Aceto di mirtilli ottimo per condire le vostre insalate

Aceto di mirtilli
Commenti: 0 - Stampa

L’aceto ha un suo perchè!

Oggi si chiamano aceto quasi tutti i liquidi agri, con l’aggiunta d’un aggettivo determinativo: aceto di vino, aceto di malto, aceto di sidro e così via. L’aceto si adopera da almeno cinquemila anni, forse molti di più, dato che nasce da un processo assolutamente naturale. Nell’aria vi sono sempre dei fermenti per cui in condizioni naturali un liquido che contenga qualsiasi tipo di zucchero fermenta quando si forma l’alcool. Una volta formatosi l’alcool – se il liquido non viene tappato ermeticamente – i batteri prendono il sopravvento e ossidano l’alcool in acido acetico. Il risultato è quel liquido agro che si chiama aceto. Nell’ossidare l’alcool i batteri adoperano l’ossigeno ed è per questo che l’aceto si forma soltanto dal vino non chiuso ermeticamente, ma esposto all’aria.

Se l’aceto si lascia stappato, l’acido acetico, a sua volta, viene attaccato da microrganismi e si decompone, a meno che la concentrazione dell’acido non superi una certa misura. Proprio come gli alcool o i vini in cui è stata aumentata l’alcolicità non inacidiscono, cosi anche gli aceti rafforzati artificialmente non si deteriorano. Questo invece accade nell’aceto diluito, per cui quando si mettono sotto aceto verdure acquose bisogna sincerarsi d’avere un aceto veramente forte, oppure estrarre una certa quantità d’acqua dalle verdure.

Nell’aceto la forza dell’acido acetico può variare considerevolmente. L’aceto di vino è quello più forte di per sé, con circa il 6 e mezzo per cento d’acido acetico; l’aceto di malto e quello di sidro sono meno forti, con una percentuale d’acido che va dal 4 al 5 per cento. Gli aceti distillati in cui l’alcolicità è aumentata artificialmente possono d’altra parte arrivare al 12 per cento circa.

Anche se l’aceto, oltre ad essere agro, ha un certo aroma, il sapore speciale delle buone qualità è dovuto a piccole quantità d’altre sostanze, in gran parte esteri volatili che hanno aromi di frutta o altri. Tali sostanze sono presenti anche nel vino ( o malto o sidro) dal quale è derivato l’aceto: quindi un buon aceto deve esser fatto con un buon vino. La scelta di un buon aceto – specialmente per le insalate o come ingrediente in salse delicate – è importantissima e spesso non le si dà sufficiente importanza.

Oggi conosciamo l’aceto di mirtilli

Oggi impariamo a conoscere l’Aceto di mirtilli ottimo per condire le vostre insalate. I mirtilli sono un frutto ricco di proprietà, antiossidanti in particolare, che non potete non inserire nella vostra dieta. Mangiateli così oppure fate l’aceto di mirtilli, di cui avrete la ricetta. Ma prima diamo un’occhiata ai benefici.Benefici

I mirtilli sono pieni di benefici e sostanze nutritive importanti per la salute:

  • Antiossidanti
  • Zucchero nel sangue
  • Salute del cervello
  • Prevenzione del cancro
  • Cuore sano.

Sono in cima alla lista per quanto riguarda i cibi che contengono antiossidanti. Gli antiossidanti contribuiscono a uno stato di salute generale perché combattono gli effetti dello stress ossidativo, che produce radicali liberi e porta a malattie croniche come cardiopatie e molti tipi di tumore. Per quanto riguarda lo zucchero nel sangue, i mirtilli hanno un indice glicemico basso.

Aceto di mirtilli: un’alternativa in cucina

Ciò vuol dire che non pesano sul livello di zucchero nel sangue e in più lo regolano. Inoltre contengono fibre, che a loro volta aiutano in questo senso. Un altro beneficio è che consumare mirtilli, ricchi di flavonoidi, aiuta il cervello a restare in salute: ritarda infatti la degenerazione della memoria negli anziani. Per via del contenuto di fibre, aiutano a prevenire il cancro nell’apparato digestivo.

Per giunta, hanno antiossidanti e altri nutrienti, come la vitamina C, che prevengono altri tipi di tumore. Infine riducono i livelli di colesterolo LDL, quello cattivo, nel sangue, perciò mantengono il cuore sano. Livelli alti di colesterolo possono provocare cardiopatie, infarti e aterosclerosi.

Un modo per aggiungere questo frutto nella vostra dieta è l’aceto di mirtilli. È buono nelle marinate e nell’insalata.

Ingredienti:

  • 2/3 tazze di mirtilli tritati, freschi o surgelati
  • 2 tazze di aceto di vino bianco di qualità

Preparazione

Mettete i mirtilli e l’aceto in un barattolo. Se usate un contenitore ermetico, posizionate il rivestimento di plastica sull’apertura, poi il coperchio di metallo e avvitate il tappo. In questo modo eviterete che l’aceto entri a contatto con il metallo. Agitate il barattolo e mettetelo da una parte a macerare. Continuate ad agitarlo una volta al giorno per 3 giorni. Filtrate dopo 3 giorni e poi versatelo in una bottiglia adatta a conservarlo. Come abbiamo già detto, potete usarlo in tutto ciò che richiede l’aceto, come le insalate, le marinate e anche in rimedi a base di erbe.

Oltre all’aceto di mirtilli potete preparare una vinaigrette di mirtilli che è squisita da usare nell’insalata. Vediamo cosa serve e come si prepara.

Ingredienti:

  • 3 cucchiai di olio d’oliva
  • 2 cucchiaini di prezzemolo fresco a pezzi
  • 2 cucchiaini di cipolla tritata
  • ¼ cucchiaino di scorza d’arancia o limone grattugiata
  • Sale e pepe a scelta
  • ¼ tazza di aceto di mirtilli.

Preparazione

Mettete gli ingredienti in un barattolo o una bottiglietta con il coperchio e agitatela per mescolarli. È buonissima anche solo con aceto e olio senza aggiungere le spezie. Potete aumentare o diminuire la quantità d’olio in base ai vostri gusti. Oppure toglierlo del tutto se vi piace anche così.

In sostanza, i mirtilli sono un frutto fenomenale per la nostra salute. Cercate di aggiungerli alla routine alimentare, provando anche l’aceto di mirtilli. Sono davvero saporiti e in più godrete di tutti i loro benefici.

5/5 (361 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Salsa verde per bollito

Salsa verde per bollito, un condimento rustico e...

Salsa verde per bollito, gli utilizzi in cucina La salsa verde per bollito di carne è un condimento presente in molti paesi e che indica un insieme di preparazioni, più che una ricetta in...

Passata di pomodoro

Passata di pomodoro per intolleranti al nichel

La passata di pomodoro, il simbolo della cucina italiana La passata di pomodoro è un po’ il simbolo della cucina italiana. E’ l’intingolo perfetto per gusto, impatto visivo, leggerezza e...

Salsa al mango

Salsa al mango, un intingolo perfetto per ogni...

Come si consuma il salsa al mango? La salsa al mango per accompagnare i vostri piatti. Certo diversa dal solito, anche perché gioca sull’agrodolce e propone, accanto ai sentori forti della salsa...

Dressing con fiori di camomilla

Dressing alla camomilla, una salsina multiuso

Dressing alla camomilla , un condimento originale Il dressing alla camomilla è un salsina molto particolare, che si caratterizza per un sapore tra l’aromatico, il salato e il dolciastro. In un...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


24-03-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti