale il liquido sarà fermentato, ponetelo in una pentola e fatelo bollire, poi continuate la cottura per altri 5 minuti. A questo punto, se intendete aromatizzare lo sciroppo potete aggiungere mezza bacca di vaniglia o pochi semi di anice stellato. Infine, fate raffreddare lo sciroppo e filtratelo ancora. Ora ponetelo dentro i contenitori ermetici e lasciatelo in frigo fino a quando non lo utilizzerete. Se desiderate una texture più morbida, prima di cuocere il liquido passatelo nuovamente nel mixer. Questo delizioso sciroppo può essere consumato subito abbinato ai pancakes e a dolci o torte fatti in casa.

Ingredienti sciroppo di mirtilli neri

  • 500 gr. di mirtilli
  • 400 gr. di zucchero semolato
  • 200 ml. di acqua naturale
  • succo di mezzo limone
  • q. b. di semi di anice stellato
  • mezza bacca di vaniglia.

Lo sciroppo di mirtilli neri: Una versatile delizia in cucina

Lo sciroppo di mirtilli neri si distingue nel panorama degli sciroppi per la sua semplicità di preparazione e il gusto unico. Questo sciroppo, sebbene possa sembrare simile ad altri, ha un processo di realizzazione particolare che ne esalta il sapore e le proprietà. La preparazione inizia frullando i mirtilli neri con zucchero e succo di limone, un mix che già da solo promette un sapore intenso e ricco.

Dopo la frullatura, i mirtilli vengono filtrati e poi cotti. Questo passaggio è cruciale per ottenere la consistenza desiderata dello sciroppo. La fase successiva è quella più insolita: una sorta di fermentazione in frigorifero, in contenitori ermeticamente chiusi. Questo processo aiuta a intensificare il sapore ea preservare le qualità naturali dei mirtilli. Infine, un ulteriore filtraggio assicura la purezza e la limpidezza dello sciroppo.

Lo sciroppo di mirtilli neri è estremamente versatile in cucina. Il suo gusto leggermente acidulo lo rende perfetto per una varietà di utilizzi. Uno dei più comuni è come base per bevande rinfrescanti: aggiunto a dell’acqua ghiacciata, crea una bevanda estiva deliziosa e dissetante. Ma le sue applicazioni vanno ben oltre.

Questo sciroppo può essere un ingrediente prezioso in pasticceria, per la preparazione di torte, biscotti e altri dolci. La sua capacità di integrarsi negli impasti lo rende un sostituto ideale allo sciroppo d’acero, specialmente per piatti come i pancake. La sua presenza arricchisce ogni ricetta con un tocco di frutti di bosco, rendendo ogni piatto più intrigante e saporito.

Anche se lo sciroppo di mirtillo rosso è un’alternativa simile, il mirtillo nero è più facilmente reperibile e offre un gusto distintivo. La sua preparazione, inoltre, è più accessibile, permettendo a tutti di sperimentare e gustare questo sciroppo unico.

Lo sciroppo di mirtilli neri è un ingrediente che merita di essere scoperto e utilizzato in cucina. Che sia per una bevanda rinfrescante, per arricchire i dolci o come tocco creativo in varie ricette, questo sciroppo porta con sé il sapore intenso e autentico dei frutti di bosco, aggiungendo una nota speciale a qualsiasi piatto.

Un focus sui mirtilli

Vale la pena parlare dei mirtilli, che rappresentano l’ingrediente principale di questo sciroppo. Possono essere rossi o neri. Prima di cominciare, fate attenzione a come scegliete i mirtilli. Questi frutti dovrebbero essere estremamente freschi, in quanto sottoposti a fermentazione. Inoltre, devono essere anche duri e carnosi, in quanto sottoposti a filtraggi multipli.

Per quanto concerne il frutto in sé, il mirtillo fa parte della categoria dei frutti di bosco, sebbene sia possibile coltivarlo in un semplice orto. Esistono svariate tipologie di mirtilli, ma il più mangereccio è il mirtillo nero. Esso spicca per le capacità diuretiche e per l’abbondanza di alcune sostanze che sono responsabili della particolarità tonalità del frutto.

Il mirtillo, inoltre, esercita proprietà benefiche sull’organismo, in quanto aiuta a prevenire il cancro. Purtroppo, poter preparare lo sciroppo di mirtilli rossi è difficile in quanto si fatica a trovare la materia prima.

Sciroppo di mirtilli

Sto parlando delle antocianine che, per inciso, sono presenti in quasi tutti gli alimenti vegetali rosso-violacei, come il radicchio, le melanzane, le carote viola e la barbabietola.

Per il resto, i mirtilli sono ricchi di vitamine e sali minerali. Si segnalano buone quantità di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario e accresce le difese dell’organismo contro batteri, virus, funghi e parassiti. Ottimo anche l’apporto di vitamina A, che fa bene alla vista e non solo.

Il succo di mirtilli abbonda anche di potassio, che supporta l’organismo in molte attività, in particolare quelle connesse alla circolazione del sangue. Stesso discorso per il calcio, che fa bene ai denti e alle ossa.

Per quanto concerne l’apporto calorico il mirtillo non desta alcuna preoccupazione, infatti si attesta sulle 40 kcal per 100 grammi. Il sapore è sia dolce che acidulo, a seconda del grado di maturazione e della varietà.

Zucchero e limone, due ingredienti essenziali

Gli altri ingredienti della ricetta sciroppo mirtillo nero sono lo zucchero e il limone. Sono entrambi fondamentali, sia per una questione di gusto che per esigenze funzionali. Lo zucchero garantisce dolcezza, essenziale in uno sciroppo, ed è in grado di contrastare l’intensità che il mirtillo assume a livello di sapore a causa dei filtraggi e delle riduzioni.

Il limone, invece, contribuisce a bilanciare i vari sentori e supporta il composto nelle fasi di riposo, durante le quali si instaura una sorta di fermentazione. Il succo di limone, poi, apporta un certo numero di nutrienti, come acidi benefici e la già citata vitamina C.

Per quanto concerne lo zucchero, una domanda sorge spontanea: quale tipo di zucchero scegliere? In commercio c’è solo l’imbarazzo della scelta, tra zucchero bianco e bruno, tra semolato, fine ed extrafine.

Ebbene, il consiglio è di  optare per lo zucchero bianco semolato. E’ sconsigliabile, infatti, lo zucchero bruno in quanto conferirebbe sentori di caramello, dovuti ai residui di melassa, non del tutto compatibili con il sapore del mirtillo. Inoltre, lo zucchero semolato si “scioglie” meglio e si amalgama più efficacemente con gli altri ingredienti.

Vi consiglio, infine, di rispettate le dosi per non incorrere in un gusto non troppo equilibrato. Basta un piccolo errore e lo sciroppo risulterà sbilanciato e quindi poco gradevole.

Ricette con mirtilli ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Latte e menta

Latte e menta, la bevanda che rinfresca e...

Quando bere il latte e menta? Il latte e menta è una bevanda semplice da realizzare che può essere bevuta in ogni occasione, basta mescolare tra di loro gli ingredienti e il gioco è fatto....

Sex on the beach

Sex on the beach, la ricetta del famoso...

Sex on the beach, ecco gli ingredienti Come si fa il sex on the beach? Da quali ingredienti è composto? Semplicemente si tratta di un mix tra vodka, vodka alla pesca, succo di arancia e succo di...

Frappè al caffè con latte condensato

Frappè al caffè con latte condensato per un...

Un doveroso approfondimento sul latte condensato Vale la pena parlare del latte condensato, che è l’alimento più insolito di questo frappè di caffè. Il latte condensato è semplicemente latte...