bg header
logo_print

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Vellutata di finocchi e gamberi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 10 min
cottura
Cottura: 00 ore 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico

La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture estremamente morbida, ma anche per un impatto visivo gradevole, frutto di abbinamenti cromatici suggestivi. La vellutata è davvero buona, e non potrebbe essere altrimenti vista la lista degli ingredienti e la genuinità del metodo di cottura, che non altera i sapori ma li valorizza. Tra i sapori che emergono maggiormente troviamo i gamberi. Essi sono apprezzati per la loro portata organolettica e per una delicatezza di fondo, caratteristiche che li rendono particolarmente indicati per una ricetta come questa.

Ricetta vellutata di finocchi e gamberi

Preparazione vellutata di finocchi e gamberi

Per la preparazione della vellutata di finocchi e gamberi iniziate lavando i finocchi, poi mondateli e fateli bollire per 5 minuti in acqua leggermente salata. Ora pelate le patate e lessatele. Intanto riscaldate un po’ di olio in una padella, imbionditeci l’aglio e cuoceteci le code di gambero ben sgusciate e pulite. Mi raccomando di togliere il filo nero sul dorso. Fate cuocere per 3 minuti circa, poi spegnete il fuoco, prelevate i gamberi e tenete da parte.

In un’altra padella fate riscaldare un altro po’ di olio, imbiondite la cipolla e rosolateci i finocchi tagliati a pezzi. Poi unite la panna, le patate (lessate e fatte a pezzi) e regolate di sale e un po’ di pepe. Aggiungete 8 code di gambero e cuocete così per 5 minuti circa. Trasferite il contenuto della padella nel mixer e frullate la vellutata accuratamente fino ad ottenere una vellutata cremosa e omogenea. Se vedete che il composto è troppo denso, unite del brodo. Servite guarnendo ogni piatto con una coda gambero e qualche foglia di maggiorana.

Ingredienti vellutata di finocchi e gamberi

  • 3 finocchi
  • 2 patate
  • 1 bicchiere di panna consentita
  • 1 cipolla
  • 12 code di gambero
  • 2 mestoli di brodo vegetale
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale e di pepe
  • qualche fogliolina di maggiorana.

La vellutata di finocchi e gamberi  non è solo una questione di dosi, infatti le verdure oculatamente scelte completa al meglio il piatto. Ad ogni modo i gamberi si fanno notare anche per le ottime proprietà nutrizionali. L’apporto calorico è minimo, pari a 70 kcal per 100 grammi. Inoltre sono quasi del tutto privi di grassi, e quelli contenuti esercitano un impatto positivo sull’organismo. Il riferimento è agli acidi grassi omega tre, che giovano alla salute dell’apparato cardiocircolatorio, della vista e del sistema nervoso centrale. Si segnala anche una certa concentrazione di sali minerali, e in particolare di fosforo, utile a potenziare le capacità cognitive. In occasione di questa ricetta, i gamberi vanno sgusciati e lessati, dopodichè vengono passati in padella insieme agli altri ingredienti. Infine, il tutto viene frullato in modo da ottenere una morbida vellutata.

Gli insospettabili benefici dei finocchi

Anche i finocchi ricoprono un ruolo importante in questa vellutata di finocchi e gamberi. Infatti, con il loro sapore quasi neutro e allo stesso tempo aromatico, sostengono quello più lineare dei gamberi, agendo quasi come se fossero una spezia. Nello specifico di questa ricetta, i finocchi vengono lessati brevemente e passati in padella insieme ai gamberi e alle patate. Dei finocchi non si apprezza solo il sapore ma anche le loro proprietà nutrizionali.

Vellutata di finocchi e gamberi

Anzi, da questo punto di vista vanno posti tra i migliori alimenti di origine vegetale.  In primis sono davvero ipocalorici, infatti un etto di finocchi apporta solo 30 kcal. In secondo luogo rappresentano una straordinaria fonte di sali minerali, il riferimento è soprattutto al calcio, presente con 45 mg ogni 100 grammi. Si segnalano anche dosi eccellenti di ferro, potassio, fosforo, zinco e selenio. Buono è, inoltre, il quantitativo di vitamina A, vitamina C e il contenuto di fibre, che agevolano la digestione. Dei finocchi si apprezzano anche le proprietà carminative e diuretiche, determinate dalla presenza abbondantissima di acqua.

Quali patate scegliere per questa vellutata?

Le patate giocano un ruolo fondamentale nella vellutata di finocchi e gamberi. Nello specifico, conferiscono corpo dal punto di vista organolettico e una certa cremosità, garantita dall’abbondante presenza di amido. Tuttavia, quali patate è opportuno utilizzare? In realtà avete ampio margine di discrezione in merito. Le varietà si distinguono per il sapore, alcune sono più decise altre più morbide, e per la consistenza. Certo, in questo caso le patate vanno frullate, dunque questo criterio potrebbe essere messo in secondo piano. Tuttavia, vi consiglio di optare per delle patate farinose, che si sfaldano facilmente. In questo caso, a prescindere dall’obbligatorio passaggio nel mixer, la vellutata risulterà più uniforme.

Tale risultato difficilmente può essere raggiunto con le patate a pasta gialla, che risultano più sode e compatte. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, non si segnalano grosse differenze. Tutte le patate contengono parecchi carboidrati, oltre a dosi soddisfacenti di vitamine (in particolare la vitamina A e la C) e sali minerali.

Ricette con finocchi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...

Pici con le briciole

Pici con le briciole, il primo rustico della...

I differenti tipi di pici I pici con le briciole sono il simbolo della genuinità e dell’autenticità della cucina toscana, sono realizzati con farina, acqua e sale. L’impasto viene poi tirato a...