Il kebab, una versione casalinga senza glutine e senza lattosio

kebab

Come preparare il kebab in casa

La ricetta di oggi può essere considerata come una specie di panino kebab fatto in casa a base di carne. Molti storceranno il naso di fronte a questa espressione, dal momento che – come tutti sanno – per preparare il kebab è necessario uno specifico macchinario. Ciò non toglie che si possano trovare metodi più domestici per replicare il celebre piatto turco da street food. E’ quanto accade in questa ricetta, infatti la carne viene tagliata a striscioline e grigliata in padella. Viene poi condita secondo i principi del döner kebab , ovvero con una salsa allo yogurt, i cetrioli e le cipolle. Il risultato è un pasto completo e molto buono, che richiama il sapore della ricetta originale. E’ anche più salutare, dal momento che la lista degli ingredienti prevede il pollo, da sostituire in alternativa con il tacchino o la carne di agnello. Si tratta di una carne digeribile e poco grassa, ricca di proteine, vitamine e sali minerali.

Per quanto riguarda il pane, vi consiglio di utilizzare il pane arabo. Questo tipo di pane non condivide con il kebab l’origine geografica, essendo consumato soprattutto in Medio Oriente e nel Nord Africa, ma si sposa molto bene con la carne, le verdure e le salsine agrodolci. Una delle peculiarità del pane arabo è la leggerezza, determinata da un tempo di lievitazione piuttosto breve. La cottura avviene in genere nella piastra, ma per una texture più croccante potete utilizzare il classico forno. Inoltre, qui potete trovare un pane arabo senza glutine, realizzato con un mix di farina adatta ai celiaci. Ovviamente, potete sostituire il pane arabo con la classica piadina, o con il pane nostrano. In quest’ultimo caso, scegliete un formato adatto ai companatici, in quanto il ripieno è molto ricco.

Yogurt greco o Skyr?

Non esiste un panino kebab senza una salsa allo yogurt, e questa versione non è da meno. In questo caso, però, la salsina è realizzata con una tipologia di yogurt particolare: lo Skyr. Lo Skyr è in realtà un formaggio, visto che si prepara con il caglio. Tutto il resto, però, richiama allo yogurt: il gusto, la consistenza e le proprietà nutrizionali. Lo Skyr è solo un po’ più neutro e meno acidulo, inoltre è di origine islandese. Per questa ricetta vi consiglio di utilizzare lo Skyr al naturale di Exquisa, che si fa apprezzare per la fedeltà all’originale, ma anche per alcuni cambiamenti minimi in grado di adattare al meglio il prodotto alla nostra sensibilità mediterranea.

kebab

Preparare la salsina del kebab è molto semplice, infatti basta arricchire lo Skyr con lo zenzero, la paprika, il sale, il succo di limone e l’olio. Mi raccomando, mescolate bene in quanto la salsa deve risultare molto liscia e omogenea. All’occorrenza potete aggiungere altre spezie, facendo attenzione agli abbinamenti in quanto lo Skyr tende a farsi coprire dagli altri ingredienti.

Quali verdure usare per questo kebab?

Il kebab fatto in casa che vi presento oggi si affida molto alle verdure. Lo fa, però, in una prospettiva equilibrata e senza esagerare. La lista degli ingredienti, infatti, comprende una parte di verdure a foglia verde, come il songino e la rucola, ma anche il cetriolo, le zucchine e la cipolla. I sapori si amalgamano tra di loro in quanto vi è la giusta componente di acidità (il cetriolo), vi sono i sentori pungenti e dolci (la cipolla) e un tocco aromatico dato dalla rucola e dal songino. In un certo senso, la verdure trasformano il panino kebab in un pasto completo. Il kebab è un po’ grasso, non c’è dubbio, ma apporta anche tanti nutrienti.

Tutte le verdure che compongono la ricetta sono ricche di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario. Allo stesso modo, contengono molto potassio, che interviene in molti processi dell’organismo, soprattutto sulla circolazione. Alcune, poi, contengono sostanze antiossidanti, che riducono gli effetti dei radicali liberi. Rucola, songino, cetrioli, zucchine e cipolle, concorrono a migliorare anche l’aspetto di questa ricetta. Il kebab, infatti, ha un gradevole impatto visivo grazie al caleidoscopio di colori che le verdure creano.

Ecco la ricetta del kebab casalingo:

Ingredienti:

  • 4 pezzi di pane arabo (vedi ricetta su Nonnapaperina.it),
  • 350 gr. di petto di pollo o tacchino,
  • 125 gr. di Skyr al naturale di Exquisa,
  • succo di 1 limone,
  • 2 zucchine,
  • qualche foglia di radicchio e songino,
  • 1 cetriolo,
  • q. b. di sale,
  • 1 cipolla,
  • q. b. di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di paprika dolce e zenzero.

Preparazione:

Per preparare il kebab casalingo partite dai condimenti. In una ciotola trasferite lo Skyr, lo zenzero, la paprika e il sale. Mescolate rapidamente e integrate il succo di limone. Infine, versate l’olio poco per volta e mescolate energicamente fino a quando la salsa sarà omogenea. Ora occupatevi della carne di pollo. Fatela a listarelle sottili e trasferitela in una ciotola. Condite i pezzi di carne con del succo di limone, un altro po’ di zenzero, paprika, un po’ di sale e mescolate con cura. Trasferite il pollo in una padella o in una piastra (meglio se nichel-free), facendo in modo che gli straccetti non si tocchino. Accendete la fiamma media e cuocete per pochi minuti.

Mettete da parte il pollo e sulla medesima padella (o piastra) grigliate le zucchine e la cipolla. Mi raccomando, sia le zucchine che le cipolle devono essere ridotte a fettine sottili. Per facilitare l’operazione usate una mandolina. Ovviamente solo le cipolle vanno sbucciate, invece il cetriolo va pelato e tagliato a dischi sottili. Il radicchio e il songino, invece, vanno semplicemente tagliati e ridotti a striscioline. Ora componete il kebab. Prendete una fetta di pane arabo e spalmateci sopra  la salsa allo yogurt (bastano un paio di cucchiai), cercando di ottenere un effetto omogeneo.

Ricordatevi di lasciare un po’ di bordo libero, infine applicate sulla salsa un abbondante strato di cipolle e zucchine grigliate. Ora sistemate sopra il radicchio e il songino, e fate lo stesso con le fette di cetriolo. Infine adagiate il pollo caldo o freddo, come preferite. Io vi consiglio il pollo caldo per avere una maggiore morbidezza. Concludete chiudendo il pane arabo a mo’ di piadina. Il vostro kebab è pronto per essere gustato! Solitamente viene servito con varie salse.

4.6/5 (5 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

sciatt

Gli sciatt, delle splendide polpettine al formaggio

Gli sciatt, una ricetta antica Gli sciatt sono delle frittelle tonde con un cuore di formaggio filante, un piatto tipico della Valtellina. Benché siano simili ai soliti pezzi di rosticceria, in...

Gyros

Gyros, il meglio dello street food greco

Gyros, la cucina greca al suo meglio Oggi vi presento il gyros, un tipico piatto greco e albanese. In Albania è conosciuto come sufllaqe. Questa ricetta è una variante fedelissima all’originale,...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

20-10-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti