Crema di finocchi e salmone per la cena

Crema di finocchi e salmone
Commenti: 2 - Stampa

Una fantastica crema di finocchi e salmone in tavola!

Questa crema di finocchi e salmone è una ricetta alternativa, come direbbe mia nipote: semplice ed economica, ha un gusto delicato e una presentazione raffinata. È una ricetta dalla preparazione veloce e, non appena la crema sarà pronta, potrete godere di tutti i benefici depurativi e salutari del finocchio, delle proteine e degli omega 3 del salmone e dei carboidrati delle patate.

Insomma, avrete tra le mani una pietanza ricca e da far provare a tutta la famiglia! Ma ecco tante altre buone ragioni per assaporare questa delizia…

Nutrimento e gusto a volontà!

Il finocchio è un ortaggio con un basso contenuto calorico, con un alto potere saziante ed è da sempre conosciuto anche per i suoi effetti benefici. È un digestivo naturale, allevia le coliche e i dolori intestinali, aiuta a prevenire (e in alcuni casi può curare) la pressione arteriosa alta, seda la tosse e può perfino regolare i livelli ormonali durante la menopausa! Offre una buona quantità di proteine vegetali, ma soprattutto di fibre.

Per quanto riguarda i minerali, questo ortaggio regala ad ogni piatto di crema di finocchi e salmone notevoli livelli di potassio, ferro, fosforo, zinco, magnesio, manganese, calcio e selenio, ma anche di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6 e C. È utile sapere che i finocchi vantano proprietà antiossidanti, depurative (utili in particolare nei confronti del sangue e del fegato) antinfiammatorie, antianemiche, chemio-protettive e antitumorali.

Crema di finocchi e salmone

Secondo gli studi, abbiamo a che fare con un alimento perfetto per favorire e incrementare la produzione del latte materno delle neo mamme e con un alleato fantastico per la salute e per il corretto funzionamento del cuore, del cervello, degli occhi, della pelle e del sistema immunitario.

L’altro ingrediente della crema di finocchi e salmone

D’altra parte, troviamo il salmone, che si impegna invece per conferire al pasto una buona dose di proteine di alto valore biologico, omega 3, vitamina PP, vitamina B12 e un’ulteriore quantità di vitamina A, B1 e B6, selenio e fosforo. Anche questo delizioso pesce ha tante peculiarità che vanno ben oltre il sapore! È ad esempio ottimo per contrastare l’ipercolesterolemia e proteggere il cuore, per favorire il benessere del sistema nervoso e di quello cardiovascolare. Rinforza le ossa e stimola le funzioni celebrali…

In pratica, la crema di finocchi e salmone non ci delude da nessun punto di vista e il suo valore nutrizionale e terapeutico può aumentare ulteriormente grazie ad altri interessanti ingredienti come le patate, le cipolle, il latte vegetale, lo yogurt greco e gli scalogni!

I finocchi sono tra le verdure consentite per chi è intollerante al nichel. Io mi preparo questa deliziosa ricetta nei giorni di dieta libera e a rotazione. Non ho mai amato questa verdura ma da quando sono costretta dalla mia intolleranza ho imparato a cucinarla in maniera differente e devo dire che comincio sempre di più ad apprezzarla. Voi che ne pensate?

Ecco la ricetta della Crema di finocchi e salmone

Ingredienti per 4 persone

  • 600 gr. di patate
  • due finocchi
  • 2 cipolle
  • 2 dl di latte intero consentito
  • 100 gr. di yogurt greco delattosato
  • 4 fette di salmone affumicato
  • 4 scalogni
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 rametto di aneto
  • 30 gr. di burro chiarificato
  • q.b. sale e pepe

Preparazione:

Mondate gli scalogni e affettateli sottilmente. Fateli appassire in un tegame in cui avrete sciolto 20 gr.di burro, per 5-6 minuti a fiamma media; aggiungete lo zucchero, fate caramellare e tenete in caldo. Lavate e pelate le patate; riducetele a tocchetti di piccole dimensioni e cuocetele al vapore per 25 minuti.

Nel frattempo mondate e lavate il finocchio e sbucciate le cipolle; tagliate entrambi gli ingredienti a pezzetti e poneteli in una casseruola con 10 g di burro, un mestolo di acqua bollente e una presa di sale. Lasciate stufare per 20 minuti a fiamma bassa e recipiente coperto.

Frullate nel mixer le cipolle con il finocchio, il latte, lo yogurt, un pizzico di sale e una macinata di pepe, in modo da ottenere una crema omogenea. Passate le patate allo schiacciapatate, raccogliendo la purea in una ciotola; unite il composto frullato versandolo a filo e mescolando continuamente con una frusta.

Versate nei piatti condendo con una macinata di pepe fresco, un filo d’olio a crudo e  cospargete con l’aneto tritato, decorate con un ciuffetto di aneto intero e servite.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Crema di finocchi e salmone per la cena

  • Lun 19 Lug 2021 | Marcello ha detto:

    Ieri sera ho preparato questa ricetta. L’ho lasciata intiepidire e ne ho mangiati due piatti. Favolosa.

    • Lun 19 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Marcello mi sembra un ottimo compromesso. D’inverno calda e d’estate tiepida. Bravo

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-04-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti